domenica 14 febbraio 2016

Robi Damelin : Le madri in lutto israeliane e palestinesi sentono lo stesso dolore




Sintesi personale
 Il conduttore di un programma radiofonico nazionale, si è chiesto se c'è differenza tra i genitori israeliani e palestinesi quando si nega la restituzione dei corpi dei loro figli da parte di Hamas o del governo israeliano.
Razi Barkai Ha dichiarato : "Non credo che ci sia differenza tra una madre palestinese in lutto e una madre ebrea in lutto." Le sue osservazioni hanno scatenato una tempesta di critiche aspre e di attacchi personali: come può fare un simile paragone? Come osi?
Cosa ti fa pensare che le lacrime di una madre palestinese in lutto siano di un colore o di una sostanza diversa da quelle di una madre israeliana in lutto? Forse si pensa che la loro cultura sia diversa, o che lei non dia valore alla vita del suo bambino come 'noi' facciamo?
Io ho scoperto negli ultimi 13 anni, da quando il mio amato David è stato ucciso da un cecchino palestinese, che condividiamo un dolore così intenso da modificare il nostro essere per sempre
Questo mi ha portato a concludere che tutte le madri che hanno perso i loro amati figli condividono lo stesso dolore. Non importa quale immagine o l'etichetta hanno usato i media , i politici o i poteri forti, la loro vita non sarà più la stessa. E 'come se qualcuno avesse strappato un pezzo del loro cuore e nulla potrà sostituirlo.
Posso capire il desiderio terribile di una madre che non conosce il destino di suo figlio e non ha una tomba sulla quale piangere e nessun giardino vicino alla tomba da curare .Questo dopo tutto è una sorta di estensione della maternità.
C'è, naturalmente, il pensiero che forse non è morto e questa incertezza è ancora più terribile
Perché una madre palestinese non dovrebbe volere il corpo del figlio per piangerlo con dignità ? Perché il suo dolore dovrebbe essere diverso rispetto a quello di una madre israeliana ?
Non importa quale sia il crimine. Una madre sente l'esigenza di recarsi sulla tomba del figlio per sussurrare quanto lo ama
Il rifiuto di restituire i cadaveri creerà solo più odio e desiderio di vendetta. Invece di continuare il ciclo senza fine della violenza, forse c'è un altro modo da apprendere .Ripetiamo gli stessi modelli di comportamento su entrambi i lati, un comportamento che già sappiamo porterà morte e distruzione alle famiglie.
Tutte le madri delle 600 famiglie delle vittime palestinesi e israeliane, membri del Parents Circle - Families Forum, che ho imparato a conoscere così intimamente, vi diranno ciò che sentono quando si svegliano al mattino . Pensano che sia un brutto sogno quanto è accaduto ,ma la realtà dolorosa della perdita diventa immediata . Chiedi aNasra da Nablus che ha perso due figli e trascorre la sua vita preoccupandosi per la famiglia rimasta , chiedi a Bushra che ha perso il figlio, chiedi a Tamara che ha perso un figlio, chiedi a Iris che ha perso un figlio. Vi diranno che sono unite nel dolore e non rinunceranno alla speranza di un futuro migliore per i loro figli e nipoti.
Così un uomo alla radio che ha perso un fratello durante il servizio militare e ha osato dire che il dolore di entrambe le madri israeliane e palestinesi è identico . Tutto il paese si è ribellato . Suggerisco di ascoltare con attenzione quello che dice e anche se non si è d'accordo, di rispettare la sua opinione e la sua dignità, senza scendere in una guerra civile e senza definire un unico lato come giusto .
 

Israeli and Palestinian Bereaved Mothers Feel thethe Same Pain

Robi Damelin

Nessun commento:

Posta un commento