venerdì 22 luglio 2016

Gideon Levy: Nessun incitamento ad odiare Israele è necessario per un villaggio palestinese . Il caso di di Sa'ir


Gideon Levy : No Incitement Necessary for a Palestinian Town to Hate Israel






Sintesi personale





Consideriamo  Shoham, una città dormitorio di 20.000 persone con un country club.  A un’ora di macchina di distanza c'è una cittadina  chiamata Sa'ir di 20.000 abitanti

Ora immaginate che  da una macchina abbiano  sparato sulla Route 444  , non lontano da Shoham. La polizia non cattura l'uomo armato, ma sospetta  che sia nascosto a Shoham. Quindi, che cosa fa? Impone una chiusura alla cittadina, isolandola   A nessuno è permesso di allontanarsi  per una settimana   per lavoro, né  per recarsi a  scuola, né per  vedere un medico o concludere  affari. Chiunque, residente o visitatore, è bloccato :  20.000 persone sono sotto  assedio.

La città  impazzirebbe . Israele impazzirebbe. Un blocco su un'intera città a causa di una sola persona, probabilmente nemmeno nascosta  lì? Una settimana in  una gabbia? I media descriverebbero quotidianamente le sofferenze degli abitanti, le loro storie, la mancanza di rifornimenti nei negozi, l’impossibilità per i malati di curarsi, per gli studenti di sostenere gli esami finali, per le future spose di sposarsi .  Racconterebbero delle  imprese sull'orlo del collasso e dei campi  non irrigati .

Shoham avrebbe ricordato quest’assedio con  dolore e rabbia. Ogni anno  ci sarebbe stata  una cerimonia commemorativa. Cristiani  ed ebrei  avrebbero raccolto fondi e il dipartimento della salute avrebbe curato i  bambini traumatizzati   dai raid notturni . Il commissario di polizia, responsabile dell'accaduto,  sarebbe stato costretto a dimettersi . Sabato scorso un uomo  palestinese ha sparato ad una macchina israeliana , l'autista è stato ferito ad una gamba, ma ha potuto   continuare a guidare. Non conta molto  la libertà, la vita e la dignità dei Palestinesi  e dell'assedio imposto a pochi interessa .

L'ordine è inequivocabile; nessuno può lasciare la cittadina  ed è inutile supplicare . Sa'ir non è Gaza  e la chiusura alla fine sarà revocata. La città si riprenderà; non è la prima volta che è stata bloccata, né sarà l'ultima. La vicina Samua è sigillata  da Martedì,  il campo profughi di Al Fawe  lo stesso . La guerra al terrorismo autorizza tutto, compresa la punizione collettiva, l’imposizione del terrore-assedio.  Il desiderio dei coloni di vendetta e di   punizione deve essere soddisfatto.  

Sa'ir si riprenderà; la gente è  ben addestrata  e forte. Non è difficile, però,  immaginare  quale  tipo di sentimenti repressi saranno rafforzati  dal blocco . Non c'è bisogno di "incitamento" per Sa'ir ad odiare. Non  ha bisogno di prediche o video di propaganda. Come  si può non odiare chi abusa ? . Chi impone  con facilità insopportabile  un assedio per comodità dell'occupante?

Guardate Sa'ir  e pensate  a Shoham.

Nessun commento:

Posta un commento