lunedì 30 maggio 2016

Operai di Gaza pochi diritti, paga bassa


Hani Abu Talal è un uomo con una  missione. 
Il 34 enne operaio passa le sue giornate a battere le strade del campo profughi di Nuseirat nella Striscia di Gaza alla ricerca di tutti i nuovi progetti edili per cui potrebbero essere utili  le sue braccia  e il suo tempo . Questa  è la sorte di un bracciante . La sua fortuna è nelle mani di quei pochi  capisquadra in loco  con un lavoro da offrire . La sua missione è quasi impossibile . Questa è Gaza : qui c’è il più alto tasso di disoccupazione al mondo .
" Trovare un lavoro avviene ogni luna blu (non molto spesso)  ", ha detto Abu Talal . " Sto sempre attento ad una qualsiasi possibilità di ottenere un lavoro e fare qualche soldo . " Il giorno di lavoro casuale , però, non salva dal cadere nell’estrema povertà. Un padre di cinque figli , Abu Talal, dice di essere fortunato se dopo un intero giorno di duro lavoro riesce a  guadagnare più di 30 shekel ( poco meno di $ 8) .
"Quello edile è un duro lavoro", ha detto Abu Talal ad Electronic Intifada . " Ma invece di essere legittimamente  pagato , siamo ricattati ; ci viene detto che i salari non possono essere superiori a causa della mancanza di stabilità dell'economia locale. "
Occasionalmente , Israele permette di far arrivare una spedizione di materiali da costruzione , e questo provoca un mini-picco di attività . Ma i salari rimangono gli stessi , e Abu Talal teme che se anche si dovesse verificare una situazione in cui l’edilizia dovesse godere di un boom continuo, i datori di lavoro semplicemente terrebbero bassi i salari . " Se un qualunque lavoratore osa chiedere un aumento , può essere licenziato . Così continuiamo a lavorare senza lamentarci . Ma questo non significa che dobbiamo essere lasciati soli . Abbiamo dei diritti. Abbiamo bisogno che questi vengano rispettati ".
Salari sotto assedio
I pochi shekel che Abu Talal guadagna al termine di una giornata sono appena sufficienti a pagare il proprietario del negozio di alimentari dove la sua famiglia compra  il cibo  necessario al sostentamento. E il futuro? Non esistono risparmi . C'è solo la costante , angosciante paura , dice, che uno dei suoi figli abbia un giorno bisogno di cure mediche urgenti .
Awad Baker è un imprenditore e uno di quelli dai quali Abu Talal dovrebbe cercare lavoro . La maggior parte dei suoi progetti di costruzione sono nella Striscia di Gaza , la stessa area in cui Abu Talal passa la sua vita . Egli dà la colpa dei salari bassi e della mancanza di opportunità di lavoro in tutto e per tutto al blocco economico che Israele ha imposto a Gaza dal 2007 . "Abbiamo sostenuto tante perdite a causa del blocco che abbiamo tutti grossi debiti", ha detto Baker a The Electronic Intifada . " E questi devono esserci rimborsati . "
Dove i materiali da costruzione sono rari , diventano più costosi . Il saldo è a carico del lavoro . Gli imprenditori fanno molto affidamento su un lavoro a basso costo e non qualificato , che a sua volta influisce sulla qualità . E più a lungo continua questa situazione, sempre meno ci saranno bravi  operai , ha detto Baker . Dopo quasi 10 anni sotto assedio, Baker ha aggiunto , " le competenze dei nostri lavoratori sono crollate per quanto riguarda  la qualità del nostro lavoro . Il nostro settore è devastato . " La combinazione del blocco e delle successive aggressioni militari israeliane hanno  provocato la caduta nel ramo delle costruzioni nel 2014 , anno dell'ultima grande offensiva israeliana , caduta di un incredibile, secondo la Banca Mondiale,  83 per cento.
Fallimenti del governo
L’economista  Maher al- Tabaa , capo della Camera di Commercio di Gaza , lo ha detto  in termini forti : "Quando abbiamo un numero molto ristretto di posti di lavoro per centinaia di migliaia di lavoratori , i salari diminuiscono. Il blocco ha negato l' accesso dell’economia locale a molti posti di lavoro e le possibilità per i nostri lavoratori sono limitate" . Con questo tipo di  offerta, dice al- Tabaa, i lavoratori sono costretti ad accettare anche  salari poco equi.
Ma Sami al - Amasi , capo della Federazione Generale Palestinese dei Sindacati a Gaza , dice che il blocco  non è l'unico fattore responsabile per la situazione disperata dei lavoratori locali . Egli punta il dito anche contro il passato governo di unità palestinese che, all'inizio del suo mandato nel 2014 , ha cancellato tutti i programmi di formazione e di occupazione che avrebbero potuto aiutare le persone nel  lavoro .
Il governo di unità, formato dopo un accordo tra Hamas e Fatah nel giugno del 2014, è stato tormentato da sospetti reciproci fin dall'inizio . Un anno dopo , si è dimesso , e da allora Mahmoud Abbas , il leader dell'Autorità palestinese, ha riorganizzato unilateralmente per due volte il governo. Anche se Hamas ha respinto entrambi i rimpasti , il governo è ancora chiamato un governo di consenso .
Il lavoro temporaneo ed i programmi di formazione professionale avuti in passato,  hanno contribuito a mitigare la crisi occupazionale , ha detto al- Amasi, e avevano lo scopo di servire i lavoratori in tutti i settori , inclusa l’edilizia . La loro cancellazione , ha detto, ha segnato non solo un fallimento della politica - che prosegue sotto l' attuale amministrazione dell'Autorità Palestinese - ma ha anche mostrato un "disprezzo" per Gaza e la sua popolazione . Al- Amasi ha anche detto che c'era stato un errore nell’ applicare le leggi vigenti in materia di diritti dei lavoratori , citando la legislazione che parla di un salario minimo mensile di 1.450 shekel (circa $ 380 ) .
Non solo soldi
L’operaio edile Adham Abdelrahman , 39enne , riceve meno di 800 shekel al mese . Lavora in media un’estenuante giornata di 12 ore. Inoltre non aveva idea che la legge ha stabilito un salario minimo di quasi il doppio della somma che guadagna .
" Non sono mai stato pagato così tanto . A che servono le leggi se non vengono rispettate? "
Egli si è detto scettico che i funzionari abbiano a cuore  i suoi interessi o i suoi diritti.
E la paga non è l'unico problema che devono fronteggiare i lavoratori edili . Le norme di sicurezza sono raramente applicate , i lavoratori non hanno assicurazione sanitaria ed è improbabile che possano ricevere alcun indennizzo in caso di infortunio sul lavoro .
Salem al- Bashiti , 44 anni , ha avuto un incidente sul lavoro quattro anni fa che gli ha lasciato un braccio parzialmente paralizzato. "Sono stato fortunato che il mio datore di lavoro era un uomo gentile che mi ha aiutato a coprire una parte dei costi delle cure. Ma so che molti sono stati abbandonati senza neanche una parola di conforto dopo i loro incidenti , "ha detto. Guardiamo avanti,  un giorno i lavoratori edili potranno  godere non solo dei diritti sanciti per legge e applicati, ma anche  di riconoscimenti  più generali. " Lavoriamo duramente per servire e costruire il nostro Paese . Ci meritiamo di essere onorati e trattati bene ", ha detto .
Isra Saleh el- Namey è un giornalista a Gaza .

https://electronicintifada.net/content/gaza-laborers-suffer-few-rights-little-pay/16766

Nessun commento:

Posta un commento