mercoledì 14 settembre 2016

Carlo Strenger: il nuovo romanzo di Safran Foer analizza il divorzio tra gli ebrei liberali e Israele

Sintesi personale


I liberali ebrei americani    sono cresciuti con l'idea che l'amore fervente per Israele sia essenziale per un buon Ebreo e che gli ebrei della diaspora dovrebbero  sentirsi in qualche modo  'inferiori e in colpa verso  i più muscolosi "ebrei israeliani che vivono in costante pericolo e lottano a per l'esistenza di una patria ebraica, minacciata dall' intero mondo arabo, come  è avvenuto nel 1948, nel 1967 e nel  1973.

  La generazione di Safran Foer non ha vissuto l'esperienza di queste tre guerre,ne ha  sentito parlare dai genitori ,la domenica nelle scuole o in qualche movimento giovanile ebraico . Di Israele conosce il successo economico e la vivacità culturale . Nessun  stato arabo lo sta  realmente minacciando . I liberali americani  si impegnano per i diritti umani universali e per la correttezza politica, mentre l'attuale Israele è sempre più spostata  verso una visione etnico-nazionalista di destra  con sfumature razziste. I vertici militari  ritengono che l'esistenza di Israele  sia più sicura di quanto non lo sia mai stata , anche se Bibi continua a parlare di  imminente distruzione . 

  Personalità politiche come Benjamin Netanyahu, Naftali Bennett, Avigdor Lieberman, la morsa ultra-ortodosso della religione in Israele, il totale disprezzo per gli ideali occidentali di pluralismo ,le azioni verso i Palestinesi  ,spingono gli ebrei  liberali della generazione di Safran Foer a non considerare   né Israele né gli israeliani  più parte di "loro." 

Peter Beinart ha denunciato da anni questo costante e graduale  distacco 

Israele è sempre più nazionalista e sempre meno fondata sui valori tradizionali liberali .L' 'ideale del tiqqun'olam - la guarigione del mondo mediante i valori universali e l'impegno per l'umanità nel suo insieme - è del tutto estraneo alla corrente principale del giudaismo israeliano .

  Il razzismo è diventato l'elemento principale  del diritto politico  di Israele . Nel romanzo  il governo rifiuta ogni aiuto umanitario a "non-ebrei" e lascia morire i Palestinesi, vittime di un terribile terremoto 

Come risultato della crescente corrente  etnico -nazionalista  , l' imbarazzo ha sostituito la colpa

Questo romanzo  riflette il cambiamento  dell' ebraismo americano nelle sue forme non ortodosse (  il 90 per cento di tutti gli ebrei degli Stati Uniti.) 

. Per millenni  l'accettazione di Abramo di obbedire alla richiesta di Dio di macellare il figlio è stata salutata come la massima espressione della fede da ebrei, cristiani e musulmani,ma non è così oggi .

El Kana, il dio geloso che  vuole la totale  sottomissione alla sua volontà , per la maggior parte dei liberali ebrei  corrisponde a un aspetto della Torah che non può essere più accettato : Dopo tutto Dio  ordinò il genocidio di tutte le tribù non ebree di Canaan, l'estinzione di Amalek, l'esecuzione degli omosessuali ,  l'uccisione di 3.000 figli d'Israele dopo che ebbero costruito il vitello d'oro.

I liberali ebrei hanno fatto un enorme sforzo per umanizzare il giudaismo e  trasformarlo in una religione compatibile con l'umanesimo moderno. Questo progetto è iniziato nel 19 ° secolo in Germania  ed è giunto al suo compimento negli Usa , dove la stragrande maggioranza degli ebrei  ha  purificato l'ebraismo dal suo attaccamento anacronistico  a un crudele Dio, esemplificato nel sacrificio di Isacco.. Ci sono gruppi ortodossi che vogliono ripristinare in Israele il tempio e l'uso dei sacrificio degli animali . Questo per i liberali ebrei  sembra la reliquia di un passato pagano e l'idea  del sacrificio animale  risulta scandaloso




Nessun commento:

Posta un commento