martedì 26 luglio 2016

Le Monde :La strana alleanza tra Arabia Saudita e Israele


  • 26 Lug 2016 10.41

La strana alleanza tra Arabia Saudita e Israele

È difficile immaginare qualcosa di più distante: da un lato l’Arabia Saudita, “faro” dell’islam sunnita; dall’altro Israele, “tempio” del giudaismo. Eppure, nei giorni scorsi l’ex generale saudita Anwar Eshki, è andato in Israele accompagnato da una delegazione di professori universitari e di uomini d’affari per incontrare alcuni responsabili governativi e parlamentari della Knesset.
Questa visita ufficiale, di cui i mezzi d’informazione hanno parlato solo il 24 luglio, appare ancora più sorprendente visto che i due paesi, entrambi alleati degli Stati Uniti, non hanno alcuna relazione diplomatica.
Tuttavia, per il deputato israeliano Esawi Freige del partito di sinistra Meretz, è chiaro che “i sauditi vogliono aprirsi a Israele (…) e continuare quello che aveva cominciato il presidente egiziano Anwar al Sadat “, e cioè il trattato di pace israelo-egiziano firmato nel marzo del 1979 in seguito agli accordi di Camp David (settembre 1978).
In occasione di questo viaggio, che gli ha permesso di intrattenersi con il direttore generale del ministero degli esteri Dore Gold e con il generale Yoav Mordechai, incaricato del coordinamento governativo nei Territori occupati, Eshki ha incoraggiato la ripresa del dialogo israelopalestinese e il rilancio dell’iniziativa di pace araba.
Tentativi di pace
Questa iniziativa, svelata nel marzo del 2002 in occasione di un vertice a Beirut, prevede la normalizzazione delle relazioni tra Israele e l’insieme dei 22 paesi arabi in cambio della creazione di uno stato palestinese con le frontiere del 1967 (prima della guerra dei sei giorni), del ritiro israeliano dal Golan siriano occupato e della soluzione della questione dei profughi palestinesi.
Per il generale in pensione la soluzione tra i due stati, se diventasse realmente effettiva, toglierebbe all’Iran – nemico comune di Riyadh e di Tel Aviv – qualunque pretesto per fornire aiuti ai gruppi terroristici della regione, cioè Hamas, la jihad islamica palestinese e gli hezbollah palestinesi (questi ultimi denunciano un “colpo basso” saudita).
Ben presto due membri dell’opposizione israeliana potrebbero per la prima volta andare in Arabia Saudita.
Già in maggio il sito americano CounterPunch parlava della “coppia” israelo-saudita, di questo “curioso tandem”, e lanciava questo avvertimento: “Israele dovrà fare la pace con i palestinesi e l’Arabia Saudita dovrà scendere a patti con l’Iran. Altrimenti l’intesa tra Riyadh e Tel Aviv rischia di trasformarsi in una stretta fatale che non farà altro che aggravare le divisioni della regione”.
(Traduzione di Andrea De Ritis)

Nessun commento:

Posta un commento