sabato 19 marzo 2016

Apartheid dell’acqua a Gaza e Flint


 
 
 
 
18 mar 2016 Pubblicato da InvictaPalestina Una donna cerca l’acqua dopo che Israele ha bombardato la sua casa durante attacco a Gaza del 2014. immagini Ezz Zanoun APA A prima vista, la natura delle crisi idriche a Gaza e Michigan hanno un aspetto…
bocchescucite.org




A prima vista, la natura delle crisi idriche a Gaza e Michigan hanno un aspetto molto diverso. Le infrastrutture idriche di Gaza sono state bombardate più volte da parte di Israele. Nonostante i loro numerosi problemi, la gente di Flint e Detroit è stata risparmiata da tale evidente brutalità.

Allora perché le donne di Gaza, all’inizio di questo mese, hanno mandato un messaggio di solidarietà alle donne di Flint?

maxresdefault

La risposta è semplice: entrambi si sforzano di  dimostrare  come sia stata contaminata l’acqua dalla quale essi e le loro famiglie dipendono.

La lettera da Gaza a Flint – firmata da vari attivisti, tra cui il medico molto famoso Mona el-Farra – dimostra come Israele controlla l’acqua palestinese. L’occupazione israeliana ruba l’acqua dalla falda acquifera costiera che è la principale fonte  per Gaza, impedisce ai palestinesi di costruire impianti di trattamento delle acque reflue e li costringe a comprare l’acqua a prezzi che non possono permettersi.

Normalmente la gente comune a Flint non ha alcuna sovranità quando si tratta di acqua, è così per entrambi.

Nel corso degli ultimi anni, Rick Snyder, il governatore del Michigan, ha nominato una serie di “manager dell’emergenza” – tecnocrati non eletti, col potere di vendere beni pubblici, invalidare contratti sindacali e mettere in pericolo la democrazia locale.

Nel 2014, Darnell Earley, uno di questi manager di emergenza, decise che Flint avrebbe dovuto iniziare ad utilizzare l’acqua del fiume. Così è stato, nonostante  le autorità del Michigan avessero ritenuto l’acqua del fiume a rischio, per la salute.

Avvelenamento del sangue

La decisione ha avuto effetti rapidi. La gente del posto si è lamentata che l’acqua dei loro rubinetti era giallognola e sgradevole. Un gruppo di ricerca del Virginia Tech ha confermato che l’acqua a Flint era avvelenata.

Il livello di piombo rilevato, ad esempio, in alcuni campioni era di 13.000 parti per miliardo. L’Environmental Protection Agency raccomanda che il piombo nell’acqua non deve essere superiore a 15 parti per miliardo.

A Flint, il numero di bambini con livelli superiori alla media di piombo nel sangue è quasi raddoppiato. Nelle zone “ad alto rischio”,  è triplicato.

La popolazione di Gaza è alle prese con problemi simili.

Durante il 2014, è stato riferito che il 90 al 95 per cento della fornitura di acqua di Gaza non era potabile. La Palestinian Water Authority ha rilevato che la falda acquifera dalla quale Gaza dipende era altamente inquinata con pesticidi e acque reflue non trattate.

Sintomo del razzismo

I palestinesi vivono sotto un sistema di apartheid.  Gli effetti dell’apartheid sono particolarmente evidenti quando si tratta di acqua.

Mentre i coloni israeliani nella Cisgiordania arida possono godersi la vista di composizioni floreali ben irrigate e tuffarsi in piscina per tutto l’anno, i palestinesi hanno accesso a molta meno acqua potabile rispetto ai livelli raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Anche la crisi idrica del Michigan è un sintomo di razzismo istituzionalizzato.

Snyder e i suoi predecessori hanno imposto l’emergency managers principalmente su paesi e città con grandi popolazioni nere, tra Detroit e Flint.

Nel 2013, The Atlantic ha riferito che le cinque città in Michigan sotto la gestione economica contenevano solo il 9 per cento degli abitanti dello stato. Eppure, circa la metà di tutte le persone di colore in Michigan viveva in quelle città.

Scrivendo  il mese scorso su The Nation, Juan Cole ha sostenuto che, così come i residenti di Flint “non hanno avuto accesso a un diritto fondamentale come l’acqua pulita  per decisioni prese da burocrati che nessuno ha eletto, nello stesso modo  ai Palestinesi di Gaza sono negati i diritti fondamentali di cittadinanza.”

Il diritto all’acqua è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite. Eppure l’ideologia dominante considera l’acqua come una merce.

E ‘naturale che le alleanze devono essere create tra i difensori del diritto all’acqua nelle diverse città e paesi.

Anche il governo della mia nativa Irlanda, sotto la pressione dei suoi responsabili a Bruxelles e delle altre capitali europee, negli ultimi anni ha cercato di  mettere  l’acqua  nelle mani di una società privata. La battaglia contro  l’abolizione della Irish Water,  ha ricevuto il sostegno di attivisti in Michigan, Bolivia e Spagna.

gino.jpg

Diversi attivisti irlandesi che lottano per l’acqua, fanno anche parte del movimento di solidarietà palestinese. Uno di questi attivisti, Gino Kenny, è stato eletto al Dáil Éireann, la camera bassa del parlamento nazionale. Quando, alla fine di febbraio, è stata annunciata la sua elezione  ha esultato sventolando una bandiera palestinese.

Il gesto è stato apprezzato dai palestinesi – la cosa non ci sorprende. Le lotte per la giustizia saranno sempre interconnesse.


trad. Invictapalestina.org
Fonte: https://electronicintifada.net/blogs/david-cronin/water-apartheid-gaza-and-flint

Apartheid dell’acqua a Gaza e Flint

https://invictapalestina.wordpress.com/2016/03/18/acqua/

Nessun commento:

Posta un commento