mercoledì 24 febbraio 2016

Mira Sucharov : L' antisemitismo come arma per mettere a tacere il pensiero politico

Crying Wolf on Campus anti-Semitism: The Vassar College Talk Was No Blood Libel


Sintesi personale

Il Presidente degli Amici del Centro Simon Wiesenthal di Studi sull'Olocausto  in Canada  ha affermato che  gli ebrei dovrebbero prendere in considerazione altre opzioni oltre la  York University di Toronto. La ragione? Una recente proposta   della facoltà di non accettare finanziamenti da parte di produttori di armi. La proposta non ha menzionato Israele ,ma secondo  Aviv Benlolo, Amici del Simon Wiesenthal Center , si tratta di una "campagna di censura contro Israele ed il popolo ebraico".  aggiungendo che  ,  sulla scia della proposta,era "preoccupato per  la sicurezza degli studenti ebrei [di York] e  per  i docenti. "

Recentemente ho analizzato il rapporto 2015 del Centro di Simon Wiesenthal sull'antisemitismo nei campus americani, intitolato: ". Un pericolo  presente"Nel documento di 26 pagine  ho  scoperto un paio di episodi di antisemitismo nel corso degli otto anni precedenti.
Casi citati
Harvard nel 2013  dove, per aumentare la consapevolezza delle demolizioni  di case palestinesi,  gli attivisti hanno diffuso avvisi di sfratto finti  nelle  stanze dormitorio. Non c'era  alcuna  prova  che gli studenti ebrei  fossero stati presi di mira.

Il rapporto sootolinea  un "decennio" di "crescente ostilità" presso l'Università della California-Berkeley nel 2015 "  come :" atti vandalici contro proprietà ebraiche, sputi agli  studenti ebrei, minacce di  violenza e aggressioni ai  sostenitori ebrei di Israele ".

Incidenti come questi dovrebbero essere denunciati con forza,ma  ogni altro evento raccontato dal 2007   descrive l'attività politica diretta contro Israele e le sue politiche  e non casi di antisemitismo. L'ultimo   caso è più sfumato  Si tratta di un recente intervento di  Jasbir Puar al Vassar College bollato come anti-semita e calunnia del sangue.
Puar  ha esposto la sua tesi circa i corpi dei 17 giovani palestinesi che Israele  non ha restituito alla famiglia per due mesi alla fine del 2015  affermando :  "Alcuni ipotizzano che ai corpi siano stati  estratti organi per la ricerca scientifica"

Mentre la libertà accademica è un principio destinato a proteggere dalla censura legale, vi è una norma altrettanto importante che richiede  a  uno studioso di fornire la prova quando fa  affermazioni empiriche. Su questo Puar  ha  fallito.

Ma   questa violazione è antisemita?

Joshua Schreier, professore associato di Storia al Vassar e membro del comitato direttivo del programma di studi ebraici   non la pensa così. E 'stato presente al dibattito . "E 'molto importante," mi ha detto, "proteggere la libertà di parola e e la libertà  accademica. Noi studiosi abbiamo la responsabilità  di precisare  quando si fanno  speculazione, se abbiamo prove oppure no. Ma niente di tutto ciò rende anti-semita  tale tesi ".

Purtroppo l'accusa infondata di utilizzare "parti del corpo per sperimentare  " tagli vicino all'osso" è stata pronunciata in un un momento culturale  che vede bollare  la maggior parte delle critiche ad Israele  come antisemite. Questo significa sicuramente che le ricadute  serviranno a distrarre  dai  mali dell' occupazione. Significa anche che la retorica iperbolica sull'  anti-semitismo nei campus, rende  sempre più difficile individuare quando si verifica realmente un episodio di antisemtismo.

Nel frattempo  centinaia di docenti provenienti da tutti gli Stati Uniti hanno  chiesto al Preside di "scrivere una lettera al Wall Street Journal ... condannando senza mezzi termini l'attacco ingiustificato  su Vassar e sul professore Puar."

Ian S. Lustick, un professore di scienze politiche alla University of Pennsylvania,  ha firmato la dichiarazione "per mostrare solidarietà contro la campagna per limitare lo spazio  di dicussione politico su qualsiasi argomento attinente  Israele e i  palestinesi"Considerazioni sul disinvestimento dalle aziende di armi non è anti-semitismo. La critica della politica di Israele non è anti-semitismo. La critica all' occupazione non è anti-semitismo.La critica alla violenza - che si tratti di violenza sponsorizzata dallo stato o di violenza effettuata da individui o gruppi - non è anti-semitismo. Presentare dichiarazioni infondate nei confronti  di uno stato in una conferenza pubblica è irresponsabile,ma  questo non rende necessariamente   questo discorso antisemita 
.

Nessun commento:

Posta un commento