giovedì 11 agosto 2016

Susan Abulhawa : IL MIRACOLO DELLA DESALINIZZAZIONE ISRAELIANA, BABBO NATALE E ALTRE FIABE.



A general view shows a poster warning visitors of sinkholes in Israel's abandoned tourist resort of Ein Gedi on the shore of the Dead Sea on July 11, 2016. Experts have warned that the Dead Sea, the lowest and saltiest body of water in the world, is on course to dry out by 2050, with the emergence of sinkholes forcing the closure of roads and beaches, as well as damaging agriculture. / AFP PHOTO / MENAHEM KAHANA
A general view shows a poster warning visitors of sinkholes in Israel’s abandoned tourist resort of Ein Gedi on the shore of the Dead Sea on July 11, 2016.
Experts have warned that the Dead Sea, the lowest and saltiest body of water in the world, is on course to dry out by 2050, with the emergence of sinkholes forcing the closure of roads and beaches, as well as damaging agriculture. / AFP PHOTO / MENAHEM KAHANA
“Far fiorire il deserto” mito mascherato dell’occupazione israeliana e il degrado delle risorse naturali palestinesi

Susan Abulhawa – Tuesday 9 August 2016 13:58 UTC


Scientific American ha recentemente condotto un servizio sull’industria di desalinizzazione israeliana, vista come un atto miracoloso di ingegno di una piccola nazione nel mezzo delle fiamme, le nazioni arretrate.

Per citare il linguaggio romanzato dell’articolo, l’autore si riferisce a Israele come “una civiltà galvanizzata che ha creato l’acqua dal nulla”, dove solo a poche miglia di distanza, alludendo alla Siria e all’Iraq in particolare, ma anche paesi arabi in generale, “l’acqua è scomparsa e la civiltà si è sbriciolata “.

E ‘sorprendente vedere sulle pagine di Scientific American come la promozione palese dell’eccezionalità di Israele e la risurrezione menzognera della mitologia di “fare fiorire il deserto”. E’ importante analizzare i fatti, la storia e la realtà in questa favola dell’acqua.

L’autore sostiene sfacciatamente di conoscere 900 anni di storia palestinese è israeliana. In realtà, Israele è un paese 68 anni, abitato da immigrati ebrei europei che conquistarono la Palestina, espulso la maggior parte della popolazione indigena e rivendicato per loro tutti i terreni, fattorie, case, aziende, biblioteche e risorse.

Oltre a ciò l’appropriazione gratuita della storia palestinese, l’articolo non fornisce alcun contesto storico dell’ambiente, delle precipitazioni e delle risorse idriche naturali, dando l’impressione di una terra inospitale e naturalmente arida.


desalinizzazione
Sorek Desalination Plant. Credit: Photo courtesy of IDE Technologies.

Nei fatti, nel corso della storia, il nord della Palestina vantava un clima mediterraneo, con estati calde e secche, con precipitazioni abbondanti in inverno. E infatti, le precipitazioni a Ramallah sono superiori a quelle di Londra, così come la pioggia di Gerusalemme.

La metà meridionale della Palestina diventa deserto intorno ai territori di Beersheba, dove il deserto Naqab si espande fino alla punta della Palestina. Quando è stato fondato Israele, i palestinesi vivevano in modo sostenibile coltivando il 30% del loro paese. Escludendo  Beersheba, la percentuale  sale a una media del 43%, raggiungendo il top del 71% a Gaza.

La gestione dell’acqua al servizio del colonialismo

La funzione del regime idrico israeliano è in modo sinergico all’interno di un contesto più ampio di esclusività ebraica e di negazione palestinese. Separare i due aspetti della discussione è ipocrita, dal momento che gran parte della crisi idrica corrente è direttamente e indirettamente imputabile al sionismo che ha rivoltato l’organizzazione sostenibile della società nativa del territorio e dell’agricoltura.

