TEL AVIV - Un ragazzo palestinese di 17 anni, Muhammad Abu Hashhash, è morto dopo essere stato ferito nel corso di scontri con l'esercito israeliano avvenuti oggi nella parte sud di Hebron in Cisgiordania. Negli scontri altri 32 palestinesi sono stati feriti. Lo ha annunciato il ministro della sanità palestinese, citato dalla Maan. Secondo il portavoce del Pronto soccorso palestinese Errab Foqoha - anche questi citato dalla Maan - il ragazzo è morto dopo essere stato "colpito da proiettili veri al cuore", esplosi dall'esercito israeliano durante gli scontri.
Secondo fonti palestinesi citate dai media locali gli incidenti sono avvenuti durante perquisizioni alla ricerca di armi operate dall'esercito israeliano nel campo profughi di al-Fawwar vicino Hebron.





Three battalions of Israeli troops entered al Fawwar refugee camp in early morning hours and were confronted by Palestinians. IDF confirms only 11 wounded.
haaretz.com



A Palestinian teen was killed and dozens were wounded during an Israeli army operation in the West Bank refugee camp of al Fawwar near Hebron on Tuesday, the Palestinian Health Ministry said.
According to the ministry, 17-year-old Mohammed Abu Hashash was hit by live fire to the chest. 
The Israeli military confirmed that 11 had been wounded, and said that they had been struck in their lower extremities by rounds from the "Ruger" rifle, considered to have less force than live fire. The IDF said that had detained three Palestinians wanted for interrogation. In contrast, the Palestinian Red Crescent reported that 25 had been wounded, and Palestinian sources said 40 were wounded. 
Eye witnesses said that Israeli forces had surrounded the refugee camp and that medical teams were struggling to reach and evacuate the wounded for care. Sources in al Fawwar claimed that some of those wounded were in serious condition and that both rubber and regular bullets had been fired.
"There's an unprecedented attack on the refugee camp," a Palestinian activist in the camp told Haaretz. "It's been going on for hours and hours, and everyone's silent, both the (Palestinian) Authority and international organizations."
The IDF Spokesperson's Unit said that the large number of troops had entered al Fawwar in order to arrest suspects, to search for illegal weapons and to summon individuals for questioning. Violent clashes erupted when the soldiers were met by a hail of stones, Molotov Cocktails and improvised explosives, said the IDF. Israeli troops then responded with crowd control measures, including the use of the "Ruger" rifle. At least four were shot after throwing concrete blocks at the soldiers.
Meanwhile, Palestinian eye witnesses reported that the Civil Administration had demolished 10 buildings overnight including apartments and others that were constructed without permits in the town of Si'ir, near Hebron and in Bayt Jala near Bethlehem.
The mayor of Si'ir, Kaid Jaradat, said that in a north-eastern neighborhood located in Area C, eight buildings were demolished.
"These are homes where entire families live who were evicted from their homes and are left without a roof over their heads," said Jaradat.
An owner of one of the destroyed homes said that the family had been trying for two years to get a permit, but had failed. He said that 55 people had been left homeless as a result of the demolitions.


Haaretz Correspondent




PALESTINA. Ucciso un adolescente a Fawwar

17 ago 2016

Israele intende dichiarare “terra demaniale” un’ampia zona a ridosso di Betlemme per espandere l’insediamento di Efrat. Muhammad Abu Hashhash, 17 anni, ucciso durante raid dell’esercito in un campo profughi


fawwar
Feriti durante gli scontri a Fawwar (Wisam Hashlamoun/Flash90)

 

 

AGGIORNAMENTO ore 10 – FUNERALI E GIORNO DI LUTTO A HEBRON, MORTO EX PRIGIONIERO

Oggi è giorno di lutto ad Hebron, durante i funerali del 17enne Muhammad Abu Hashhash, ucciso ieri dall’esercito israeliano nel campo profughi di Fawwar. Tutti gli uffici pubblici e i negozi sono stati chiusi, fa sapere il segretario di Fatah nella città meridionale della Cisgiordania. Al lutto si unisce anche Hamas e parteciperà ai funerali che si terranno dopo la preghiera di mezzogiorno.

E’ deceduto ieri nell’ospedale di Hebron al-Ahli anche il 46enne Naim Shawamrah, ex prigioniero politico. In carcere per 19 anni, liberato nel 2013, soffriva di distrofia muscolare – comparsa in prigione – e a causa della mancanza di cure durante la detenzione le sue condizioni sono peggiorate, portandolo alla morte dopo una lunga e dolorosa lotta con la malattia, riporta il Palestinian Prisoners’ Society. L’associazione palestinese per i prigionieri politici Addameer ha parlato di “voluta politica di negligenza” da parte delle autorità israeliane.

————————————————————————————————-

di Michele Giorgio

Gerusalemme, 17 agosto 2016, Nena News – Un nuovo appello a bloccare l’espansione degli insediamenti israeliani in Cisgiordania è stato lanciato dall’Olp e dal premier palestinese Rami Hamdallah dopo che il quotidiano Haaretz e il gruppo pacifista israeliano Peace Now hanno rivelato che Israele intende dichiarare “terra demaniale”, terra dello Stato, un’ampia zona a sud est di Gerusalemme, nei pressi dell’insediamento di Efrat, sulle colline verso Hebron.

Il fine, secondo Haaretz, sarebbe quello di congiungere Efrat alla colonia di Givat Eitam e, quindi, di allargare fino alle porte meridionali di Betlemme questo blocco di insediamenti israeliani. Questo piano, se realizzato, finirebbe per separare Betlemme dal sud della Cisgiordania. Già nel 2009 circa 170 ettari di terra vicini a Efrat furono dichiarati “demanio dello Stato” e la stampa all’epoca riferì di progetti per la costruzione in quella zona di altre 2500 unità abitative per coloni.

Il segretario generale dell’Olp Saeb Erekat si è augurato che il Tribunale penale internazionale si pronunci rapidamente sul dossier completo riguardo gli insediamenti, in modo da aprire una indagine formale sulla colonizzazione che porti alla incriminazione di Israele. Per il premier dell’Anp Hamdallah, Israele sta cercando di spaccare in più parti la Cisgiordania.

Muhammad Abu Hashhash, 17 anni, ucciso ieri a Fawwar (Foto: Ma'an News)
Muhammad Abu Hashhash, 17 anni, ucciso ieri a Fawwar (Foto: Ma’an News)

Proseguono nel frattempo i raid dell’esercito israeliano nei campi profughi e nei centri abitati palestinesi. Un ragazzo di 17 anni, Muhammad Abu Hashhash, è stato ucciso ieri dal fuoco dei soldati durante le proteste per l’operazione lanciata da reparti militari israeliani nel campo profughi di al Fawwar (Hebron) alla ricerca, secondo la motivazione ufficiale, di armi. Il ragazzo, ha spiegato un portavoce palestinese, è stato colpito al petto dai proiettili esplosi dall’esercito israeliano durante gli scontri. Altri 30 palestinesi sono rimasti feriti, tra cui quattro feriti da pallottole.



http://nena-news.it/palestina-ucciso-un-adolescente-a-fawwar/