venerdì 1 aprile 2016

Dialogo interreligioso: Imam al-Azhar, Samir: invito incoraggia lotta al terrore


 
 
 
 
 
 
Secondo l’islamologo Samir, l’invito del Vaticano al Gran Imam di al-Azhar è un passo utile per aiutare l’istituzione sunnita a condannare il terrorismo dell’Is
it.radiovaticana.va






Un invito opportuno
“L’idea di invitare in Vaticano il Grand Imam di al-Azhar è stata una scelta molto buona, fatta nel momento giusto”. Padre Samir Khalil Samir, gesuita egiziano, docente di islamologia a Beirut e al Pontificio Istituto Orientale di Roma, commenta la recente visita di una delegazione vaticana al Cairo, presso l’università di al-Azhar, per invitare il Grand Imam, dr. Ahmad Al-Tayyib. Della visita al Cairo ha parlato anche Papa Francesco, durante la conferenza stampa sul volo di rientro dal Messico, affermando che è suo desiderio incontrare l’Imam e che sa come anche lo stesso Rettore di al-Azhar vorrebbe l’incontro.

Riprendere il dialogo
“Durante il pontificato di Benedetto XVI – spiega Samir - i rapporti erano delicati, visto che il conflitto era nato quando erano state prese a pretesto alcune sue parole, che in realtà non erano rivolte contro nessuno, ma difendevano la libertà religiosa. L’invito è un modo per riprendere il dialogo con l’islam sunnita, perché al-Azhar, com’è noto, è l’ateneo che forma il più gran numero di imam sunniti, migliaia all’anno, ed è l’università musulmana più famosa, esistendo da più di mille anni”.
La crisi del mondo musulmano
“Quello del Vaticano – spiega l’islamologo - è un passo per riprendere il contatto con uno dei maggiori centri di formazione intellettuale dell’islam, e quindi per affrontare uno dei temi chiave della crisi del mondo musulmano. Il fatto che il Papa abbia inviato presso l’istituzione sunnita, il Nunzio apostolico in Egitto, mons. Musarò, e il segretario del dicastero per il dialogo interreligioso, il vescovo Ayuso Guixot, ha una grande importanza simbolica e mi auguro che il rettore di al-Azhar venga in Vaticano per incontrare il Papa e riprendere un dialogo già avviato che era stato interrotto cinque anni fa”.
Sostenere l'islam per combattere Daesh
“Il mondo islamico – spiega ancora Samir - sta vivendo oggi forse la più forte crisi mai vissuta negli ultimi decenni. Un vero e proprio ‘scontro interno’, provocato dall’ideologia propagata dal sedicente stato islamico, Is o Daesh. Un’ideologia – quella dell’Is – inaudita, inaccettabile e che fa torto allo stesso mondo islamico”. “Il pretesto di ricreare i califfati è senza alcuna giustificazione e non si capisce perché chiami in causa l’Occidente”, aggiunge Samir. “Proprio per questo è molto utile oggi sostenere il mondo musulmano. Non serve combatterlo, ma piuttosto serve stargli vicino e offrirgli la propria esperienza, visto che nella Chiesa cattolica abbiamo sperimentato problemi simili”.
Il nodo dell'interpretazione del Corano
“La questione di fondo, oggi nel pensiero islamico, - spiega Samir - è infatti quella dell’interpretazione del Corano. L’interpretazione letterale, soprattutto dei passi che riguardano la violenza, è oggi impossibile. E così è impossibile l’applicazione di questi principi predicata dall’Is o Daesh. Ora, l’università di al-Azhar si oppone completamente, al cento per cento, a questa interpretazione letterale del Corano, ma è anche vero che i terroristi dell’Is si appoggiano a interpretazioni, corsi e testi di imam sunniti che non la condannano apertamente. Dialogando con i musulmani mi sforzo sempre di ricordargli che già nel medioevo l’islam aveva risolto questa disputa, giungendo alla conclusione che il testo deve essere interpretato, ed è solo da un secolo che predomina la tendenza ad applicarlo letteralmente. Il mutamento è avvenuto sotto l’influsso delle correnti fondamentaliste, come il  ‘wahhabismo’, una dottrina proveniente dall’Arabia Saudita e dal Qatar, che sono le provincie più ricche del mondo islamico e dunque in grado di diffondere, imporre, dappertutto la loro ideologia, più che teologia. Per questo penso che sia essenziale mantenere l’amicizia con al-Azhar per aiutarlo e incoraggiarlo a contrastare queste tendenze”.
La lezione di Ratisbona
Andando in questa direzione, il terrorismo sarà visto solo come terrorismo, senza alcun legame con l’islam autentico”, conclude padre Samir. “Reinterpretare il Corano è oggi la via della salvezza. Noi, come cristiani, possiamo incoraggiare questo processo, mostrando come anche nella nostra tradizione sia stata superata l’interpretazione letterale della Bibbia”. “Non è un atto di cui vergognarsi, non è un segno di infedeltà a Dio, ma è solo un modo per usare la ragione. Il punto chiave è proprio far convivere ‘fede e ragione’, proprio ciò che spiegò Benedetto XVI nel suo famoso discorso di Ratisbona che fu mal interpretato. E’ quello il vero passo avanti per uscire dalla crisi dell’islam”.

(Fabio Colagrande)

Nessun commento:

Posta un commento