martedì 23 febbraio 2016

Barak Ravid : gli Usa intercettarono una telefonata di Netanyahu-Berlusconi sui rapporti Usa-Israele





Sintesi personale
La National Security Agency (NSA) ha intercettato una conversazione tra il primo ministro Benjamin Netanyahu e l'ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi il 13 marzo 2010, durante il quale il premier israeliano chiese al suo omologo italiano di contribuire a disinnescare le tensioni tra Israele e gli Stati Uniti e ammise di non avere   un contatto diretto" con il presidente Barack Obama.
La notizia  è trapelata dal sito Wikileaks   Secondo il documento la chiamata è stata intercettata nell'ambito del monitoraggio americano  dell'ufficio di Berlusconi e non attraverso una intercettazione telefonica su linee israeliane.

La conversazione tra Netanyahu e Berlusconi ha avuto luogo quattro giorni dopo la crisi scoppiata con il  vice presidente Joe Biden in Israele il 9 marzo. Infatti il  governo aveva approvato la costruzione di 1.600 nuove unità abitative a Gerusalemme Est  al di là della Linea Verde del 1967 .

La chiamata ha avuto luogo su una linea internazionale aperta, quindi è probabile che Netanyahu sapesse che la conversazione sarebbe stato intercettata dai servizi segreti americani. E 'anche possibile  che Netanyahu abbia usato la conversazione con Berlusconi per cercare di raggiungere l'America. Netanyahu ,telefonicamente,  ha sottolineato che l'attuale conflitto con gli Stati Uniti è stato causato dalla errata decisione di un funzionario del governo . Tuttavia Netanyahu ha sottolineato che tale progetto  di edificazioni di unità abitative ,fa parte della politica di Israele iniziata   con  Golda Meir.

La sintesi della conversazione  con  Berlusconi è questa: l'obiettivo è stato quello di impedire ai palestinesi di usare l'attuale conflitto come una scusa per ostacolare il rinnovo dei negoziati diretti con Israele o per cercare di far avanzare richieste irrealistiche che contrastano l'intero programma di pace .

Netanyahu "ha asserito che la tensione è stata accresciuta per l'assenza di un contatto diretto tra lui e il presidente degli Stati Uniti," - Berlusconi promise di mettere l'Italia a disposizione di Israele per contribuire ad un avvicinamento con Washington.

Il rapporto NSA  aggiunge: altri funzionari del governo israeliano, che a quanto pare hanno parlato con i consiglieri di Berlusconi, ritenevano che la crisi attuale fosse molto più ampia  ed erano causate  dal peggioramento delle relazioni Israele-Stati Uniti

Barak Ravid :NSA Tapped a Netanyahu-Berlusconi Call Over U.S.-Israel Relations

Nessun commento:

Posta un commento