domenica 3 gennaio 2016

Leader Lista araba condannano l' attacco a Tel Aviv



 Sintesi personale

I leader arabi israeliani hanno condannato l'attacco terroristico da parte di un cittadino arabo  a Tel Aviv .

Joint Lista MK Ahmad Tibi (Ta'al) ha  dichiarato al Jerusalem Post  che "la lista comune è sempre stata e resta, contro   chi colpisce innocenti. "Denunciamo e respingiamo questa  mano. Questo omicidio è terribile   I residenti di Arara e la famiglia dell'attaccante sospetto non sono colpevoli : dobbiamo aspettare i dettagli dell'indagine "

Presidente Lista comune Ayman Odeh (Hadash) ha condannato l'attacco in un'intervista sul canale 2 : "Questo non è il nostro modo di agire ."

Alla domanda circa l'incitamento all'interno della comunità araba israeliana, Odeh ha risposto che il problema riguarda solo pochi estremisti su una popolazione araba di circa 1,5 milioni di persone .

"Sapete quanti arabi sono stati attaccati dagli ebrei nel periodo passato?", Ha sostenuto Odeh, riferendosi all' incitamento contro gli arabi.  " La radice del problema è la continua occupazione . Ho ascoltato le osservazioni del Primo Ministro [Benjamin Netanyahu] e ho visto un essere umano che incita solo", ha continuato Odeh, riferendosi alla richiesta di Netanyahu ai parlamentari arabi israeliani  di condannare l'attacco. "Abbiamo condannato l'attacco prima ancora di conoscere i dettagli ".

Odeh ha anche specificato che gli arabi hanno chiesto da tempo   alla polizia di avere armi nelle loro strade, ma senza successo.

Il leadere della lista comune ha sostenuto che vi è il razzismo, perché "quando un arabo uccide un arabo  a nessuno  frega niente , ma quando succede agli ebrei a Tel Aviv improvvisamente si vedono migliaia di poliziotti e il Presidente del Consiglio."

Nel frattempo, il consiglio comunale dalla città natale del presunto assassino di Arara ha condannato l'attacco e si è dichiarato fortemente contro ogni atto di violenza.

Il consiglio ha puntualizzato che l'attacco è stato attuato da un uomo e non rappresenta gli abitanti del villaggio. Il Consiglio e gli abitanti hanno espresso condoglianze alle famiglie delle vittime e  hanno augurato una  pronta guarigione  ai   feriti ".



Joint List leaders condemn Tel Aviv attack

Osama Saadi, Ahmed Tibi, Ayman Odeh, Masud Ganaim and Haneen Zoabi
MK Tibi: We denounce and reject this out of hand.
Israeli Arab leaders condemned the terrorist attack by an Arab citizen from the northern town of Arara in Tel Aviv on FridJoint List MK Ahmad Tibi (Ta’al) told The Jerusalem Post on Saturday night that “the Joint List has always been, and remains, against harm to innocents. “We denounce and reject this out of hand. This killing is terrible,” the deputy Knesset speaker saidThe residents of Arara and the family of the suspected attacker are not guilty by association, he said, adding, “We must wait for all the details of the investigation.”

Joint List chairman Ayman Odeh (Hadash) condemned the attack in an interview on Channel 2 on Saturday night, saying, “This is not our way.”

Asked about incitement within the Israeli Arab community, Odeh responded that the problem only involves a few extremists out of an Arab population of around 1.5 million.

“Do you know how many Arabs have been attacked by Jews in the past period?” argued Odeh, referring to incitement against Arabs.

He went on to say that the root of the problem is the continued “occupation.”

“I listened to the comments of Prime Minister [Benjamin Netanyahu] and I saw a human being that just incites,” continued Odeh, referring to Netanyahu’s call for Arab MKs to condemn the attack. “We condemned the attack before we even knew the details of the attack,” he said.

Odeh also said that Arabs have been asking for some time for the police to get weapons off their streets, but without success.

The Joint List leader claimed that there is racism, because “when an Arab kills an Arab nobody cares, but when it happens to Jews in Tel Aviv you suddenly see thousands of police and the prime minister.”

Meanwhile, the local council from the alleged murderer’s hometown of Arara condemned the shooting attack and is strongly against any act of violence.

The council said the attack was by one man and does not represent the residents of the village.

The council and the residents expressed condolences to the families of those killed and wish a speedy recovery to the wounded.”


2  

Nessun commento:

Posta un commento