sabato 27 febbraio 2016

Gideon Levy : il razzismo di Israele verso gli arabi si sta evolvendo




  Sintesi personale
.David Levy, ex ministro israeliano che proveniva da Marocco, sta camminando per la strada con la moglie e il figlio. Il ragazzo cade in un pozzo. Levy chiede alla moglie: "dobbiamo farlo uscire o ne facciamo  un altro?"

Ecco come i marocchini   trattano i loro figli, ci è stato detto nel 1980. C'era un libro di barzellette su questo di un razzismo nauseante    Da allora  il razzismo si è evoluta. Ora la stessa cosa  viene detta in tutta serietà dal  ministro della Difesa,   dal ministro dell'istruzione (!)
Il messaggio è lo stesso : gli ebrei   arabi (spregiativamente chiamati "Frenkim" - sorta di schvartze locale) e gli  arabi (spregiativamente chiamati "Arabushim" - sorta di "teste di stracci") trattano la vita dei loro figli con disprezzo. La loro perdita non è la nostra perdita. Ci santifichiamo la vita ( "morire per il nostro paese è buono") e santifichiamo la morte.mentre agli arabi non importa se i loro figli muiono , non sono umani come noi.

Quello che era detto sugli ebrei africani  ora viene ora viene  detto sugli arabi - "marocchini con coltelli" o "morte agli arabi", ma la disumanizzazione è eterna . Moshe Ya'alon, Gilad Erdan e Roni Alsheich affermano che il nostro dolore non può essere paragonata a quello dei palestinesi; Naftali Bennett dichiara che mandano i loro figli a morire per i soldi. Bestie selvagge. Io non so quante case palestinesi in lutto sono state visitate da Ya'alon, Bennett, Erdan e Alsheich. Ognuno ha la propria storia personale di dolore   Negli ultimi mesi ho visitato un gran numero di case palestinesi in lutto, che si uniscono alle centinaia di case palestinesi in lutto che ho visitato nel corso degli anni. Ho  incontrato solo dolore ,   dolore, shock e  dolore, esattamente come nelle case ebraiche. A volte questi sentimenti sono stati accompagnati da un senso di orgoglio nazionale, come  nelle  famiglie israeliane  delle vittime di guerra  Non vi è alcuna differenza tra loro.
Naama e Yosef Mahdi seduti nella loro piccola casa nel campo profughi di Al-Arroub piangono  Omer, il loro figlio di 16 anni  ucciso dai soldati. Ismail Saada piange sil  figlio Haitham, 14 anni . Hassan Tobi piange il figlio Ahmad, 16 anni  e Eid Abu-Eid  la figlia Rokiya, 13 anni , uccisa dai soldati.

Abed e Hala Abdullah  portavano in macchina le loro due figlie   alla scuola di estetica di Nablus ogni giorno, per paura che venissero ferite . I soldati israeliani hanno sparato contro la loro auto  "per errore", uccidendo Samah, 18 anni . Non dimenticherò mai il dolore del loro viso .  E come loro sono migliaia di case in lutto nei territori.

La considerazione spregevole dei ministri verso i sentimenti di questi genitori , ovviamente, evidenzia  il livello  raggiunto  Se non sono persone come noi, allora noi, il popolo eletto, non possiamo fare nulla per loro.Guardateci ! Come sono sante , come sono illuminate le nostre vite ; guardate come loro sono  selvaggi, come sono  inferiori .Dietro tutto questo si trova il razzismo strutturale della società  e di questo si fanno portavoce funzionari e ministri




Gideon Levy

Nessun commento:

Posta un commento