Nel suo primo anno di fondazione, la deviazione israeliana dell’acqua di fiumi e affluenti cominciò sul serio, forzando la natura con variazioni innaturali per applicare una ideologia in contrasto con il territorio locale.

Ignorando l’incompatibilità ecologica di piantare colture estranee ad alta intensità di acqua per alimentare i palati europei e irrigando il deserto rubando l’acqua dei vicini, ignorando gli abitanti  e la biodiversità locale, con il sovra-pompaggio e la sottrazione di acqua per servire gli insediamenti sionisti con standard europei insostenibili, si  impostano  le basi per un gran numero di disastri ambientali in tutta la Palestina.

Ad esempio, anche se Israele avesse diffuso una percezione di pratiche agricole di ebrei ingegnosi (attraverso narrazioni PR di eccezionalismo ebraico simile a quello utilizzato nell’articolo di Scientific American), l’agricoltura israeliana era in realtà distruttiva per l’equilibrio ecologico della Palestina. Con l’80% di acqua disponibile utilizzata in agricoltura, che ha contribuito meno del 3 per cento all’economia israeliana, Israele ha continuato a sfruttare le risorse idriche per promuovere il sistema coloniale sionista, una contraddizione ecologica per l’ambiente locale.

Privare i palestinesi della loro acqua

Contemporaneamente alla colonizzazione avanza la negazione e l’esclusione della società palestinese nativa. Con il furto su larga scala della ricchezza e dei beni palestinesi, Israele ha iniziato  la distruzione della vita palestinese, soprattutto distruggendo l’agricoltura, che dipendeva da colture non irrigue come alberi di ulivo.
Schermata 2016-08-10 alle 15.05.13.pngOltre a questo, il controllo totale di Israele su tutti di acqua della Palestina ha permesso loro di mantenere i palestinesi assetati e in ginocchio. La distribuzione iniqua e razzista dell’acqua è stato ampiamente documentato neirapporti severi da parte di organizzazioni locali e internazionali.

L’articolo [pubblicato da Scientific American] afferma che Israele fornisce l’acqua ai  palestinesi, ignorando il fatto cruciale che l’acqua appartiene ai palestinesi, in primo luogo. L’acqua dolce è pompata da una falda acquifera di montagna sotto villaggi palestinesi e i territori  per rifornire gli insediamenti israeliani. Una piccola frazione di questa acqua viene poi rivenduta ai palestinesi, in genere a prezzi molto più alti rispetto a quello per le colonie ebraiche della stessa zona.

Mentre i coloni ebrei consumano oltre cinque volte più acqua, godendo di prati verdeggianti e piscine private, l’accesso dei palestinesi all’acqua è variabile, a volte discontinua per settimane o mesi, o negato del tutto. Non è raro per interi villaggi trovarsi senza acqua potabile, per non parlare di ciò che questo significa per l’agricoltura palestinese.

Appropriarsi delle acque di superficie

Uno sguardo alla gestione delle acque di superficie fornisce ulteriore esempio della distruzione di Israele del potenziale idraulico della Palestina. Il fiume Al Auja, che Israele ha ribattezzato come il Yarkon, era un fiume costiero vigorosa, con una grande varietà di pesci e  di fauna, alcune delle quali non esistono in nessun altro luogo.

Gli abitanti del villaggio palestinese di Ras al-Ayn,  in una guida del  1891 lo hanno descritto come “un fiume prospero che scorre a zig zag fino a buttarsi in mare … la sua forza fa girare le pale dei mulini e piccoli pesci possono essere catturati in esso”.

