venerdì 13 maggio 2016

Sumaya, candidata musulmana per il Pd, minacciata di morte dagli estremisti



Bollata come apostata: I veri musulmani non partecipano alla politica di uno stato che non applica la Sharia. Ma lei va avanti per la sua strada: Continuo la mia…
espresso.repubblica.it
 Alle offese e agli insulti dei razzisti era ormai abituata. Quasi non li prendeva più in considerazione. Questa volta però è troppo anche per lei. Sumaya Abdel Qader è una donna musulmana candidata nelle liste del Pd al consiglio di Milano. Ieri in una pagina di estremisti su Facebook è stata bollata come apostata. Con toni da tribunale dei Talebani. E, in sostanza, in modo nemmeno tanto velato è stata resa lecita la sua uccisione. “Candidarsi per incarichi pubblici di uno Stato che non applica la Sharia significa riconoscere la legittimità di questo Stato, e questo porta automaticamente fuori dall'Islam!”, si legge nella pagina “Cronache islamiche – informazione islamica” che ha oltre 4mila mi piace.

Il post, firmato da Ibrahim al-Gharib, non si limita a questo. “Per i Musulmani l'unico governo legittimo è il Governo della Sharia, eppure nonostante ciò molti si compiacciono quando sedicenti "musulmani" si candidano per incarichi pubblici nelle istituzioni dei Taghut (oppressori), le stesse istituzioni che applicano leggi contrarie alla Legge di Allah e che perseguitano i musulmani che invitano al tawhid (unificazione) e alla Sharia. Candidarsi a incarichi di uno Stato islamicamente illegittimo significa riconoscere la legittimità di questo Stato!”. E per dare credibilità a tutto viene inserito un versetto del Corano, strumentalizzato e fuori contesto: “Non hai visto coloro che dicono di credere in quello che abbiamo fatto scendere su di te e in quello che abbiamo fatto scendere prima di te, e poi ricorrono alla legge degli idoli, mentre è stato loro ordinato di rinnegarli? Ebbene, Satana vuole precipitarli nella perdizione”. 
L’immagine allegata è il manifesto ufficiale per la campagna elettorale coperto dalla parola “murtadd”, ossia apostata. Il sommario rilancia: “I veri musulmani non partecipano alla politica di uno Stato che non applica la Sharia”. 


In queste ore Sumaya Abdel Qader sta ricevendo centinaia di messaggi di solidarietà. In particolare da quella parte sana della comunità islamica che l’ha sempre appoggiata. E lei va avanti per la sua strada. “È già stato segnalato alla Digos. Io continuo la mia battaglia per costruire ponti, avvicinare culture, tradurre i sentimenti e contribuire a rispondere ai bisogni”, taglia corto. D’altronde dal primo giorno in cui ha pensato di candidarsi sapeva cosa avrebbe affrontato. “Non è facile convincere le persone”, spiega. “Perché per molti, ancora, una musulmana per di più con il velo rappresenta l'oscuro, l'incompatibile. C'è chi scrive che la mia figura non possa essere compatibile con l'istituzione laica o che apra le porte all'imposizione della sharia. Nulla di più sciocco. La laicità delle istituzioni per come è intesa nel nostro Paese non vuol dire esclusione delle persone di fedi diverse. E' sicuramente equivicinanza dalle religioni, ma le persone di fedi diverse possono operare nella cosa pubblica purché rispettosi della Costituzione e delle leggi del paese. Un musulmano, come un ebreo o cristiano o buddista lo sono, così come un ateo o un agnostico. Certamente ognuno è portatore di specificità ma la nostra piattaforma democratica ci permette di dibattere e scegliere dove andare e come. Altra difficoltà è la strumentalizzazione che una certa destra fa del "diverso", aizzando paure e facendo propaganda falsa”. Ma non mancano le piacevoli sorprese: “Sto ricevendo molto sostegno inaspettato da cittadini italiani che mai avrei messo in conto tra i miei sostenitori. Ogni giorno incontro moltissima gente interessata, aperta all'ascolto che mi arricchisce continuamente”. 


Sumaya Abdel Qader :Colonia, Islam e libertà delle donne

Il progetto Aisha: I musulmani contro la violenza sulle donne

Renata Pepicelli. : C'è anche un altro jihad che sta trasformando il mondo islamico: il gender jihad

Sumaya Abdel Qader :nonostante tutto c’è un presente, da sostenere e guidare. Un futuro da sognare e realizzare.

 

Giovani musulmani Italiani: lettera scritta per la manifestazione di Milano contro l'Isis

 

Nessun commento:

Posta un commento