lunedì 4 aprile 2016

il rabbino Brant Rosen : Sì il sionismo è il colonialismo degli insediamenti

20090927

 Sintesi personale


È il sionismo il  "colonialismo degli insediamenti?" E 'una domanda importante che viene sempre invocata nei dibattiti pubblici su Israele / Palestina - e nel BDS in particolare.
Penso che sia fondamentale capire cosa intendiamo quando usiamo questo termine
Cominciamo con la definizione stessa.. Il colonialismo è definito dal Dizionario Collins come "  un potere che estende il controllo sui popoli più deboli o in aree.geografiche " Storicamente parlando, si riferisce in generale alle potenze imperiali europee in un periodo che è durato dal 16  secolo alla metà del 20 ° secoli.

Il "Colonialismo degli insediamenti," è un concetto diverso, come il  professore di Antropologia Tate A. LeFevre spiega :
Il colonialismo degli insediamenti è una formazione imperiale distinta in quanto cerca  di sostituire la popolazione originaria del territorio colonizzato con una nuova società di coloni (di solito dalla metropoli coloniale). Questa nuova società ha bisogno di terreno e così colonialismo degli insediamenti  ha necessità di accedere al territorio. La Gran Bretagna, per esempio, ha sviluppato la dottrina della "terra nullius" ( "terra che non appartiene a nessuno") per rivendicare la sovranità sull' Australia. L'intero continente è stato così dichiarato legalmente disabitato, nonostante millenni di occupazione aborigena. Il colonialismo degli insediamenti si fonda sulla occupazione e l'eliminazione della popolazione nativa, mentre il colonialismo ha come obiettivo   la conquista."
Data questa definizione, l'affermazione che il sionismo è una forma di colonialismo degli insediamenti è adeguata e non certo antisemita 
C'è, per esempio, una sorprendente somiglianza tra il concetto coloniale britannico di "terra nullius" e lo slogan sionista "una terra senza popolo per un popolo senza terra". Questo non  vuol dire che i sionisti hanno considerato la Terra come letteralmente vuota , infatti, hanno certamente riconosciuto l'esistenza di una popolazione araba in Palestina. Significa, però, che non hanno considerato sempre i suoi abitanti indigeni  e,  quando ciò è avvenuto, questo aspetto è diventato un problema da affrontare.
Il padre del sionismo moderno   ha scritto degli arabi palestinesi:
Cercheremo  di procurare lavoro alla popolazione   nei paesi di transito ,ma negando  qualsiasi impiego nel nostro paese.
David Ben-Gurion ha  espresso intenzioni simili in una lettera  del 1937 a suo figlio Amos (che non era d'accordo nel   sostenere il piano di partizione  del 1937):
La mia ipotesi (questo è il motivo per cui io sono un sostenitore fervente  di  uno stato, anche se è ora collegato alla partizione) è che uno stato ebraico solo su una parte del terreno non è la fine ma l'inizio ...
La creazione di uno Stato, anche se solo su una porzione della terra, è il rafforzamento massimale della nostra forza in questo momento e  costituisce un forte impulso ai nostri sforzi storici per liberare l'intero paese.
Noi ammetteremo  nello stato   tutti gli ebrei che possiamo. Crediamo fermamente che possiamo ammettere più di due milioni di ebrei. Dobbiamo costruire una economia- agricola, industriale e marittima ebraica . Noi organizzeremo un  esercito superiore che  sarà uno dei migliori eserciti del mondo. A quel punto sono fiducioso che non falliremo nel conquistare le restanti parti del Paese, attraverso un accordo e la comprensione con i nostri vicini arabi o utilizzando altri mezzi.
Grazie agli storici israeliani, come Benny Morris, Avi Shlaim, Tom Segev e Ilan Pappe, ora sappiamo che la creazione di Israele è stata compiuta attraverso "altri mezzi". Più di recente, il giornalista Avi Shavit,  ha recentemente fatto riferimento nel libro " la mia Terra Promessa ". al capitolo più agghiacciante (che è stato ristampato nella rivista New Yorker )  dove descrive in dettaglio lo spopolamento del villaggio palestinese di Lidda.
Ancora più agghiacciante sono riflessioni Shavit sul significato di questo tragico evento:
Guardando Lidda, mi chiedo se la pace è possibile.La nostra posizione è chiara :abbiamo dovuto prendere la Valle Lydda. Non c'era altra casa per noi  e non c'era altro modo,ma dalla parte degli arabi, la parte palestinese, è altrettanto chiaro: essi non possono dimenticare Lydda e non ci possono perdonare per Lydda. Si può sostenere che non è l'occupazione del 1967al centro del conflitto israelo-palestinese, ma la tragedia del 1948. E 'non solo gli insediamenti  sono un ostacolo alla pace, ma il desiderio dei palestinesi di tornare, in un modo o un'altra, a Lidda e in decine di altre città e villaggi che svanirono in un anno catastrofico. Ma lo Stato ebraico non può lasciarli tornare.
Molti di coloro che rifiutano il "sionismo come colonialismo degli insediamenti" sostengono che questa affermazione non tiene conto del legame storico e biblico del popolo ebraico alla terra e che gli ebrei sono i suoi "veri indigeni" ,e ciò li ha spinti a  voler tornare nella loro antica terra 
Lasciando da parte l'uso di un documento profondamente astorico  come la Bibbia per  giustificare   la creazione di un moderno stato nazione ebraico , diamo un'occhiata più da vicino alla pretesa sionista della indigeneity ebraica alla terra.
