martedì 16 agosto 2016

Gideon Levy : dagli articoli sui bambini israeliani spariti emerge la storia di mio fratello scomparso



Gideon Levy with his parents in Tel Aviv, Israel, 1955.Courtesy of Gideon Levy

Sintesi personale

Da quando ho letto il recente articolo di Ofer Aderet sulla scomparsa dei bambini in Israele, ho cominciato  a chiedermi: Dove è  Dan? È vivo?



Nel  1967, non molto tempo dopo la guerra, io e  mia madre siamo andati   a un incontro con l'infermiera dell’ Istituto “Ironi Aleph “ per regolarizzare l’iscrizione  . L'infermiera,dopo aver chiesto informazioni sanitarie ,ha improvvisamente fatto un accenno all’esistenza  di   un mio  fratello maggiore. Mia madre ha taciuto a lungo e ,alla fine,  ha risposto con gli occhi abbassati : “E’ morto” . Io non ho capito più niente. Più tardi siamo andati a casa senza parlare . Durante la serata i miei genitori mi hanno detto che erano dispiaciuti per  avermi nascosto per tutti questi anni l’esistenza di un altro figlio . Si chiamava  Dan  ed era morto per una malattia , non ricordo quale dopo solo sei settimane di vita .  I miei genitori lhanno  lasciato  il corpicino all’ospedale senza riportarlo a casa .  Il personale ha spiegato loro che non aveva una tomba poiché era morto senza essere circonciso .  

Un bambino non circonciso  non ha  una tomba? Ho chiesto al rabbino Benny Lau   che ha negato    che ciò  sia contemplato dalla legge ebraica  . Non abbiamo più parlato di  mio fratello morto, non è stato più  menzionato nella mia casa. Probabilmente,dopo quello che avevano passato in Europa, né mia madre né mio padre  erano in grado di affrontare  un’altra prova o di porsi  domande

 Quando ho letto l’articolo del mio collega Ofer Aderet sulla scomparsa   di altri bambini, ho cominciato  a chiedermi: Dove sei   Dan? Sei vivo  Dan?  Forse ora hai  un altro nome,  Sei nato nei  primi anni  del 1950  e forse  risiedi in un’altra città, in un altro Paese ? Puoi metterti in contatto con me? Tom, mio  figlio ,aveva un anno   quando è morto nel  1988  ed è  sepolto nella sezione dei bambini  nel cimitero di Kiryat Shaul a Tel Aviv. Per anni la sua tomba è stata circondata da una recinzione arrugginita che delimitava le sepolture dei bambini anonimi. Poi un giorno una mano invisibile ha coperto  la sezione per l'infanzia con un pavimento di cemento  . I nomi sono stati incisi su quelle lastre di pietra, a volte senza qualsiasi ulteriore informazione :  data,  nomi dei genitori. Un pensiero è vivo nella mia mente ora: forse mio fratello Dan è sepolto lì  accanto al mio piccolo figlio Tom.

Nessun commento:

Posta un commento