venerdì 26 febbraio 2016

Uri Avnery : quando Dio perde ogni speranza






http://zope.gush-shalom.org/ho…/…/channels/avnery/1455894121.



Subito dopo la fondazione di Israele, Dio apparve a David Ben-Gurion e gli disse: "Hai fatto bene con il mio popolo. Pronuncia un desiderio e io lo esaudirò”
"Vorrei che Israele fosse ebraico, democratico e comprendesse tutto il paese tra il Mediterraneo e il Giordano," rispose Ben-Gurion.
"Questo è troppo anche per me!" esclamò Dio. "Ma io ti concederò due dei tuoi tre desideri. Si può scegliere tra un Israele ebraico e democratico in una parte del paese, uno Stato democratico in tutto il paese che non sarà ebraico o un Israele ebraico in tutto il paese che non sarà democratico ".
Dio non ha cambiato idea.
Mentre sto scrivendo questo, Benjamin Netanyahu è totalmente assorbito nel promulgare una nuova legge, una legge che sarebbe uno spartiacque nella storia di Israele. Il pubblico guarda in modo confuso, come se stesse accadendo in Kamchatka.
Questa legge potrebbe consentire (potrei scrivere “consentirà”), a 90 dei 120 membri della Knesset di espellere qualunque altro membro della Knesset o semplicemente, tutti gli altri membri. I motivi di tale decisione sono nebulosi: sostenere il "terrorismo" – a parole, così come mediante azioni, negando il carattere ebraico dello stato, e così via.
 Chi decide? La maggioranza, ovviamente.
L'impulso immediato per proporre questo disegno di legge è stato fornito dai tre membri arabi della Knesset che hanno visitato i genitori di "terroristi" arabi di Gerusalemme Est annessa. Ho già parlato di questo nel mio ultimo articolo. Avevano un buon pretesto - per aiutarli ad ottenere i corpi dei loro figli, che erano stati uccisi sul posto. Ma l'ovvia ragione è stata quello di portare loro le proprie condoglianze.
Ora, si può sostenere che una madre in lutto è una madre in lutto, indipendentemente dalla causa della morte di suo figlio e che offrire condoglianze è una virtù umana. Ma questo può essere troppo umanistico per i membri del Likud.
Nei bei vecchi tempi, quando eravamo i "terroristi" e gli inglesi erano gli occupanti, avrei certamente portato le mie condoglianze a un vicino di casa il cui figlio fosse stato ucciso durante un raid dell’Irgun. Non credo che gli inglesi mi avrebbe arrestato per questo.
Per legge, i membri della Knesset godono dell’immunità da procedimenti giudiziari per qualsiasi atto commesso in linea con le proprie funzioni. Per i membri della Knesset visitare i loro elettori in tali circostanze può essere un atto del genere. Pertanto, (secondo il Likud, ndt), una nuova legge è necessaria.
E che legge!

