martedì 24 maggio 2016

Come Israele aiuta gruppi di coloni a rubare terra Palestinese







Charlotte Silver  12 May 2016
Lo scorso novembre, Muhammad Abu Ta'ah è arrivato nella sua proprietà a Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est occupata solo per scoprire che era stata recintata da appaltatori.
Su un terreno di tre dunum di terra, era iniziata la costruzione di un fabbricato di quattro piani, un edificio di 70 uffici che compongono la nuova sede per il gruppo privato di coloni Amana.
La proprietà , una volta aveva fatto parte di un  4.000 dunum (circa 1.000 acri) di terra che Israele aveva espropriato nel 1968, un anno dopo che il suo esercito aveva occupato Gerusalemme Est. Su quella terra, lo stato aveva costruito gli insediamenti di French Hill e di Ramat Eshkol, oltre ad un complesso appartenente al  governo.
Gran parte di questa terra è di proprietà della famiglia di Abu Ta'ah. Fino ad adesso, avevano mantenuto questa ultima parte di proprietà, che si trova tra un ospedale palestinese e una via principale, affittando   una parte di esso a un venditore di auto e trasformato il resto in un ampio parcheggio.
Ma adesso esso appartiene ad Amana, il braccio legato allo sviluppo del movimento di coloni Gush Emunim, movimento fondamentale per la colonizzazione israeliana di molte parti della Cisgiordania occupata.
Amana inoltre possiede anche Al-Watan, una società con sede in Cisgiordania che acquista terreni palestinesi per gli insediamenti  ebraici , e che è stata coinvolta nella falsificazione di firme palestinesi in dubbi acquisti di terreni.
Una nuova indagine da parte del gruppo di controllo sugli insediamenti,  Peace Now, rivela come diversi ministri israeliani, guidati dall’ Amministrazione delle terre israeliane (ILA),  hanno fatto sforzi  straordinari per rubare l’ultimo pezzo di terra  della famiglia Abu Ta'ah e darlo ad Amana.
L'indagine mostra che ad ogni passo del cammino, ILA ha aiutato Amana ad aggirare ostacoli burocratici in modo che la terra diventasse  loro.
"Prima hanno esentato Amana dal dovere tenere una gara d'appalto," ha detto Hagit Ofran di Peace Now  al quotidiano di Tel Aviv Haaretz.
"Quindi hanno approvato il piano di costruzione dell'edificio senza avere alcun diritto reale sulla  terra. In seguito il ministro delle Finanze ha firmato un esproprio in modo da convalidare a ritroso il trasferimento di terre ad Amana, e, infine, ancora oggi, lo Stato continua a difendere ferocemente questo comportamento illegale in tribunale, invece di raddrizzare i torti e restituire la terra ai legittimi proprietari ".
La serie di misure adottate per espropriare la terra sono considerate illegittime anche da parte di alcuni dei più grandi difensori della occupazione.
L'avvocato della famiglia Abu Ta'ah Steven Berman è stato per 16 anni consulente legale al comune di Gerusalemme, spesso difendeva  la città contro le cause palestinesi per espropri di terreni illegali.
"Non ho nulla contro l’espropriazione delle terre, è un processo necessario", ha detto ad Haaretz.
"Ma in questo caso si sono allontanati da tutte le regole. Quello che è successo è che i funzionari ILA hanno  usato  impropriamente il loro potere per aiutare un organo politico. "
Il furto
I misfatti risalgono al 1992, proprio all'inizio dell’allora governo del primo ministro Yitzhak Rabin, quando ILA accettò di dare la terra ad Amana, senza una gara d'appalto. Ma come documenta Peace Now, ILA non era il proprietario del terreno.
Il piano è stato quindi accantonato , dice Peace Now, perché il governo Rabin aveva pubblicato uno studio che esaminava i mal comportamenti di ILA con le organizzazioni dei coloni a Gerusalemme Est. Il rapporto Klugman ha rilevato che  ILA aveva trasferito 68 appezzamenti di terreno alle organizzazioni  di destra dei  coloni: Elad e Ateret Cohanim.
Ma l'accordo è stato ripreso nel 1997, quando Benjamin Netanyahu è diventato per la prima volta primo ministro. Quell'anno, Amana ha presentato il suo programma di costruzione al Planning Administration sostenendo che ILA era il proprietario del terreno, ma evitando di firmare dal momento che sapevano di non essere i legittimi proprietari.
Alcuni mesi più tardi, l'Amministrazione per la  Pianificazione ha notato la mancanza della firma e per due volte l’ha dovuta richiedere ad Amana prima di riceverne una copia presumibilmente firmato dal responsabile di  ILA Amalia Abramovich.
Peace Now suggerisce che la firma della  Abramovich potrebbe essere stata falsificata, come è stato dimostrato essere successo in un altro caso.
Amana aveva inoltre inviato all'Amministrazione per la  Pianificazione una lettera di Avraham Nawi di ILA, dove si diceva che  la terra era stata espropriata.
L'accordo ha incontrato un altro ostacolo nel 2005, quando il Responsabile per la gestione delle Terre  rifiutò di registrare il passaggio perché non vi era alcuna traccia che la terra fosse  mai stata espropriata.
Tuttavia, nel 2009, il ministro delle finanze Yuval Steinitz ha firmato l'esproprio di una particella di terra  inventata a cui in cui c’era la proprietà di Abu Ta'ah che ILA aveva  sottoposto ad esproprio ed è così riuscita a completare il furto della terra.
In tribunale
Il governo sta ora difendendo l'espropriazione poiché la famiglia ha portato il fatto in tribunale.
Un tribunale di Gerusalemme ha respinto l’istanza della famiglia a marzo. Pur concordando che ci sono stati "difetti" nel piano di approvazione, il giudice Arnon Darel ha scoperto che invalidare l'accordo avrebbe causato troppi danni.
Ora la famiglia di Abu Ta'ah sta facendo appello all’alta corte israeliana riguardo all'esproprio.
Gli ebrei si sono insediati  sulle proprietà palestinesi da quando Israele ha espropriato circa 24.000 dunum (6.000 acri) di terreno di proprietà privata a seguito degli avvenimenti del 1967, di fatto l’annessione di Gerusalemme Est.
Anche se è solo una piccola parte degli  originali 4.000 dunum espropriati nel 1968, il contratto ha alle spalle un accordo  tra il governo e un gruppo privato di coloni e questo dimostra la mano attiva che lo stato di Israele ha giocato nella continua espropriazione della terra palestinese a Gerusalemme Est.
Il gruppo per i diritti israeliana Ir Amin afferma che "le costruzioni di insediamenti in mezzo a quartieri palestinesi negli ultimi 30 anni sono state apparentemente effettuate da organismi privati, ma queste avevano di fatto radici nella politica del governo e da esso erano supportate."
Il gruppo dice che il furto di terra a Gerusalemme "crea una fascia contigua di abitazioni di ebrei di destra attraverso Sheikh Jarrah, e separa le aree che si trovano più avanti dalla Città Vecchia e dal bacino storico".
Nel frattempo, Lunedì, decine di coloni israeliani hanno occupato un grande edificio residenziale in prossimità della Città Vecchia ed hanno poi eseguito le preghiere nel cortile che si affaccia sulla Moschea di al-Aqsa.


Charlotte Silver  è una giornalista indipendente e scrive regolarmente per The Electronic Intifada . Vive ad Oakland , California, e scrive sulla Palestina dal 2010.
Si può seguire su Twitter @CharESilver .
https://electronicintifada.net/blogs/charlotte-silver/how-israel-helps-settler-groups-grab-palestinian-land

Nessun commento:

Posta un commento