lunedì 9 maggio 2016

Amira Hass : La fuga dei cervelli dalla Striscia di Gaza



La fuga dei cervelli dalla Striscia di Gaza




Dieci giorni fa su Haaretz ho scritto che i tunnel della Striscia di Gaza non riflettono soltanto le allucinazioni militari di una società sotto assedio, ma anche il talento e l’inventiva degli abitanti. Senza libertà di movimento, molti di questi talenti vengono soffocati e perduti. Gli abitanti consumano tempo ed energia in attività solitamente semplici come bere acqua (l’acqua corrente non è potabile) o comprare un po’ di verdura (gli ascensori funzionano solo in alcune ore).
Il giorno dopo la pubblicazione dell’articolo ho partecipato, insieme ad alcuni amici di Ramallah, a un dibattito alla New School di New York. Un giovane partecipante mi ha guardato sorridendo e ha detto: “Tu mi conosci”. Poi mi ha salvato dall’imbarazzo aggiungendo: “Sono M, non ci siamo mai incontrati ma hai scritto molto su di me”. Dodici anni fa a M e altri 9 studenti di Gaza è stato negato il visto israeliano per partecipare a un programma speciale all’università di Betlemme. Impossibilitato a percorrere i 60 chilometri che lo separavano da Betlemme, M ha lasciato Gaza passando per l’Egitto e ha completato il suo master a Londra. Ora ha un dottorato in Svizzera sullo sviluppo dei bambini. Durante il dibattito M ha invitato tutti a non sopravvalutare le capacità di resistenza dei bambini che vivono sotto l’occupazione. I bambini devono avere un’infanzia, ha ricordato.
I talenti di Gaza non sono tutti sprecati, ma inevitabilmente vengono allontanati dal luogo dove ce ne sarebbe più bisogno.
(Traduzione di Andrea Sparacino)

Nessun commento:

Posta un commento