In solo un decennio di gestione israeliana dell’acqua della Palestina, questo fiume che dava la vita è stato ridotto a un rivolo di acque reflue, le sue acque dirottate e sostituite con un fango tossico di sostanze inquinanti industriali e domestiche che, nel 1997, ha corroso  i polmoni e gli organi vitali di un atleta in gara ai Maccabiah Games  caduto nel fiume a seguito del crollo di un ponte.

limes
Uno dei primi progetti idrici di Israele quando conquistò l’accesso al Giordano, è stato quello di iniziare a portare lontano l’acqua  dai loro vicini, incitando la Siria e la Giordania a seguire l’esempio di conservare la propria quota di acqua regionale. Decenni più tardi, i livelli d’acqua sono così bassi che il fiume Giordano non può più ricostituire il Mar Morto. I livelli dell’acqua in diminuzione, insieme con i “bacini di evaporazione” di Israele per estrarre minerali ed altre attività industriali hanno creato un disastro ambientale mai visto prima in Palestina.

Nel 1950, Israele prosciuga le zone umide Huleh della Palestina, un tesoro di biodiversità del Vicino Oriente, per stabilire insediamenti ebraici. Centinaia di questi progetti coloniali hanno notevolmente compromesso la ricca diversità biologica e geografica che ha prosperato in questo terreno crocevia  di tre continenti.

Un miracolo israeliano?

Così, ignorando la storia del sionismo, la degradazione dell’ambiente della Palestina e il ruolo fondamentale di Israele nella genesi della crisi idrica in corso, l’articolo di Scientific American pone le basi per spiegare il miracolo a basso costo, non invadente, fornitura apparentemente illimitata di acqua dolce. Francamente, questo racconto appartiene ad altri miti come “una terra senza popolo per un popolo senza terra” e Babbo Natale, le sue renne e la fabbrica dei giocattoli al Polo Nord.

Tuttavia la desalinizzazione  effettivamente proposta e altri  vantaggi, non è per nulla miracolosa né è  un’eccezione in Medio Oriente, simili sfide sono state vinte nei paesi del Golfo che hanno impiegato tecniche di dissalazione per qualche tempo.
Da esperienza qui e altrove, sappiamo che ci sono dei costi grandi per l’ambiente e gravi rischi per la salute conseguenti alla  desalinizzazione, compresi i sottoprodotti di gas a effetto serra e l’inquinamento. Non è chiaro se il costo propagandato di 0,58 dollaro per metro cubo di acqua include il costo dell’inquinamento o il costo di ampie fasce di prezioso terreno costiero che deve essere utilizzato per le infrastrutture di dissalazione. Né vi era alcuna menzione della devastazione nota e prevedibile per la vita marina locale inseguito alle alterazioni fisiche e chimiche dell’ambiente conseguenti ai processi di desalinizzazione.

Report onesto.

Negli ultimi due decenni, gli ambientalisti israeliani hanno lavorato per sensibilizzare la loro società sulla portata della loro distruzione del mondo naturale locale, ed i loro sforzi, così come la legislazione e dei regolamenti, hanno iniziato a mitigare alcuni degli effetti deleteri di conquista di Israele, insediamenti e pesanti alterazioni ambientali.

Non è un recupero facile, tuttavia, per come le politiche israeliane, sostenute dalla politica coloniale, hanno quasi cancellato l’organizzazione sostenibile della civiltà indigena della Palestina e l’ecologia nativa.

E’ irresponsabile e disonesto continuare a diffondere il mito romanzato dell’eccellenza israeliana come unica brillante scelta per guidare e ispirare. La cosa intelligente da fare  è spiegare coraggiosamente i fallimenti economici, ambientali e sociali, maschere di Israele, l’orribile distruzione della società  nativa, sia di  umani che non umani.

Scientific American farebbe meglio a fornirci inchieste incisive e resoconti onesti sulla pletora di sfide ambientali cui deve far fronte l’umanità, soprattutto in Medio Oriente, in un’epoca in cui l’inquinamento e le dimensioni della popolazione han raggiunto proporzioni inaudite, caratterizzata da guerre incomprensibili e diminuzione delle risorse invece di promuovere la favoletta di uno stato di coloni che si autoincensa.

 

Nessun commento:

Posta un commento