giovedì 22 settembre 2016

Salva Israele, ferma l’occupazione. Appello agli ebrei del mondo – Articolo21




Salva Israele, ferma l’occupazione. Appello agli ebrei del mondoBlog20 settembre 2016di: Confronti Tweet…
articolo21.org



500 personalità israeliane hanno sottoscritto una dichiarazione-appello agli ebrei del mondo perché si uniscano in un’azione comune rivolta a porre fine all’occupazione dei territori palestinesi. Un appello alla Diaspora perché non sia spettatrice silente e rassegnata dinanzi al pericolo che il persistere dell’occupazione conduca ad uno stato binazionale senza diritti per i palestinesi e al degrado della democrazia all’interno stesso di Israele.
Fra i firmatari (l’elenco integrale è disponibile qui) vi sono intellettuali, scrittori e artisti fra i più noti in Israele, accademici, fra cui un Premio Nobel e 48 vincitori del Premio Israele, ex-alti ufficiali dell’esercito, ex- ministri, parlamentari e diplomatici. Documenti più dettagliati sui principi e programmi di SISO si trovano sullo stesso sito. Esso sarà disponibile in futuro anche in italiano.
Per la prima volta un gruppo così ampio di israeliani si rivolge direttamente agli ebrei della Diaspora chiedendo un sostegno fattivo alla causa. «Mai dal 1948 – ricorda Alice Shalvi, insignita del Premio Israele per il suo contributo allo Stato di Israele – vi è stata la necessità come oggi di un’alleanza fra Israele e la Diaspora. Allora lottammo per dare vita a uno stato ebraico indipendente. Oggi dobbiamo investire ogni sforzo nel salvare l’anima di Israele e la sua dirittura morale».
L’appello è solo un primo passo. L’impegno è organizzare in Israele così come nel mondo ebraico una serie di iniziative – incontri, spettacoli, concerti, attività educative – per il periodo che va fino al giugno 2017, 50 anni dalla guerra del giugno 1967 e dall’inizio dell’occupazione.
Con l’avvicinarsi del 2017, che segna il cinquantesimo anno dell’occupazione israeliana di territori palestinesi, Israele è ad un punto di svolta. La situazione attuale è disastrosa. Il protrarsi dell’occupazione opprime i palestinesi e alimenta un ciclo ininterrotto di spargimento di sangue. Corrompe le fondamenta morali e democratiche dello Stato di Israele e danneggia la sua posizione nella comunità delle nazioni. La nostra migliore speranza per il futuro – il tragitto più sicuro verso la sicurezza, la prosperità e la pace – risiede in una soluzione negoziata del conflitto israelo-palestinese che conduca alla creazione di uno Stato palestinese indipendente accanto e in rapporti di buon vicinato con lo Stato di Israele. Facciamo appello agli ebrei nel mondo intero perché si uniscano a noi israeliani in un’azione coordinata per porre fine all’occupazione e  costruire un futuro nuovo per la salvezza dello Stato di Israele e delle generazioni future.
Sottoscritto da oltre 500 israeliani, fra cui :
David Grossman, Amos Oz, Achinoam Nini (Noa), David Broza, Avishai Margalit, Avraham Burg, Edward Edy Kaufman, Ohad Naharin, Orly Castel Bloom, Ilan Baruch, Alon Liel, Elie Barnavi, Alice Shalvi, -Shakhar, David Harel, David Tartakover, David Rubinger, David Shulman, , Dani Karavan, Daniel Bar-Tal, Daniel Kahneman,  Zeev Sternhell, Chaim Oron (Jumes), Haim Ben-Shahar, Chaim Yavin, Yair Tzaban,  Yehuda Bauer, Judith Katzir, Joshua Sobol, ,  Yoram Bilu,  Yael Dayan, Iftach Spector, Yitzhak Frankenthal, Mossi Raz, Michael Benyair, Micha Ullman,  Menahem Yaari, Moshe Gershuni, Noga Alon, Nahum Tevet, Naomi Chazan, Nathan Sharony, Savyon Liebrecht, Sami Michael, Sammy Smooha, Edit Doron, Amos Gitai, Amram Mitzna, Anat Maor, ‏‏ Colette Avital, Ronit Matalon, Shaul Arieli,  Shimon Shamir,  Akiva Eldar, Aharon Shabtai, Eva Illouz
Da confronti

Nessun commento:

Posta un commento