venerdì 19 agosto 2016

I peggiori commentatori su Internet. Catalogo dei tipi in rete che non vorresti incontrare mai. E invece commentano sempre.


 
 
 
 
ilnuovomondodigalatea.wordpress.com
 
 
 
Nel mare magno di internet, in tanti anni ho ormai raccolto una casistica precisa di commentatori di post e di status. Visto che è Agosto e si ha poco da fare sotto l’ombrellone, eccone una breve carrellata dei più frequenti. È un post in progress, che può tranquillamente essere aggiornato con nuove categorie.
Il Monotematico: il Monotematico ha a cuore un solo argomento e riconduce qualsiasi cosa alla sua fissa. Non importa se tu scrivi un post sugli ami da pesca o sul governo Renzi, se la sua fissa sono, putacaso, i dipinti di Artemisia Gentileschi lui interviene nei commenti parlando di quello. Quando gli fai notare che non c’entra un caspita grida alla censura o ti dà del cretino perché sottovaluti l’importanza di Artemisia Gentileschi nella storia della cultura mondiale. E non si fa.
Lo Spiegone: lo Spiegone interviene sui post di qualsiasi argomento spiegando a tutti dall’alto della sua competenza come stiano le cose. Di solito lo Spiegone ha alle spalle una monumentale cultura basata sulla lettura frettolosa di un paio di pagine di Wikipedia, e nemmeno capite del tutto, ma sulla base di questo solido bagaglio discetta di matematica con i matematici, di greco con i grecisti, di grammatica italiana con l’Accademia della Crusca, e spiega a tutti che sono dei cretini. Lo Spiegone quasi sempre ha una laurea presa “all’Università della Vita”. Che, come tutti sanno, è come credibilità un gradino sotto dell’ateneo albanese che ha laureato il Trota.
Il Benaltrista: è speculare al Monotematico. Se il monotematico parla ossessivamente di un argomento, il Benaltrista parla sempre di qualcosa d’altro che non sia quello di cui su cui vuoi ragionare tu. Se scrivi un post sulla fame nel mondo, ti dice che il vero problema mondiale è il traffico, se parli del traffico, allora il problema sono le guerre o il surriscaldamento globale, se parli di moda fa notare che è un tema troppo leggero in un mondo assediato di tragedie, se parli di tragedie che il mondo è già troppo triste per angosciarsi ulteriormente. Qualsiasi problema sia citato, il Benaltrista ne trova subito un altro di cui non hai parlato e che meriterebbe più attenzione. Il Benaltrista, ovviamente, non si occupa mai di nessun problema. Ha ben altro da fare, del resto.
Il Livido: il Livido è pieno di livore. Lo mastica in continuazione e lo scarica su di te per non ben chiari motivi. Qualsiasi cosa tu scriva, pensi e dica non va bene, per principio. Interviene con commenti acidissimi in cui ti attacca per ogni cosa, perché la sua missione al mondo è dimostrare quanto sei inutile e cretina. Non si capisce perché il Livido continui a leggere il tuo blog, visto che schifa tutto ciò che scrivi e la tua esistenza lo infastidisce. Però se per caso lo banni dalla tua pagina facebook si incacchia più di Adamo e Eva quando furono scacciati dal Paradiso Terrestre, chiama in chat gli amici e scrive status in cui cerca di taggarti per dirti che sei cattivo, cattivo, cattivo.
Il Dettatore di Agenda: è quello che viene sul tuo blog o sulla tua pagina facebook e protesta perché non ti sei mai occupata di quel particolare problema di cui quel giorno ha deciso che si deve parlare. Non importa se dell’argomento tu non ti sei mai occupata in tutta la vita, non ne sai una cippa e spieghi gentilmente che non hai le competenze per affrontarlo o semplicemente non ne hai la voglia, anche perché sul tuo blog o sulla tua pagina di Fb avresti anche il sacro diritto di parlare di quello che ti pare e piace. Il Dettatore di Agenda a quel punto si arrabbia dicendo che eserciti la censura, sei parte di un complotto internazionale, sei venduta, e soprattutto dovresti linkare il fondamentale post scritto da lui sull’argomento che ama, e che naturalmente nessuno si sta filando.
Il Finto Timido: è quello che comincia il commento dicendo “Non so se posso intervenire…” e poi piazza un centinaio di commenti lunghi come una voce della Treccani e in cui in sostanza non dice nulla.
L’Uomo (o la Donna) di polso: quella che interviene con commenti lapidari in cui dice che la soluzione dei problemi è invariabilmente cacciare/bombardare qualcuno/affondare barconi/prendere a calci in culo chi non la pensa come lei/lui. Poi per il resto posta sulla bacheca foto di teneri gattini e frasi melense sull’amore universale.
Il Cristiano fanatico: è quello che considera pericolosi fiancheggiatori degli islamisti/terroristi o laicisti tutti quelli che non sono tanto fanatici quanto lui e chiede la pena di morte. Poi per il resto del tempo posta foto di santini in cui si parla dell’amore di Gesù verso il prossimo.
Il Propagatore di bufale in buona fede: quello che non ha ancora capito che siti come Lercio o il CorrieredelCorsaro fanno satira, e non c’è maniera di spiegarglielo.
Il Propagatore di Bufale inetto: quello che riposta incessantemente articoli credendoli veri, non rendendosi conto che “IlSole24oreCorrieredellaSera.altravista.org” o “ilGiomale”forse come siti ufficiali non sono tanto affidabili…
Il Propagatore di bufale convinto: quello che pesca i post da siti come “ComplottoUniversaledelleMultinazionalicattive”, “ScieChimichespiegateallaggente” o, più spesso, il Blog di Grillo, LIbero e il Giornale.
L’Egocentrico: quello che è convinto che tutti i post che scrivi e i commenti che metti siano in qualche modo riferibili a lui o alla sua vita. Così interviene arrabbiatissimo per ordinarti di smettere di alludere a lui. Dopo tre giorni, interviene lamentandosi perché non parli più di lui e questo dimostra che sei cattiva.
L’Allusivo: Quello che nella discussione lascia sempre intendere di saperne di più ma di non poter fornire link o spiegare più esattamente perché ha fonti segretissime che deve proteggere, informazioni non accessibili alla massa e soprattutto il cugino nelle forze dell’ordine che gli ha fatto le soffiate. Il cugino, nel migliore dei casi, è appuntato dei Carabinieri in una stazione dell’estrema provincia e non sa nemmeno aprire Facebook, ovviamente.
L’Uomo di Mondo: è quello che ha vissuto dappertutto, e siccome lascia intendere di fare un lavoro ad altissima specializzazione ma non chiaramente definito, conosce tutti i continenti come il palmo della sua mano, ha contatti infiltrati nell’ISIS, conosce di persona i generali di Assad che assediano Aleppo, ha preso il caffè con il Segretario dell’ONU. Poi, stranamente, confonde Teheran con Abbiategrasso e nonostante abbia frequentato per anni e anni paesi musulmani non sa nemmeno la differenza fra Sciiti e Sunniti. Ma è perché era troppo impegnato ad infiltrarsi nell’ISIS per curare queste bazzecole.
Andiamo avanti?
 

Nessun commento:

Posta un commento