domenica 26 giugno 2016

Haaretz: Nel Regno Unito e in Israele lo spostamento verso l' ultranazionalista isolamento

Haaretz : In the U.K. and in Israel, a Shift Toward Ultranationalist Isolationism




Sintesi personale

Lo shock causato dalla decisione della Gran Bretagna di lasciare l'Unione europea è ancora ben presente . La caduta dei mercati azionari di tutto il mondo e le dimissioni del primo ministro David Cameron sono solo l'inizio di una separazione lunga e tortuosa, le cui conseguenze non possono ancora essere valutate . È l'intera Unione europea sull'orlo della disintegrazione? La  Gran Bretagna  continuerà ad essere il Regno Unito? Quali sono le implicazioni del voto per le  coalizioni internazionali  : quelli legati ad accordi di libero scambio o quelle che si formano nella guerra al terrore?

A questo punto   tutto ciò che si può fare  è esaminare i motivi di questa decisione.   La causa iniziale è stata la promessa frettolosa di Cameron di tenere un referendum  nel tentativo di placare i rivali all'interno del suo partito, una promessa che alla fine ha portato alle sue dimissioni.,ma ci sono anche ragioni ideologiche e culturali   : correnti  nazionaliste e ultranazionaliste , l'isolazionismo, il razzismo , il desiderio di ritirarsi da un'Europa affollata di profughi siriani , il non voler più  prendere parte a operazioni militari internazionali. Motivazioni ben presenti nella maggior parte degli stati europei.e in Donald Trump negli Usa . Le correnti ultranazionaliste e isolazioniste  ci sono  anche in Israele e sono ben visibili. Israele non ha bisogno di un referendum o di  una decisione ufficiale per dichiarare il suo disimpegno dall' Europa o dall' 'Occidente.: la sua  identità  di ultimo stato occupante in Occidente  costituisce una dichiarazione di fatto,ma a differenza della Gran Bretagna, Israele ha bisogno del sostegno internazionale per la sua sopravvivenza.

L'isolazionismo ultranazionalista che Israele ostenta non è un muro difensivo contro i boicottaggi e le sanzioni internazionali, ma piuttosto un muro di carta. In Europa il razzismo, la xenofobia e l'odio verso le minoranze coltivati ​​dai movimenti di estrema destra si scontrano con le forze  liberali e umanitarie In Israele queste dighe sono al collasso.La decisione della Gran Bretagna non deve essere visto in Israele come un modello  da imitare per  coloro che credono che lo  Stato possa esistere come un'isola.  L'ultranazionalismo non deve  trasformare Israele in uno stato imprigionato in una cella isolata

Nessun commento:

Posta un commento