martedì 24 maggio 2016

Il saccheggio di Jaffa durante la Nakba palestinese, narrato dai tre Omar.


Allison Deger on May 15, 2016     
Jaffa cadde nel mese di aprile 1948 durante una rapida operazione militare delle milizie sioniste che bombardarono da tre lati l'allora più grande città della Palestina del Mandato. Solo la via del mare offriva una sicura via di fuga, ed è per questo che i palestinesi, quest'anno, per commemorare il giorno in cui sono stati espulsi, organizzano un giro in barca al largo delle tiepide coste della città mediterranea.
A bordo, tre uomini di nome Omar- uno indicato come Umar- che  ricordano  il passato di Giaffa prima della creazione dello Stato di Israele e durante il suo saccheggio.
"Date un’occhiata indietro alla costa “ ha detto Umar al-Ghubari appena  la barca del pescatore si è diretta verso l'orizzonte. Dietro di lui edifici in pietra di color ambra si alzavano  su una ripida banchina. Le strutture viste tutte insieme assomigliano ad un bastione, interrotto da un solitario faro bianco e rosso e da due minareti. A sud un porto naturale impedisce la vista di architetture contemporanee e così con un’occhiata si ha davanti  il passato palestinese di Giaffa.
A nord, grattacieli grigi, Tel Aviv.
"Naturalmente lo stato di Israele ha cambiato la vista e il paesaggio di Jaffa", ha detto al-Ghubari. E 'questa la settimana nella quale israeliani e palestinesi commemorano gli eventi che hanno costruito uno stato-nazione e creato una nazione senza Stato. Il 15 maggio segna annualmente il Giorno dell'Indipendenza di Israele, ma dall’altra parte c’è la Nakba, letteralmente la "catastrofe" in arabo, nella quale eredi di case palestinesi, aziende agricole e di una società, una volta fiorente , ricordano la loro distruzione e l’inizio della loro crisi come rifugiati.
Tra il 1947 e il 1949 almeno 750.000 palestinesi furono costretti oltre i confini o sono fuggiti. Oggi il numero di rifugiati palestinesi si è ampliato in più di sette milioni dopo che tre generazioni sono nate in diaspora.
Sono la nazione di rifugiati di maggior durata in tutto il mondo.






Ragazzi si tuffano nel Mar Mediterraneo dal parapetto a nord del porto di Jaffa. (Foto : Allison Deger )





