mercoledì 1 giugno 2016

Netanyahu all’improvviso si innamora dell’Iniziativa di pace araba



Il premier israeliano, dopo aver formato il governo più di destra della storia del Paese, prova a mostrare un volto più moderato. E chiamando in causa il piano…
nena-news.it





Il premier israeliano, dopo aver formato il governo più di destra della storia del Paese, prova a mostrare un volto più moderato. E chiamando in causa il piano formulato nel 2002 dall’Arabia saudita spariglia le carte prima della conferenza di Parigi che lui ha bocciato
Benyamin Netanyahu
di Michele Giorgio – Il Manifesto
Gerusalemme, 1 giugno 2016, Nena News – Il governo più di destra della storia di Israele all’improvviso intona la canzone della pace. Dopo aver nominato l’ultraradicale Avigdor Lieberman nuovo ministro della difesa, il premier Netanyahu ha riscoperto l’Iniziativa Araba del 2002 come percorso per una intesa permanente tra mondo arabo e Israele. Il piano prevede in cambio di un accordo di pace il ritiro dello Stato ebraico alle linee di armistizio del 1967 (“Linea verde”) antecedenti all’occupazione di Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est.
Per 14 anni tutti i governi israeliani hanno ignorato la proposta araba, in realtà saudita perchè fu Riyadh a formularla e ad imporla al vertice arabo di Beirut. Ora il primo ministro la tira fuori dal cesto delle innumerevoli iniziative di pace presentate negli ultimi 30 anni. Agita il ramoscello d’ulivo anche Lieberman. Il neo ministro ha colto l’occasione del giuramento per dichiararsi un sostenitore della soluzione dei “Due Stati”, Israele e Palestina. L’Iniziativa Araba «include elementi positivi che possono aiutare a far rivivere negoziati costruttivi con i palestinesi» ha detto Netanyahu, aggiungendo che Israele è disponibile a negoziare con gli arabi le revisioni necessarie alla luce dei «drammatici cambiamenti nella regione dal 2002» mantenendo l’obiettivo di “Due Stati per due Popoli”.
Non è solo un passo per dare all’esterno una immagine più flessibile del governo israeliano. C’è qualcosa di più importante. Netanyahu, che senza dubbio non difetta di abilità politica, elogiando a voce alta la proposta araba del 2002 si è posto due obiettivi: sparigliare le carte prima della conferenza internazionale sulla questione israelo-palestinese che si apre il 3 giugno a Parigi (e che lui ha respinto con forza) e trarre vantaggio dai cambiamenti avvenuti nella regione e che vedono Israele e Arabia saudita cooperare dietro le quinte su molti punti, dalla Siria all’Iran.
Naturalmente Netanyahu non ha alcuna intenzione di ritirare l’esercito fino alle linee del giugno 1967. Non lo farebbe alcun governo israeliano, men che meno il suo. Piuttosto cerca una legittimazione araba alla annessione di fatto a Israele di ampie porzioni di Cisgiordania occupata, avvenuta attraverso la colonizzazione e la costruzione del Muro.
Questo riconoscimento, in cambio della nascita di uno staterello palestinese minuscolo e senza sovranità, il premier israeliano crede di poterlo ottenere più per merito dell’Arabia saudita che agli alleati occidentali. Non solo. Il Medio oriente da cinque anni è sconvolto da guerre civili devastanti, aggravate dagli interessi e dalle manovre di attori regionali e internazionali, che ne hanno cambiato il volto. Nel 2002 la Siria, nemica storica di Israele, era un Paese tra i più influenti del mondo arabo, con un peso importante nella Lega araba. L’Iraq, che pure era piegato sotto il peso delle sanzioni interazionali, aveva ancora al comando un avversario implacabile di Israele, Saddam Hussein.
14 anni dopo la Siria è stata, di fatto, espulsa dalla Lega araba su pressione dei sauditi e del Qatar ed è un Paese devastato e spaccato in più territori controllati dalle parti in lotta, tra queste l’Isis. L’Iraq vive una condizione simile se non peggiore. Un quadro “favorevole” che, prevede Netanyahu, potrebbe consentire a Israele di arrivare ad un’intesa “regionale” imposta al presidente dell’Olp e dell’Anp Abu Mazen (o al suo successore) da Riyadh e delle altre petromonarche del Golfo, interessate a chiudere la questione palestinese e ad occuparsi a tempo pieno della Siria, dello Yemen, dell’Iraq e non più di Israele, ormai alleato contro il nemico comune Iran. Da parte loro i palestinesi, attraverso il segretario dell’Olp, Saeb Erakat, hanno negato la sincerità di Netanyahu e messo in evidenza le sue “incoerenze”.
Ora “pacifista” all’esterno il governo israeliano non abbandona l’approccio militante nelle questioni interne. La maggioranza continua alla Knesset l’iter di approvazione della nuova legge anti-terrorismo che darà poteri senza precedenti al servizio di sicurezza interno (Shin Bet) e alla polizia. A cominciare dalla definizione, già ora molto ampia in Israele, di organizzazione terroristica fino a una forte limitazione di diritti per i “sospetti” e ad altre misure punitive come le confische patrimoniali, espropri di terreni, requisizioni di case. Una volta approvata la legge sostituirà quattro le leggi esistenti e le ordinanze in materia di terrorismo, tra cui vari decreti d’urgenza. Nena News
Michele Giorgio è su Twitter: @michelegiorgiohttp://nena-news.it/netanyahu-allimprovviso-si-innamora-delliniziativa-di-pace-araba/#sthash.W1QSFNWr.dpuf

Nessun commento:

Posta un commento