sabato 2 luglio 2016

Paola Caridi : Dhaka: le parole sono fondamentali!


Pillole di radio, tra stanotte e stamattina:
“Diplomatici occidentali”. Ma erano in gran parte imprenditori. Ed erano italiani e giapponesi. I giapponesi sono occidentali? Sono forse filo-occidentali?
“Ma allora ci chiediamo, come si chiede il premier del Bangladesh, che musulmani sono questi?”
Il premier del Bangladesh è una donna (e in Italia ancora non ci è toccato una presidente del Consiglio…). Sheykh Hasina Wazed è alla guida del Paese da dodici anni, suddivisa in due periodi al governo. Fa parte di quella tradizione delle donne al potere in grandi Paesi del subcontinente indiano di cui non si parla praticamente mai.
“Che musulmani sono questi?” Ma perché, sono musulmani o sono terroristi, quelli che hanno seminato morte nel ristorante di Dhaka? Ai terroristi delle Brigate Rosse abbiamo dato la patente di comunisti? Abbiamo descritto i terroristi dell’IRA come ferventi cattolici? La distinzione è fondamentale, sempre. Nelle nostre conversazioni, e ancor di più se di mestiere si fa il/la giornalista. Oltre un miliardo e mezzo di persone musulmane accomunate a una banda di criminali e terroristi che usa una bandiera fintamente religiosa, e che molto spesso – lo si è visto in Europa – non ha una frequentazione seria e profonda con la fede. La fede diventa un’ideologia, il vessillo di mercenari come mercenari sono quelli dell’ISIS.
Ho ascoltato alla radio, alla radio di Stato, tra stanotte e stamattina, una pletora di stereotipi, luoghi comuni, inesattezze, generalizzazioni. Vi è stata una incapacità di distinguere, e di fare domande serie. Carlo Jean cita il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi che promuove negli anni recenti l’islam riformatore, e il conduttore non gli chiede che fine hanno fatto 40mila persone nelle carceri egiziane, in una fase in cui le nostre relazioni si sono raffreddate per il caso Regeni. Un esperto di terrorismo, Iacovino, ha messo insieme gli attentati (“quasi quotidiani”…..[sic!]) in Israele e quelli a Kabul. Sempre Iacovino cita Al Azhar per un modello più moderato di Islam [sic!], e parla del jihadismo nelle moschee, ma evita accuratamente di rispondere alla domanda sull’influenza dell’Arabia Saudita sulle madrasa in giro per il mondo.
Sono allibita, e indignata. Siamo sull’orlo del baratro, abbiamo necessità di capire dove stiamo andando, quale mondo ci sarà tra dieci, venti, trent’anni, e il livello di inadeguatezza della nostra informazione raggiunge i livelli più bassi mai raggiunti.
Non ho sentito un ragionamento sul Bangladesh. Non ho sentito una riflessione su chi siano gli imprenditori italiani in Bangladesh, perché hanno investito nel Paese, dove sono le aziende da cui si riforniscono. Eppure, nel 2012 vi è stato un incendio che ha fatto oltre cento vittime a Dhaka, moltissime lavoratrici tessili: un segnale di quanto l’industria tessile fosse e sia importante, tanto da spingere i nostri imprenditori a fare migliaia di chilometri per andare a investire e/o ad acquistare in Bangladesh.
Non ho sentito un ragionamento sul ruolo dell’Arabia Saudita (nostro caro alleato) nella disseminazione di una visione ristretta, wahhabita dell’Islam, dall’Egitto al Bangladesh e oltre. Non ho sentito mettere assieme questo tipo di disseminazione di una visione retrograda dell’Islam propagata da un nostro alleato (l’Arabia Saudita) e gli omicidi e gli attentati contro la parte laica (musulmana) della società del Bangladesh. No, ho sentito mettere assieme jihadismo e attentati, senza alcune riflessione su un ruolo culturale/educativo pericolosissimo dei sauditi.
E non ho sentito un ragionamento sul fatto che, come dice Igiaba Scego, il Bangladesh è fra di noi. Oltre centomila immigrati regolari del Bangladesh. E non solo. Una parola – bangla – che è entrata nel nostro linguaggio. Non è solo un immigrato dal Bangladesh, il bangla. È diventato il sinonimo di un negozietto aperto H24, dove i prezzi sono bassi: il simbolo di un cambiamento sociale, di una integrazione che passa oltre le disinformazioni e l’uso della paura nella comunicazione. C’è persino una app, ormai, per trovare i bangla a Roma (cercate Bangla a Roma).
Stiamo scivolando, rapidamente, su una china fatta di imprecisioni e sottile razzismo. Eppure, si parla tanto della formazione continua dei giornalisti. Su cosa? Su quali temi? Seguendo quali priorità?
E’ ora di cambiare rotta, e subito, se non si vuole essere complici di una visione del mondo a senso unico.


 
 
 
 
“Diplomatici occidentali”. Ma erano in gran parte imprenditori. Ed erano italiani e giapponesi. I giapponesi sono occidentali? Sono forse filo-occidentali? “Ma allora ci chiediamo, come si chiede il premier del Bangladesh, che musulmani sono questi?” Il premier del Bangladesh è una donna (e in Itali...
invisiblearabs.com


Nessun commento:

Posta un commento