mercoledì 1 giugno 2016

Bruciata bandiera israeliana in una pubblica piazza a Gerusalemme tra gli applausi dei partecipanti

 Commento personale :

  1 se l'avessero fatto i Palestinesi sarebbe stato definito  tale gesto : incitamento ,terrorismo ed educazione all'odio nelle scuole palestinesi. I responsabili arrestati

 2 se l'avessero fatto gli arabi in una piazza araba(iraniana soprattutto) tale gesto  sarebbe stato definito odio verso Israele e prova evidente della volontà di distruggere lo stato ebraico

 3 se l'avessero fatto  i gentili in Europa  tale gesto sarebbe stato definito : antisemitismo , antisionismo ,prova evidente della islamizzazione in atto e dell'incitamento all'odio provocato dalle campagne antisisraeliane della sinistra, della destra fascista e del movmento BDS ecc

 4 se   questo avviene in Israele ad opera di ebrei israeliani ultra-ortodossi come viene sancito penalmente e definito tale gesto dai politici , dall'opinione pubblica, dall'Hasbara della destra nazionalista  ?

 Una bandiera israeliana è stata bruciata durantela festività di  Lag B'Omer, la settimana scorsa, nel quartiere ultra-ortodosso di Mea Shearim a Gerusalemme tra gli  applausi degli astanti .Un  bambino in piedi su una sedia davanti a centinaia di persone, soprattutto bambini,brucia   lentamente la bandiera  . Il bambino è affiancato da  numerosi  adulti .Il video è stato postato sulla pagina di Facebook dal sito di notizie ortodosse Behadrei haredim. Non è chiara  a quale corrente religiosa  specifica appartengano gli autori di tale gesto. 

Questa festività rievoca la  morte di Rabbi Shimon Bar Yochai, un saggio del primo secolo, e viene celebrata con falò .

An Israeli flag was burned during Lag B’Omer celebrations last week in the ultra-Orthodox Jerusalem neighborhood of Mea Shearim, to cheers and claps from the audience.

A video of the act has emerged showing a young child standing on a chair on a stage before hundreds of people, mainly children, slowly burning an Israeli flag while music plays in the background. The child is flanked by adults on both sides, one who seems to be emceeing the event.

The video was posted on the Facebook page of the Orthodox news site Behadrei Haredim.

Jews marked Lag B’Omer last Wednesday, the traditional date of the death of Rabbi Shimon Bar Yochai, a first-century CE sage, with celebration, bonfires and feasts.

Mea Shearim is home to members of the anti-Zionist group Neturei Karta who routinely torch Israeli flags during the holiday. It is not clear from the video which ultra-Orthodox sect these specific flag-burners belonged to.

Shimon Bar Yochai is believed to have resisted Roman rule and subsequently fled to a cave in the Galilee where he lived with his son for 13 years.

Tradition says the two were buried in a tomb on Mount Meron on Lag B’Omer — the 33rd day of the Omer, the seven-week period between the festivals of Passover and Shavuot.

In the days leading up to Lag B’Omer, children can be seen scouring the streets, looking for any scraps of wood they can get their hands on for their bonfires. In certain Jewish communities, it is customary to give 3-year-old boys their first haircut on Lag B’Omer.

Nessun commento:

Posta un commento