E 'certamente vero  che, in seguito alla distruzione del Tempio nel 73  e alla diaspora del popolo ebraico , la tradizione ebraica ha continuato a mantenere un legame importante  con la terra d'Israele. Eretz Yisrael ( "Terra d'Israele") è un tema centrale in molti testi ebraici sacri e in  numerose preghiere ebraiche tradizionali che  esprimono il desiderio  del ritorno del popolo ebraico alla terra. E 'anche vero che ci sono state piccole comunità ebraiche nella Palestina storica nel corso dei secoli e che il pellegrinaggio  ad Eretz Yisrael è stato considerato un mitzvah ( "o comandamento sacro".)
Tuttavia, è importante notare che l'attaccamento ebraico  in questa terra è tradizionalmente espresso come connessione intrinsecamente religioso. Fin dai suoi inizi l'ebraismo ha spiritualizzato il concetto della terra. Inoltre, nel corso dei secoli   le autorità rabbiniche avevano  severamente vietato un ritorno in massa alla terra  .. Tale atto  era  considerato come un anatema - una   forzare la mano di Dio. Il ritorno del popolo ebraico alla terra si sarebbe avuto   solo con la venuta del Messia e l'inizio dell'era messianica.
È contro questo contesto che dobbiamo comprendere il sionismo come un moderno movimento politico  del 19 ° secolo e come un rifiuto esplicito della tradizione ebraica. Mentre l'ebraismo era una religione diasporica basata sul concetto che  Dio poteva essere trovato in qualsiasi parte del mondo, il sionismo ha predicato "hagalut shlilat" ( "negazione della diaspora"), sostenendo il ritorno letterale alla terra, al fine di stabilire una moderna nazione ebraica . Influenzato dai nazionalismi europei del suo tempo, il sionismo ha cercato di creare un nuovo tipo di ebraismo   e un nuovo tipo di Ebreo.
Questa revisione radicale della vita e della cultura ebraica  rappresenta l'esatto contrario di indigeneity. Le popolazioni indigene, per definizione, mantengono pratiche culturali e linguistiche uniche e ben definite in un determinato paese. Il sionismo ha creato una nuova cultura ebraica ,  profondamente influenzata da un ethos ashkenazita europeo  e trapiantato in Medio Oriente. Per essere chiari: questo non vuol dire che gli ebrei non hanno alcun collegamento a questa terra e il diritto di vivere lì, solo che la pretesa di indigeneity ebraica è ideologica, piuttosto che reale e che questa affermazione ha avuto un impatto devastante sulla realtà indigena di questa terra.
Altri critici sottolineano che non esiste una  unica definizione del "Sionismo," in quanto questo movimento è stato  storicamente composto da molti sionismi diversi con differenti obiettivi.  C'erano, per esempio, i sionisti culturali come Ahad Ha'am che non condividevano il desiderio di Herzl di uno Stato politico ebraico, ma piuttosto sostenevano una graduale colonizzazione della Palestina e una  rinascita culturale ebraica. Altri sionisti  come Judah Magnes e Hannah Arendt, puntavano alla  creazione di uno stato bi-nazionale ebraico / arabo in Palestina.
Queste varianti del sionismo rappresentano  un fatto importante ,ma  è anche vero che sono appunto parte del passato storico. Se Magnes o Arendt vivessero oggi, sarebbero sicuramente considerati "antisionisti ". Il  sionismo che alla fine ha trionfato è stato il sionismo politico sostenuto da coloro che hanno  cercato di creare uno Stato ebraico sovrano nella Palestina storica. Ed è stato questo il sionismo che si è posto il fine di risolvere il problema della popolazione indigena della Palestina ", attraverso altri mezzi" 
  Bennett Muraskin scrive :
Il sionismo è descritto dai suoi sostenitori come il movimento di liberazione nazionale del popolo ebraico, ma  dobbiamo riconoscere che fino al piano di spartizione del 1947 delle Nazioni Unite, una minoranza ebraica ,principalmente  europei immigrati,  vivevano  sotto la protezione di un potere imperiale. I sionisti sono riusciti a liberare se stessi  dagli Inglesi ,  ma nella guerra combattuta con gli arabi palestinesi e gli eserciti arabi, i sionisti hanno espropriato la popolazione nativa.
In questo senso, Israele è uno stato dei coloni coloniale.
Muraskin, tuttavia, passa poi a elencare i modi che hanno reso  Israele diversa dagli altri stati coloniali con una certa ambiguità .
  Una differenza evidente è che Israele è stata creata da quello che era inizialmente un piccolo movimento,ma  è anche vero che Israele non avrebbe mai potuto  realizzarsi senza l'aiuto di grandi potenze mondiali (Gran Bretagna e poi negli Stati Uniti), James Baldwin ha detto molto giustamente nel 1979 : "Lo stato di Israele non è stato creato per la salvezza degli ebrei; è stato creato per la salvezza degli interessi occidentali. "
Questa  intuizione spiega perché il dibattito su questo termine non è solo accademica o semantico.Le politiche oppressive di Israele contro i palestinesi non nascono da un vuoto. Sono  parte di un più ampio sistema egemonico della supremazia bianca che esiste negli Stati Uniti e in tutto il mondo.
Come scrive il professor LeFevre, "colonialismo degli insediamenti in realtà non  ha mai 'fine'". Forse il primo passo per cambiare è  di definirlo correttamente .

Nessun commento:

Posta un commento