lunedì 22 agosto 2016

Gaza: Hamas nega di aver lanciato un razzo contro Israele e accusa gruppi minoritari salafiti

 Sintesi personale

Hamas ha negato il suo ruolo nel lancio di un razzo e accusa  un gruppo minoritario :
"Un gruppo non impegnato nella  resistenza all'occupazione è dietro al lancio del razzo di ieri," Mahmoud al-Zahar, un alto funzionario di Hamas a Gaza, ha dichiarato .Un'organizzazione  chiamata . "  Ahfad al-Sahaba-Aknaf Bayt al-Maqdis"  affiliata a gruppi salafiti che si identificano con ISIS, ha rivendicato l'azione . Il gruppo  ha lanciato già nel passato razzi per sfidare  Hamas.Un anziano leader di Hamas Mahmoud al-Zahar, che appare per la prima volta dall'inizio del conflitto, durante una manifestazione dei palestinesi a Gaza  puntualizza :
"Hamas è impegnata a mantenere la calma finché Israele si asterrà dalle aggressioni verso Gaza",Decine di attacchi aerei e di artiglieria israeliani hanno colpito la Striscia di Gaza durante la notte , ferendo cinque palestinesi, dopo un razzo lanciato dal territorio costiero   verso  Sderot.Un alto funzionario israeliano ha riferito che l'esercito in gran parte  ha preso  di mira  le  "infrastruttura"  di Hamas "Gli attacchi sono stati fuori dal comune, ma non vi è alcuna intenzione di  far  degenerare la situazione"Gruppi salafiti hanno cominciato ad emergere a Gaza nel 2006 e hanno  sempre avuto un rapporto teso con Hamas,

 

Hamas Denies Role in Gaza Rocket Attack, Blasting Local ISIS Group





 
 
 
 
 
 
Palestinian masked members from Hamas' military wing hold RPGs during a rally along the street of Rafah, Gaza Strip, August 21, 2016. Adel Hana, AP

Hamas denied its role in Sunday's rocket launch at Israel and blasted the Gaza group behind the attack, saying they are not dedicated to the Palestinian struggle.
"A group not committed to the principles of the resistance to the occupation is behind yesterday's rocket launch," Mahmoud al-Zahar, a senior Hamas official in Gaza, said Monday afternoon.
An organization in Gaza called Ahfad al-Sahaba-Aknaf Bayt al-Maqdis, affiliated with Salafist groups that identify with ISIS, claimed responsibility for the rocket fire. The group has been known to fire rockets in the past as a challenge to Hamas, the Islamist organization that governs in Gaza.



 
 
 
Senior Hamas leader Mahmoud Al-Zahar, appearing for the first time since the start of the conflict, speaks during a rally by Palestinians in Gaza on Tuesday. Reuters

"Hamas is committed to calm as long as Israel refrains from aggressions toward Gaza," he said.
Dozens of Israeli air and artillery strikes hit the Gaza Strip overnight Sunday and early Monday, reportedly wounding five Palestinians, after a rocket fired from the coastal territory struck between two houses in the southern Israeli town of Sderot.
A senior IDF official said the army largely targeted what they described as Hamas "infrastructure", in an attack they called "rare" in comparison to IDF actions since a Gaza war of two year ago.
"The attacks were out of the ordinary, but there is no intention to escalate the situation," the army official told Haaretz.
Salafi groups began to surface in Gaza in 2006 and have had a tense relationship with Hamas, which seized the territory from forces loyal to the Western-backed Fatah group in 2007





Almeno cinque i palestinsi feriti. E’ scattato dopo il lancio di un razzo da parte di un gruppo salafita che ha colpito una zona residenziale della cittadina di Sderot senza fare danni alle persone
nena-news.it




foto di archivio
foto di archivio
della redazione
Gerusalemme, 22 agosto 2016, Nena News – Sono almeno cinque i palestinesi di Gaza rimasti feriti nei circa 50 raid aerei e tiri di artiglieria israeliani avvenuti in più fasi a partire da ieri pomeriggio dopo che un razzo lanciato da Gaza aveva colpito una zona residenziale della cittadina di Sderot senza fare danni alle persone. Solo uno dei feriti è in condizioni serie. Si è trattato del bombardamento israeliano più pesante su Gaza dalla conclusione, esattamente due anni fa, dell’offensiva “Margine Protettivo” in cui trovarono la morte circa 2.300 palestinesi e altre migliaia furono feriti.
Le forze aeree e di artiglieria israeliane hanno preso di mira, nella maggior parte dei casi, postazioni e basi di addestramento nel nord di Gaza – e in modo più limitato anche a sud –  del movimento islamico Hamas che controlla la Striscia e che pertanto il governo Netanyahu considera “responsabile” per qualsiasi azione armata o militare contro il territorio israeliano. A rivendicare il lancio del razzo non è stato Hamas ma un gruppo salafita, Ahfad al Sahaba-Aknaf Bayt al Maqdis,  che si identifica con l’Isis. In precedenza si era parlato anche di un coinvolgimento delle Brigate Abu Ali Mustafa, ala militare del Fronte popolare della liberazione della Palestina, intenzionate a reagire alla detenzione di Bilal Kayed in sciopero della fame da oltre due mesi. Israele continua a tenere in carcere Kayed sebbene abbia scontato interamente la sua pena di oltre 14 anni di prigione.
E’ opinione diffusa che la reazione pesante di Israele sia espressione della linea del pugno di ferro del nuovo ministro della difesa Avigdor Lieberman che in passato ha più volte invocato l’uso del massimo della forza per colpire Hamas. Potrebbe essere stata anche una ritorsione all’ampia parata tenuta ieri dall’ala militare del movimento islamico nelle strade di Gaza in cui le “Brigate Ezzedin al Qassan” hanno mostrato razzi e altre armi in suo possesso per commemorare l’uccisione, due anni fa, di tre comandanti militari dell’organizzazione da parte di Israele.
L’attacco su Gaza è avvenuto mentre continua la preparazione delle elezioni amministrative palestinesi del prossimo 8 ottobre. Ieri esponenti del partito Fatah, guidato dal presidente dell’Anp Abu Mazen, hanno accusato Netanyahu e Lieberman di desiderare il successo di Hamas “in modo da dimostrare la loro tesi che non c’è nessuno con cui negoziare sul lato palestinese”. Nena News




Nessun commento:

Posta un commento