mercoledì 3 febbraio 2016

Ricostruzione di Gaza: ZERO costruzioni, MASSIMI profitti


 
 
 
 
a cura di Who Profits, Febbraio 2016 L'ultimo attacco israeliano a Gaza ha lasciato almeno 2.000 palestinesi uccisi e 17.000 case distrutte,…
invictapalestina.wordpress.com





a cura di Who Profits, Febbraio 2016
Schermata 2016-02-02 alle 14.03.07
L’ultimo attacco israeliano a Gaza ha lasciato almeno 2.000 palestinesi uccisi e 17.000 case distrutte, rendendo oltre 110.000 persone senza casa e trasformato gran parte della striscia di macerie. A seguito di palesi violazioni israeliane del diritto internazionale umanitario, la crisi umanitaria già esistente nella Striscia di Gaza assediata è stata ulteriormente peggiorata.

Non solo Israele è riuscito a evitare condanne per la sua responsabilità, ma ha anche beneficiato economicamente dalle rovine che ha causato. La ricerca sul caso Nesher, l’unico produttore di cemento israeliano, mostra come il mercato israeliano delle costruzioni trae profitto dalla distruzione che Israele ha provocato nella Striscia di Gaza.
L’accordo trilaterale delle Nazioni Unite: garantire profitto israeliano
Nel mese di settembre 2014, l’accordo trilaterale delle Nazioni Unite stipulato tra le Nazioni Unite, Israele e l’Autorità Palestinese ha fornito un quadro normativo temporaneo per l’industria di ricostruzione di Gaza. Questo accordo  è stato indicato come un mezzo per superare l’embargo e alleviare la sofferenza umana nella Striscia di Gaza, in base all’accordo Israele  avrebbe fornito con misure di sicurezza e di controllo sul movimento degli aiuti,  le merci di ricostruzione e i materiale.
Se i materiali di ricostruzione fossero entrati nella Striscia di Gaza lo scorso anno, la Banca Mondiale ha stimato che per la Cisgiordania e la Striscia di Gaza ci sarebbe stata una crescita economica del loro PIL, di oltre il 4% in Cisgiordania e dell’11% a Gaza.
Tuttavia, l’accordo patrocinato dalle Nazioni Unite  ha sia perpetuato il regime di controllo e di limitazione israeliano  della Striscia di Gaza e sia l’istituzionalizzazione della redditizia industria israeliana  della ricostruzione.
Poiché le autorità israeliane rappresentano l’unico fornitore  di materiali da costruzione  autorizzato ad entrare nella Striscia di Gaza, in Israele questo ha prodotto un aumento del profitto  attraverso l’assicurazione che i materiali per la ricostruzione e gli aiuti sarebbero stati forniti da Israele e a beneficiarne quindi l’economia israeliana.
Di conseguenza, l’economia palestinese è caduta in un controllo ancora più stretto di Israele. In effetti, una  stima della Autorità Palestinese  per gli sforzi di ricostruzione di Gaza fatta nel 2014 è di 7,8 miliardi di dollari US. Questa include 2,5 miliardi di dollari per la ricostruzione di 17.000 case e 2,5 per la ricostruzione dell’unica centrale elettrica di Gaza,  distrutta durante l’attacco il 2014.
 I Profitti della Nesher 

cemento
Nesher Cement| Gaza Strip| Apr 2015| Photographed by Aid Watch
La Nesher Israel Cement Enterprises è l’azienda  produttrice e fornitrice di cemento e clinker per l’industria delle costruzioni. Produce anche i sacchi di cemento, l’estrazione e la produzione di gesso bianco e il trasporto tramite camion. La società detiene il monopolio  del cemento sui mercati israeliani e palestinesi. Dal momento che la società vende oltre l’85% di tutto il cemento in Israele, è lecito ritenere che il muro di separazione, la maggior parte se non tutti i checkpoint, gli insediamenti in Cisgiordania, e le infrastrutture israeliane in Cisgiordania sono costruiti con cemento della Nesher.
Schermata 2016-02-02 alle 11.41.47
I prodotti di questa società  sono stati visti nei cantieri degli insediamenti in Cisgiordania di Alfei, Menashe, Kedumim e Ma’ale Adumim e nel quartiere di Har Homa nella Gerusalemme est occupata. Sacchi di cemento Nesher sono stati documentati durante la costruzione della metropolitana leggera di Gerusalemme, un progetto di trasporto che collega i quartieri di insediamento di Gerusalemme Est con il centro della città.
La Cisgiordania e la Striscia di Gaza costituiscono un mercato esclusivo del  cemento di Nesher e una fonte di ricavi su larga scala. Inoltre, la società ha attivamente cercato di bloccare i concorrenti giordani sul mercato palestinese. Lo ha fatto pretendendo forme di “dumping prices” dagli esportatori giordani e direttamente con  personale aziendale al valico della frontiera di Allenby .
Per quanto riguarda l’industria di ricostruzione nella Striscia di Gaza, Nesher fa enormi profitti nel quadro dell’accordo sponsorizzato dalle Nazioni Unite. Come unico fornitore di cemento israeliano,  detiene il monopolio sul mercato israeliano, e attraverso lo sfruttamento della distruzione  delle case palestinesi durante l’ultimo attacco israeliano alla Striscia di Gaza, ha assicurato guadagni economici e  crescita aziendale . Negli ultimi mesi, Nesher Cement è stata segnalata attraverso la Striscia di Gaza con quantità enormi di materiale. (Vedi foto a sinistra)
Blocco israeliano completo
Come affermato da un funzionario della Comunità Europea “può essere molto difficile esportare materiali a Gaza. Molti  prodotti per  ​​progetti   di ricostruzione del settore privati di Gaza che abbiamo seguito, sono stati trattenuti nel porto di Ashdod per lunghi periodi di tempo – mesi se non anni – quindi non c’era di fatto altra alternativa che utilizzare prodotti israeliani “.
Oltre alla morsa politica ed economica di Israele su Gaza, la comunità internazionale deve ancora sbloccare i  3,6 miliardi di US $ promessi per l’aiuto umanitario e la ricostruzione a Gaza. Secondo i dati recenti pubblicati dalle Nazioni Unite nel gennaio 2016, solo il 20% dei fondi per la ricostruzione di Gaza sono stati ricevuti.
Sotto l’attuale regime dei meccanismi di blocco e di restrizioni israeliane, le iniziative per alleviare la crisi umanitaria sono inefficaci. Secondo il rapporto di Jadaliyya, delle 8.377 case completamente distrutte da Israele, nessuna è stata ricostruita. Delle 23,597 case che sono state parzialmente distrutte, solo circa il cinque per cento sono state ricostruite. Allo stato attuale, oltre 12.000 persone sono ancora sfollate e vivono come profughi in tutta la Striscia di Gaza.

trad. Invictapalestina
Fonte: http://www.whoprofits.org/content/reconstruction-gaza-zero-buildings-massive-profit
Who Profits è stata fondata nel 2007 come  progetto di ricerca della Coalizione di Donne per la Pace (CWP) – un’organizzazione femminista, palestinese-ebraica dedicata alla lotta contro l’occupazione. Il carattere del progetto è stato modellato attraverso il lavoro costante di molti attivisti CWP e all’avanguardia agenda femminista di questa organizzazione.

Nessun commento:

Posta un commento