domenica 10 luglio 2016

Israele : La nostra ragazza di Sima Kadmon

www.bocchescucite.org/la

L’articolo che leggerete non è apparso su un giornale palestinese ma nel quotidiano israeliano non certo progressista Yedioth Ahronot. Forse la coscienza critica di questo popolo è di nuovo in movimento?

La nostra ragazza di Sima Kadmon

Domenica scorsa, Tair Kaminer, di 19 anni, si trovava davanti al comandante del Centro di arruolamento, Col. Aran Shani e è stata condannata per la sesta volta a causa del suo rifiuto di servire nell’IDF per motivi di coscienza. È stata condannata a ulteriori 45 giorni di carcere e ha raggiunto un periodo complessivo di detenzione di 170 giorni.
Il Col. Shani ha detto a Kaminer che lei è davvero coraggiosa e intelligente, ma era sotto processo per il suo rifiuto di arruolamento e non a causa delle sue opinioni e che questo le costerà caro. Egli ha anche sottolineato che, se non l’avesse capito, l’esercito era più forte di lei.
Va sottolineato che l’IDF lo consente a molti di quelli previsti per l’arruolamento, più del 50% di quelli richiamati ogni anno, eludono l’arruolamento o ottengono un rilascio anticipato. Le ragioni sono numerose e varie. Cause di salute, il matrimonio o la gravidanza, i problemi economici a casa, lo stress psicologico. Un altro motivo è l’esenzione per cause religiose o di coscienza.
Non vi è alcun dubbio il comandante del Centro di arruolamento, Col. Aran Shani, sa che cosa è la religione, ma non è certo che lui sappia cosa significa la coscienza.
Questo è ciò che ha scritto Kaminer al Comitato coscienza, che si deve riunire entro la fine del mese per discutere il suo caso.

“Io sono nata e cresciuta in Israele, ho studiato al liceo presso la School of Arts, ero un membro e poi una leader di gruppo del Movimento scout della Gioventù a Tel Aviv e dieci mesi fa, ho completato un anno di volontariato con gli scout a Sderoth. Dal 10 Gennaio 2016 sono stata ripetutamente incarcerata di nuovo e di nuovo nel carcere militare per il mio rifiuto di servire nell’esercito, nonostante la mia richiesta di fare un volontariato civile alternativo.
Sin da quando ero bambina ho sentito parlare di molti fatti riguardanti l’esercito, il suo dominio sulla popolazione palestinese, il suo ruolo nella difesa degli insediamenti, i diritti negati a molti cittadini della regione. A casa mia sono stato educata al pensiero critico e a non accettare le cose senza farmi domande, ma non sono mai stata messa sotto pressione per quanto riguarda qualsiasi decisione di servire o non servire nell’esercito.”

Kaminer ha dettagliato eventi forti formativi, come una manifestazione per la pace e l’uguaglianza in un villaggio palestinese quando aveva 9 anni, quando l’esercito israeliano ha disperso la dimostrazione con granate fumogene. Oppure, il cambiamento che ha sperimentato dopo un anno di volontariato a Sderoth, quando ha deciso di non servire nell’esercito. “I ragazzi con cui ho lavorato”, scrive Kaminer, “sono cresciuti nel cuore del conflitto e soffrivano di traumi dalla giovane età, che li hanno segnati e hanno generato l’odio (comprensibile), proprio come le esperienze simili a Gaza o nei territori. Io non sono in grado di partecipare attivamente a mantenere lo status quo. Questa attività è contraria alla mia coscienza … ho capito che non sarei stata in grado di vivere con me stessa se sapevo di aver collaborato e taciuto di fronte a tutto quello che succede nel mio paese … ma purtroppo quello che è considerata sicurezza è la sicurezza solo per gli ebrei. Inoltre, l’atmosfera oggi in Israele permette di spargere il sangue di tutti coloro che non sono ebrei … Fino a quando il governo di Israele, protetto dall’esercito continua ad occupare e opprimere il popolo palestinese, continuerà a negare il diritto di base del popolo per la libertà e l’autodeterminazione, io non sono in grado di servire in un esercito che agisce così nettamente contro le mie convinzioni.”

Dal momento che così tanti sostenuto il soldato tiratore da Hebron, Eluor Azria, e lo hanno chiamato “il nostro ragazzo”, mi permetto di chiamare Tair Kaminer “la nostra ragazza.”
Una ragazza che si oppone all’occupazione, che chiede il rilascio per motivi di coscienza e non è disposta a dichiarare che lei è ortodossa, o di fare un matrimonio fittizio, o di andare a incontrare l’ufficiale per lo stress psicologico, o di trovare un modo per impiegarsi nella rivista IDF o nella stazione radio IDF, o nell’ufficio del portavoce dell’IDF o nel Rabbinato militare.
Quello che non è disposta a fare è cercare di essere una celebrità, o un atleta eccezionale, o fare come molti MK – pilastri della società e anche ministri e leader di partito hanno fatto. Lei chiede ostinatamente l’esonero per motivi di coscienza da un esercito che sembra aver dimenticato da tempo ciò che la coscienza è.
Il soldato che ha sparato a Hebron non ha passato un solo giorno in prigione, e dubito che lo farà mai. Il comandante di battaglione che ha sparato nella schiena a un ragazzo in fuga che aveva gettato un sasso non è mai stato messo sotto processo. Un controllo amministrativo, non giudiziario, lo ha esentato dalla punizione. Uomini ultra-ortodossi rifiutano persino di presentarsi nel Centro di arruolamento ricevendo un esonero appena fuori in strada, indisturbati. Ma Kaminer, la nostra ragazza è in carcere.

La madre di Tair, Sybil Goldfeiner, mi ha detto questa settimana che la figlia non voleva dichiararsi pacifista, perché non lo è. La maggior parte delle persone mente, ha detto Goldfeiner, e Tair non ha voluto mentire. Lei ha fatto un anno di volontariato e vuole fare il servizio civile. Ma l’esercito combatte contro la mia figlia che è morale, e che vuole contribuire. Un vero e proprio nemico di Israele.

Kaminer è nel carcere 6. Può parlare al telefono per sette minuti al giorno. Può ricevere i visitatori per una mezz’ora, una volta ogni due settimane. Scrive un diario in prigione e lo dà a sua mamma su carta. Goldfeiner lo trascrive e lo inserisce in un blog.
Lei avrebbe potuto fare così tanto se avesse fatto il servizio civile, dice Goldfeiner. In qualità di leader nel Dizengoff Scout Club ha organizzato l’invio di 800 bambini al campo estivo. A Sderot ha guidato tutto il gruppo dei giovani scout per l’intero anno.
Ma ciò che vede sua madre, l’IDF non lo vede. E il comandante della base di arruolamento e suoi ufficiali continueranno a usare la forza contro Kaminer fino a che non si arrende. Forse per dimostrare agli altri obiettori di coscienza di come stanno le cose (Omri Baranes, che ha già scontato 37 giorni è stato anche condannato per la terza volta).
A quanto pare, il timore dell’esercito è che, con tanti che mentono e vengono esonerati ogni anno, il numero di obiettori di coscienza raddoppi e forse anche raggiunga il numero di sei, e cosa faranno poi. Essi sono determinati a dimostrare, come se non vi fosse dubbio, che l’esercito è più forte di lei. Ma c’è un dubbio. Pare che ci sia una giovane donna che è più forte di loro.
Di sicuro più intelligente.

Yedioth Ahronot, 24 giugno 2016

-nostra-ragazza-di-sima-kadmon

Nessun commento:

Posta un commento