giovedì 7 gennaio 2016

Il rapporto segreto tra il governo e coloni




Sintesi personale

Due storie sono   state  scritte su Haaretz   descrivendo  la relazione simbiotica tra le istituzioni governative e le organizzazioni dei coloni . Un rapporto che facilita e amplia l'espansione degli insediamenti , non solo, ma si fa beffe della pretesa israeliana che tali stanziamenti  siano offerte immobiliari.

La prima storia, di Chaim Levinson, affronta  la decisione dal ministro della Difesa Moshe Ya'alon di permettere l'espansione dei confini del Etzion Consiglio Regionale Gush per includere una ex proprietà  della chiesa  soprannominata Beit Bracha. Il composto è stato acquistato su iniziativa di attivisti di destra da un gruppo americano, utilizzando i fondi forniti dal miliardario Irving Moskowitz, un patrono dei coloni.

La seconda storia, di Nir Hasson, ha indagato gli stretti legami tra l'Ufficio dell'amministratore generale del ministero della Giustizia e la organizzazione  di destra Ateret Cohanim. Questi legami hanno permesso la creazione e l'espansione di una piccola enclave ebraica nel cuore del villaggio arabo di Silwan, nei pressi di Città Vecchia di Gerusalemme.

Il rapporto investigativo ha rivelato che l'ufficio del Economo generale ha  sostenuto la richiesta di Ateret Cohanim  di comprare l'enclave e l'  ha venduta senza una gara d'appalto e ad un prezzo incredibilmente basso, sfrattando così  gli abitanti palestinesi .

L'obiettivo dei coloni è quello di sovvertire ogni tentativo di dividere Gerusalemme e silurare ogni possibilità  di soluzione diplomatica con i palestinesi. Una valutazione della polizia afferma esplicitamente che la presenza degli ebrei nel cuore di quartieri palestinesi è una fonte di attrito che aumenta la violenza.

I contribuenti israeliani devono anche essere consapevoli del fatto che di tutti gli insediamenti quello a Silwan è uno dei più costosi. Ogni entrata e l'uscita degli ebrei dalla zona franca è sorvegliata  da guardie armate e veicoli blindati. L'anno scorso il Ministero delle Finanze ha stimato che ogni colono ebreo che vive in un quartiere palestinese di Gerusalemme Est costa al governo 30.000 shekel ($ 7.700) all'anno.

I portavoce ufficiali del governo sostengono che le attività di insediamento a Gerusalemme Est e in alcune parti della Cisgiordania, non   sono responsabilità del governo, perché le transazioni immobiliari sono condotte tra privati e il governo non può legalmente impedire  ciò . Ma, come è stato più volte dimostrato, queste transazioni non solo hanno l'appoggio di ministeri, ma sono facilitati  da funzionari governativi    responsabili delle decisioni, che di volta in volta danno ai   coloni quello che vogliono.

Questo servilismo verso i coloni sotto la copertura della burocrazia deve  essere fermata. Il governo deve essere trasparente per quanto riguarda i trasferimenti di proprietà ai colon e i funzionari pubblici devono agire nell'interesse pubblico, non per compiacere la leadership politica tendenziosa.
 

Haaretz Editorial
Per saperne di più: http://www.haaretz.com/opinion/1.695957?utm_campaign=Echobox&utm_medium=Social&utm_source=Facebook

Nessun commento:

Posta un commento