"Immaginate che una cosa del genere accada in Inghilterra o negli Stati Uniti," ha tuonato Netanyahu, "un deputato o membro del Congresso che appoggia i terroristi!"
"Immaginate che una cosa del genere accada in Gran Bretagna o negli Stati Uniti," io risponderei, "una legge che consenta ai tre quarti del Parlamento o Congresso di espellere gli altri!"
Netanyahu è stato educato negli Stati Uniti. Sicuramente gli è stato insegnato lì che la democrazia non significa solo la regola della maggioranza. Adolf Hitler è stato probabilmente sostenuto dalla maggioranza. Democrazia significa che la maggior parte rispetta i diritti delle minoranze. Compreso il diritto di libertà di parola.
Il diritto di libertà di parola non significa il diritto di esprimere opinioni popolari. Opinioni popolari non hanno bisogno di alcuna protezione. La libertà di parola significa il diritto di pronunciare opinioni che sono detestate da quasi tutti.
Significa certamente il diritto delle minoranze di esprimere le proprie opinioni con mezzi pacifici. E questo è il nocciolo della questione.
Tutti capiscono che il diritto di 90 di espellerne 30 è una minaccia di espellere gli arabi della Knesset. La fazione "araba" nella presente Knesset è composta da 13 membri e diventerà probabilmente maggiore nelle prossimi elezioni. (E 'un po' complicato. La fazione "araba" comprende un membro ebreo, che è molto rispettato. La fazione "ebraica" include alcuni membri arabi, che non osano aprire la bocca su cose serie.)
Questa non è una legge contro i simpatizzanti di "terroristi". Questa è una legge contro la minoranza araba. La Knesset sarà ebraica, pura e semplice.
Tornando al patto di Dio con Ben-Gurion, Sarà uno stato ebraico in tutto il paese, senza essere democratico.
Gli ebrei sono stati minoranze dall'esilio babilonese, circa 2500 anni fa. Tutti gli ebrei sono stati minoranze per alcune migliaia di anni.
Si sarebbe creduto che 80 generazioni siano sufficienti per imparare come uno stato dovrebbe comportarsi nei confronti delle minoranze. In effetti, si sarebbe potuto credere che tutti gli stati del mondo avrebbero mandato delegazioni in Israele per imparare come dovrebbero essere trattate le minoranze. Il fondatore del sionismo, Theodor Herzl, certamente pensava così, e ha descritto i rapporti idilliaci tra lo Stato ebraico e dei suoi abitanti arabi nel suo futuristico romanzo "Altneuland" ( "La terra vecchia e nuova").
Purtroppo, questo non si è avverato. I tempi in cui un giovane e fresco Israele attirava i progressisti di tutto il mondo per vedere i kibbutz e i moshav (villaggi cooperativi) sono ormai lontani. (Ora sembra che Bernie Sanders, uno dei candidati democratici alla presidenza degli Stati Uniti, sia stato una volta volontario in un kibbutz). Anche prima che la proposta di legge sia promulgata, Israele è uno dei paesi meno democratici nel mondo occidentale, a cui Israele vuole appartenere. Nella West Bank, che è governata da Israele, ci vivono circa 2,5 milioni di persone che sono prive di tutti i diritti civili e umani. Proprio questa settimana Amira Hass, la coraggiosa cronista israeliana dell’occupazione, ha descritto come la casa confortevole di una famiglia borghese palestinese sia stata invasa nel mezzo della notte da una squadra dell'esercito e gli abbiano detto di sgomberare il loro soggiorno, che è diventato un avamposto dell’esercito. I soldati portarono con sé un wc chimico portatile, ma si sono liberati senza problemi dal balcone.
Abbiamo creduto per un momento che Israele potesse rimanere "l'unica democrazia del Medio Oriente" tenendo grandi territori occupati. Non hanno gli inglesi tenuto sottomessi centinaia di milioni di indiani, mentre il paese è rimasto nel mondo fulgido esempio di democrazia? Certo, ma un inglese aveva bisogno di diverse settimane di navigazione da Liverpool a Bombay, il tempo di cambiare la sua personalità, mentre uno ha bisogno di solo cinque minuti per passare da Israele in Cisgiordania. cittadini arabi di Israele costituiscono circa il 20% della popolazione. Questi erano i resti di una grande maggioranza, la maggior parte dei quali erano fuggiti o sono stati espulsi.
Questa percentuale è rimasta così fin dall'inizio dello stato fino ad ora, un tempo in cui la popolazione di Israele è cresciuta più di dieci volte.
Un miracolo? Quasi. L'enorme aumento naturale della popolazione araba è stato equilibrato dall’immigrazione ebraica, in primo luogo dai paesi islamici, poi dalla Russia, e ultimamente dall'Etiopia. Sono ancora al 20%, come Dio ha previsto.
La prima generazione di "arabi israeliani" - come gli ebrei li chiamavano, con loro sconcerto - erano miti e sottomessi, ancora sconvolta dalla immensa catastrofe che aveva colpito la loro gente. Per motivi di sicurezza, sono stati sottoposti a un "governo militare", che ha limitato i loro movimenti. Un arabo non poteva andare dal suo villaggio all'altro, tanto meno acquistare un trattore o inviare un figlio a studiare, senza un permesso militare scritto. Questo sistema è stato abolito solo dopo 17 anni.
Ci si può chiedere il motivo per cui sono stati concessi i diritti di voto a tutti. Ebbene, dal momento che erano così docili, Ben-Gurion, un uomo di partito in tutto e per tutto, ha deciso che avrebbero sostenuto la maggioranza del suo partito alle elezioni. Questo in effetti è successo.
Ma ora c'è una terza generazione di cittadini arabi. Ci sono professori universitari arabi, medici primari, imprenditori, anche comandanti di polizia. Ci sono nazionalisti palestinesi, islamisti, comunisti. Hanno sentimenti, richieste, anche la faccia tosta di chiedere la piena parità.
Questo sarebbe abbastanza un grande problema in una situazione normale. Ma la situazione qui non è normale. La minoranza nazionale di Israele è parte del popolo palestinese, cui l'attuale leadership israeliana vuole togliere l’intero territorio.
In un angolo della mia mente ho una sceneggiatura per un film. Che sono pronto a regalare.
Due ragazzi ebrei, chiamiamoli Abramo e David, fuggono dalla Germania nazista. David va negli Stati Uniti, Abraham va in Palestina.
David, naturalmente, si unisce al movimento di Martin Luther King, diventa un leader attivista per i diritti civili e ora è un attivista fervente per i diritti delle minoranze. Egli sostiene anche il BDS, che chiede il boicottaggio di Israele.
Abraham, che si fa chiamare Rami, è un colonnello dell'esercito israeliano, un fervente nazionalista e regolare elettore del Likud, un ammiratore di Netanyahu. Per puro caso (questo è un film, dopo tutto) una volta era un membro del kibbutz in cui Bernie Sanders era stato un volontario.
Egli è responsabile di gran parte della Cisgiordania, e capita che sia responsabile dell'ordine in base al quale i palestinesi sono cacciati dalle loro case per motivi di sicurezza.
David dirige una delegazione americana dei diritti umani, che viene a indagare su ciò che sta accadendo nei territori occupati, Rami ha il compito di impedire loro di arrivarci. E così via.
Tornando a Dio, Egli sta scuotendo la testa. Questi esseri umani, si chiede, impareranno mai?
Nessun paese ha mai tratto profitto dal buttare fuori le sue minoranze. La Germania nazista ha espulso i suoi scienziati ebrei, alcuni dei quali sono andati negli Stati Uniti e costruito la bomba atomica per l'America. Molto tempo prima di questo, i re cattolici di Francia hanno buttato fuori gli Ugonotti protestanti, che sono emigrati in Prussia e trasformato una piccola città di guarnigione chiamata Berlino in un centro mondiale dell'industria e della cultura. Ci sono molti altri esempi.
Se duemila anni non ci hanno insegnato qualcosa, quando potremo mai imparare?
  Traduzione di  Giorgio Canarutto

Nessun commento:

Posta un commento