Barche ormeggiate nel Porto di Jaffa. (Photo: Allison Deger)
"La gente fugge naturalmente durante una guerra e l’impedimento al loro ritorno è la dislocazione", ha detto al-Ghubari, aggiungendo: "Israele continua a impedire il loro ritorno fino ad oggi."
In Jaffa, 120.000 persone lasciarono la città nel 1948. Nel momento in cui fu dichiarato il cessate il fuoco sono rimasti solo 4.000 palestinesi. Il nuovo stato d'Israele ha poi completato e trasferito il gruppo ad  Ajami, un quartiere nella parte sud di Jaffa.
"Tutti gli ingressi e le uscite furono  chiuse e soldati israeliani inviati a presidiare il confine", ha spiegato al-Ghubari, "Tra israeliani e palestinesi il quartiere divenne noto come un 'ghetto'."
Oggi Ajami è un mix di arabi ed ebrei, in cui molti palestinesi vivono in case modeste, mentre gli ebrei israeliani tendono a risiedere a McMansions con vista sul mare. L'atmosfera è serena, con una delle spiagge più ben tenute della zona di Tel Aviv. Ci sono cabine e turisti che, nel pomeriggio,  bevono cocktail. Eppure il rapporto fra i due popoli è scarso, con molti palestinesi che vedono i loro vicini ebrei come persone che si permettono grandi privilegi a loro spese. Un certo numero di ville a Jaffa, abitate da ebrei israeliani, sono stati in precedenza di proprietà di ricchi palestinesi che hanno perso tutto nel 1948. Per quella generazione, il dolore delle loro perdite non si è affievolito.
"Questo paese ha bisogno di nuove idee", ha detto Omar Dajani, un viaggiatore  di circa 40 anni venuto dalla Norvegia e di origini palestinesi. Dajani aveva  preso la barca a Jaffa dopo uno scambio di email con gruppi israeliani che si occupano di diritti umani  durante il suo tour alla ricerca delle proprie radici per vedere i luoghi d’infanzia di suo padre. Viaggia da solo. Il padre, che ora ha 80 anni non è mai tornato; "Ha perso troppo per sopportarlo", ha detto Dajani.
A Jaffa il nome della famiglia Dajani ebbe un momento di prestigio in passato ed una sorte palesemente arabo-palestinese. Prima della loro diaspora, il clan aveva fatto fortuna in agricoltura ed erano proprietari terrieri molto importanti. Il primo ospedale moderno di Giaffa ha preso il nome di Dajani dopo una donazione. Dajani ha detto che suo padre è stato curato lì per un'infezione all'orecchio con la penicillina poco dopo la prima produzione di massa dell’antibiotico, un segno della ricchezza e della modernità di Giaffa.
Dajani ha rintracciato quell'ospedale.
"Ho trovato le fontane del giardino", ha detto riguardo alla vecchia struttura medica. Le fontane erano proprio dove il padre gli aveva detto di guardare. Quando ha posato gli occhi su di loro, è stato come vedere attraverso il tempo: "Ho capito qualcosa " "Questo ha dimostrato che eravamo veramente forti, una società ben consolidata in Palestina e nel futuro dobbiamo vivere insieme", ha detto.
Altri ricordi del passato, alla fine su una nota più cupa.
Il terzo ed ultimo Omar a bordo della nave, Omar Siqsiq, nato e cresciuto a Giaffa, è scoppiato  in lacrime quando  ha ricordato l’incontro con i rifugiati palestinesi dalla sua città natale, in Giordania diversi anni fa.
"Ho incontrato lì persone di Giaffa e abbiamo parlato. C'era anche un uomo anziano che non parlava", ha detto Siqsiq. Dopo molte sollecitazione, infine, il signore ha spiegato che non parlava dal 1948 quando lui e la sua famiglia fuggirono su una barca. Il figlio più giovane di quest'uomo cadde della zattera ed annegò dopo che gli altri si sono rifiutati di tornare indietro per lui.
"Mi sono messo  nei panni di questa persona e cerco di immaginare quello che ha provato", ha detto Siqsiq. Umar al-Ghubari gli ha stretto dolcemente la spalla per consolarlo.
Anche la famiglia di Siqsiq faceva parte dell’aristocrazia terriera a Jaffa. Dopo il 1948 lo Stato di Israele ha nazionalizzato tutti i loro agrumeti. Gli è poi stato dato un contratto di locazione per 15 anni da parte del governo, e più tardi un affitto ridotto "come presunto compenso", ha lamentato Siqsiq.

Biciclette parcheggiate lungo un parapetto del Porto di Jaffa 14, Maggio  2016. (Photo: Allison Deger)
Per i tre Omar, il passato di Giaffa è ancora intorno a loro, ma è sempre più ridotto. Omar Dajani ha detto che c'era una grande differenza nel numero di luoghi storici dal suo primo viaggio nel 2000 rispetto ad oggi.
"Troppe cose sono state cancellate in fretta", ha detto.
Umar al-Ghubari ha detto che la demolizione di edifici palestinesi è intenzionale, una mossa per coprire quello che una volta esisteva.
"Il movimento sionista ha pensato che la distruzione delle città sarebbe stato  un duro colpo per i palestinesi" in senso psicologico e nazionale, ha detto.
Mentre l’imbarcazione beccheggiava  tornando indietro verso il porto di Jaffa, al-Ghubari parlava ai passeggeri suggerendo di considerano la corsa un gesto simbolico "dall'esilio in patria. In realtà questo è il nome del tour ", ha detto, citando il titolo di una poesia di premiato autore palestinese Shafiq al-Hout che ha scritto a Beirut durante la guerra del 1948 " Dalla Patria all’Esilio" anni dopo essere stato espulso da Jaffa.
Ma a differenza delle barche del 1948, questa barca sarebbe tornata alla riva da cui era  partita.

About Allison Deger
Allison Deger is the Assistant Editor of Mondoweiss.net. Follow her on twitter at@allissoncd.
Other posts by Allison Deger.
- See more at: http://mondoweiss.net/2016/05/sacking-palestinian-narrated

Nessun commento:

Posta un commento