mercoledì 9 marzo 2016

Summit dei paesi islamici: «Uniti sulla Palestina»


L'Indonesia chiama a raccolta il mondo musulmano per proteggere la Palestina

di 08.03.2016 9:00 CET
Joko Widodo
 
 
Il presidente dell'Indonesia Joko Widodo durante il quinto vertice dell'Organizzazione della Cooperazione Islamica che si è tenuto a Jakarta il 7 marzo 2016 REUTERS/GARRY LOTULUNG
L'Indonesia è pronta a fare "passi concreti" per porre fine alla "colonizzazione della Palestina" da parte di Israele, ha detto lunedì il presidente indonesiano Joko Widodo in apertura dei lavori nel corso di un vertice straordinario dell'Organizzazione della Cooperazione Islamica (OIC), a Jakarta. L’Indonesia è uno dei pochi paesi che non riconosce Israele come nazione.
"Come parte della comunità internazionale, Israele deve interrompere immediatamente le sue attività e le politiche illegali nei territori occupati", ha detto Widodo. "Finché l'indipendenza dei palestinesi non sarà data ai palestinesi, l'Indonesia si leverà in piedi contro l'occupazione israeliana".
Il vertice OIC di due giorni, organizzato su richiesta dell'Autorità palestinese, ha visto la partecipazione di rappresentanti di 57 nazioni. Inoltre, il Quartetto per il Medio Oriente - le Nazioni Unite, la Russia, gli Stati Uniti e l'Unione europea - sono stati anch’essi presenti alla riunione.
"L'OIC dovrebbe essere parte della soluzione, e non parte del problema. Se l'OIC non può essere parte della soluzione per la Palestina, allora l'OIC diventa irrilevante ", ha detto Widodo.
Il conflitto israelo-palestinese ruota attorno al disaccordo su come le regioni dovrebbero essere incluse entro i confini di un ipotetico Stato palestinese indipendente, e sul destino di Gerusalemme e degli insediamenti ebraici in Cisgiordania. Mentre il governo palestinese insiste sul fatto che i territori della West Bank farebbero parte del suo stato proposto, la regione è stata occupata da Israele dalla Guerra dei Sei Giorni - in diretta violazione della risoluzione 242 delle Nazioni Unite, che chiede il ritiro dei militari israeliani.
"Il vertice è una risposta alla situazione preoccupante, urgente e persistente in cui si trova la Palestina e Al-Quds Al-Sharif [Gerusalemme], che colpisce non solo il popolo palestinese, ma anche il mondo dell’Ummah islamica" (il termine Ummah può essere tradotto con “comunità di fedeli”), ha detto l'OIC in una dichiarazione pubblicata su il suo sito web. "Il vertice dovrebbe presentare una risoluzione che riafferma le posizioni di principio degli Stati membri dell'OIC sui temi della Palestina e di Al-Quds Al-Sharif, e di una Dichiarazione di Jakarta in cui saranno presentati gli impegni dei leader degli Stati membri dell’OIC per prendere iniziative concrete a sostegno della Palestina e di al-Quds al-Sharif."
GIAKARTA - Il presidente indonesiano Joko Widodo ha chiesto a tutti i Paesi musulmani di essere uniti per contribuire ad una soluzione del conflitto…
tio.ch





GIAKARTA -  Il presidente indonesiano Joko Widodo ha chiesto a tutti i Paesi musulmani di essere uniti per contribuire ad una soluzione del conflitto israelo-palestinese, aprendo il vertice speciale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica (Oic), oggi a Giakarta.
Widodo ha detto che "il mondo interno è preoccupato per il deterioramento della situazione in Palestina", ed ha condannato le "politiche illegali e unilaterali" di Israele. "Se la nostra organizzazione non può essere parte della soluzione per la Palestina, allora diventa irrilevante", ha avvertito.
Al vertice partecipano 57 Paesi, più i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza Onu e del Quartetto per il Medio Oriente.

Nessun commento:

Posta un commento