martedì 31 maggio 2016

Hamas va avanti, eseguite le prime tre condanne a morte



Gli appelli dei centri per i diritti umani non sono serviti a nulla. Ieri all’alba a Gaza sono stati giustiziati tre dei 13 palestinesi condannati per omicidio e reati comuni…
ilmanifesto.info



Gli appelli dei centri per i diritti umani non sono serviti a nulla. Ieri all’alba a Gaza sono stati giustiziati tre dei 13 palestinesi condannati per omicidio e reati comuni di cui era stata annunciata l’esecuzione in tempi stretti dal premier di Hamas Ismail Haniyeh. Le esecuzioni sono avvenute nei pressi della sede centrale della polizia – non in pubblico come era stato annunciato inizialmente – alla presenza delle famiglie delle vittime che si sono rifiutate di perdonare e, quindi, di salvare la vita ai tre condannati: Mohammed Othman, Yousef Abu Shamla e Ahmad Sharab. Due sono stati impiccati, il terzo è stato fucilato. Il governo di Hamas afferma di voler dare una risposta all’aumento della criminalità. Il procuratore generale di Gaza ha precisato che i tre avevano compiuto crimini “terrificanti” e che la pena capitale costituirà un deterrente. Hamas ha scelto di ignorare il ruolo della presidenza dell’Anp che, secondo la legge palestinese alla quale il movimento islamico sostiene di far riferimento, deve ratificare le condanne a morte. Chi a Gaza si oppone alla pena di morte afferma che Hamas non deve giustiziare i condannati ma affrontare le cause sociali ed economiche, frutto del blocco israelo-egiziano, che hanno portato alla crescita del criminalità nella Striscia.


 
 
 
 
Palestinian rights groups condemn killings, renew calls for abolition of death penalty.
electronicintifada.net

Nessun commento:

Posta un commento