lunedì 8 febbraio 2016

Larry Derfner : BDS e sionisti liberali. La scelta

 Sintesi personale

Un risveglio tra i sionisti liberali è iniziato nelle ultime settimane. Alcune voci autorevoli in questo campo, soprattutto all'estero, ma anche qui, sembrano aver perso la pazienza con Israele e la sua occupazione. Hanno cominciato a parlare in modi che sono generalmente considerati radicali.

Roger Cohen, editorialista del New York Times, si è unito al movimento di boicottaggio. Citando un recente rapporto di Human Rights Watch, ha chiamato per fare pressioni sulle imprese internazionali "perchè  rispettino i diritti umani e cessino le attività negli insediamenti ." David Remnk, editore e scrittore della rivista The New Yorker, ha parlato della Lista araba e del Presidente Ayman Odeh, avvallando implicitamente il suo messaggio  "Il messaggio di Odeh è costruito intorno alla merce più rara nel deserto dopo l'acqua: la speranza," e ha criticato l'atteggiamento di  Herzog verso Odeh  Amos Schocken, editore di Haaretz, ha scritto un articolo e il cui titolo dice tutto: "Solo la pressione internazionale porrà fine all'apartheid israeliano". E vorrei aggiungere a questa lista Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite, che ha sfidato la roccaforte della  propaganda israeliana affermando che  la causa principale del conflitto e del terrorismo palestinese è l'occupazione . "Come i popoli oppressi hanno dimostrato nel corso dei secoli, è nella natura umana reagire all'occupazione",collegando in tal modo la causa palestinese  ai movimenti anti-coloniali della storia. Non so se questa tendenza tra i sionisti liberali e amici di Israele crescerà o si esaurirà , ma sono convinto che l'unico modo per porre fine all'occupazione è che le persone che sanno che è sbagliato, che è immorale,escano dall'equivoco . Credo che, se Barack Obama, Angela Merkel, Francois Hollande e innumerevoli altri politici liberali, diplomatici  e commentatori   dicessero ad alta voce quello che realmente pensano della politica di Israele verso i palestinesi  e si concentrassero su  questo, l'occupazione fiinirebbe . Di fronte alla minaccia di sanzioni severe Israele dovrebbe prendere atto della situazione  in Cisgiordania e a Gaza piegando la sua mano . Se  fossi un  allibratore io direi che questa ipotesi non accadrà mai e quindi non scommetterei su di essa,ma  nessuno può dire che non possa succedere anche qui.

Quello che possiamo dire  è che non  accadrà sotto la guida di Herzog, Tzipi Livni e Yair Lapid; che offrono ai palestinesi sempre di meno rispetto a quello che (giustamente) hanno  respinto in passato. Né accadrà  in ogni caso sotto la guida degli Stati Uniti, dove le sanzioni minacciose contro Israele sarebbero  viste come un  tradimento. Per premere  su Israele ,soprattutto in Europa, i liberali devono iniziare a parlare e  ad agire come i radicali  non nei loro obiettivi, ma nelle tattiche.

Non mi sento a mio agio nel sostenere il boicottaggio del mio paese, ma a pochi anni fa, dopo che è diventato chiaro per me che né il campo della pace israeliano  né la Casa Bianca   avrebbero posto fine  all'occupazione, la scelta era ristretta a due opzioni: sostenere il boicottaggio o sostenere lo status quo per sempre. Io ho  scelto la prima.


Io sono un liberale sionista, voglio  che  Israele rimanga uno stato ebraico  e sostengo il boicottaggio di questo paese, in qualsiasi forma, perché è l'unica soluzione per  convincere gradualmente il mondo a porre  fine alla dittatura militare conosciuta come occupazione. Ho problemi con il  movimento BDS , ma non così gravi come quelli che ho con l'occupazione. Inoltre  il movimento BDS può decidere di smantellare lo Stato ebraico, ma l'Occidente semplicemente vuole smantellare l'occupazione e solo l'Occidente può forzare la volontà   di Israele.
Ci i sono altre opzioni relativamente radicali per i liberali oltre a sostenere il boicottaggio. Possono invitare i riservisti dell'esercito israeliano a rifiutarsi di servire in Cisgiordania. Meretz e Peace Now potrebbe noleggiare una flottiglia  per Gaza  pieni di aiuti umanitari e  con la bandiera di Israele Ma forse la radicalizzazione dei sionisti liberali inizia con la parola, non con gli atti Queste persone non possono continuare ad aver paura di incolpare Israele e di  "schierarsi" con i palestinesi. Non possono continuare a dire "entrambe le parti sono da biasimare." Israele è un paese libero che nega a milioni di palestinesi la loro libertà con la repressione militare  e lo ha fatto dal 1967. Non c'è equivalenza morale tra le due parti in questo conflitto. Queste persone devono smettere di fingere che l'occupazione è insostenibile. In questo modo salvano la  loro coscienza  e giustificano la loro timidezza di fronte a questa storica ingiustizia consolandosi con l'affermazione  che non può durare. In tal modo  essi stanno aiutando l'occupazione . Nel frattempo alcuni sionisti liberali stanno cambiando, si stanno radicalizzando  diventando parte della soluzione

Larry Derfner è un editor giornalista e copia israeliano Haaretz.

Larry Derfner :Anti-occupation but Put Off by BDS's Hostile, anti-Israel Tone? Flood It With Liberal Zionists


Yishar Kokheha, Larry Derfner, for a great article calling on liberal Zionists to stop their handwringing and call for sanctions. It's behind the Haaretz firewall, but it's a mitzvah to subscribe to Haaretz. "I’m convinced that the only way to end the occupation is for people who know that it’s wrong, that it’s immoral, to finally stop equivocating. I believe that if Barack Obama, Angela Merkel, Francois Hollande and countless other liberal politicians, diplomats and commentators said aloud what they really think of Israel’s policy toward the Palestinians – and acted on those convictions – the occupation would be finished. Facing the threat of severe sanctions by the West, Israel would fold its hand in the West Bank and around Gaza. "
read more:

Nessun commento:

Posta un commento