lunedì 21 marzo 2016

Bradley Burston: la settimana dell'Apartheid israeliana e Bibi ci ripetono la stessa lezione


Bradley Burston :Israeli Apartheid Week and Bibi have the same lesson to teach the rest of us


 Sintesi personale
Ogni volta che scrivo qualcosa di critico sui media filo-palestinesi e dichiaratamente anti-Israele, la mia casella di posta  si riempie  di utili suggerimenti. Sono razzista, ritardato, volontariamente stupido, un sostenitore delle politiche nazista ,  un irrimediabile  sionista ," un colono  degli Stati Uniti in Palestina"

Proprio come,quando scrivo qualcosa di negativo su Israele , sul governo esecrabile e  sul primo ministro, la stessa casella di posta viene intasata da persone che adorano Benjamin Netanyahu come emissario di Dio sulla terra, che vedono  nel movimento dei coloni lo strumento  del Messia   e  mi considerano un traditore di Israele e dell' ebraismo, un irrimediabile  antisionista Kapo , una persona che deve   andarsene  il più presto possibile
Così    ho poco da perdere dicendo quanto segue:

Settimana dell'Apartheid israeliana è ora in corso  in 150 luoghi in tutto il mondo. Quest'anno  innocenti israeliani, ebrei, musulmani e cristiani allo stesso modo sono stati uccisi  con accette, mannaie, coltelli a serramanico, coltelli da cuoco,  veicoli, fucili mitragliatori  e pistole. Lo  slogan della settimana dell'Apartheid è il seguente:

"Ispirato  alla  resistenza popolare in tutta la Palestina storica, speriamo di contribuire  alla lotta palestinese per la libertà e la giustizia."

Non una sola parola circa l'uccisione di persone innocenti. Non una parola sul mirare a  donne incinte, agli uomini anziani o ad  automobili che trasportano i bambini.
Noam Sheizaf ha dimostrato che la violenza palestinese può essere l'unica cosa che motiva gli elettori ed i funzionari israeliani a optare per  una soluzione finale. Stranamente, c'è una lezione importante che sia  la Settimana dell'Apartheid   che Benjamin Netanyahu  ci insegnano  : una eventuale soluzione  sembra terribilmente lontana
Questo ha a che fare con le tragiche morti di due settimane fa di  Yassin Saliman Abu Khousa e di   sua sorella Isra. Il giorno prima di morire - il giorno prima di  essere uccisi - non Hamas,ma un gruppo di salafiti  ha   sparato quattro razzi oltre il confine di Gaza in un'area aperta nel sud di Israele. I razzi non  hanno colpito nulla, non hanno danneggiato nulla, non hanno  ferito nessuno.A
Netanyahu  ha dichiarato : "Abbiamo risposto con determinazione e con mano pesante   danneggiando seriamente Hamas ,in futuro  sapremo come rispondere ancora più duramente."

L'obiettivo dell'aviazione era una struttura di addestramento nella città settentrionale di Gaza di Beit Lehia.,ma una baracca vicina è stata colpita . Due piccoli, dolci bambini sono stati uccisi. E che ha detto  Netanyahu la mattina dopo?

"La nostra politica per quanto riguarda la Striscia di Gaza è chiara  . Israele non accetterà il lancio di razzi . L'IDF risponderà a qualsiasi provocazione  e Israele ritiene Hamas responsabile , tocca ad  Hamas impedire tale fuoco." Non una sola parola circa l'uccisione di bambini innocenti. Non una sola espressione di rammarico. Non  l' accettazione di qualsiasi grado di responsabilità.
Proprio questa settimana  con la stessa espressione teatralmente cupa , ci ha dato un'altra lezione . Questa volta il soggetto era il terrorismo
"Il punto chiave nella lotta morale contro il terrorismo  è  rendere chiaro che il terrore , l'uccisione di persone innocenti , non ha alcuna giustificazione ovunque Non a Instanbul, non nella Costa d'Avorio, e non a Gerusalemme. Chi non condanna il terrorismo, sostiene il terrorismo.".Questa , dunque, è la lezione:
Chi non riconosce l'uccisione di persone innocenti dalla sua parte  e  incolpa l'altro lato per le uccisioni, in realtà  sostiene l'uccisione di persone innocenti.
Questa è la lezione   che  sia Bibi  che la Settimana dell'Apartheid israeliana ci hanno dato:

Nulla cambierà radicalmente in questo luogo impossibile fino a  che noi - entrambi i lati - non onoreremo  gli innocenti uccisi da entrambe le parti.

Nulla cambierà fino a quando non riconosceremo  e non ci assumeremo la responsabilità per i crimini commessi  sì, i crimini.

Nel frattempo, il minimo che possiamo fare è di ricordare i nomi delle vittime  di entrambe le parti  

Bradley Burston

Haaretz Correspondent
Per saperne di più: http://www.haaretz.com/opinion/.premium-1.710136

Nessun commento:

Posta un commento