martedì 12 gennaio 2016

Bradley Burston. Non è l' oscurità che richiede coraggio. E 'la luce.


Adesso ·
Bradley Burston. Non è l' oscurità che richiede coraggio. E 'la luce.
Sintesi personale
Qualcosa è scattato dentro di me la scorsa settimana. Tutto è iniziato quando un poliziotto ha chiuso la nostra strada.
Era Natale nel nostro quartiere. La polizia ha chiuso il viale principale per una sfilata. Era il Natale ortodosso di Jaffa organizzato da arabi israeliani : un Natale come in qualsiasi altro luogo, un Natale come in nessun altro luogo.
Io non lo sapevo ancora, ma dopo questo non sono stato più lo stesso. Sentivo qualcosa rompersi dentro di me. Qualcosa incideva sulla mia negatività intrisa di amarezza , di rassegnazione, di cinismo, di delusione , di deterioramento e di disgusto.
Questo è il momento di una caccia omicida all'uomo , un abisso aperto nei rapporti tra ebrei e non ebrei    nello stato di Israele . Qualcosa si è rotto dentro di me nella consapevolezza che centinaia di persone avevano appena partecipato a una celebrazione della nascita e della vita stessa.
Nel momento più buio dell'anno, in uno dei tempi più bui della nazione, centinaia di persone avevano appena lasciato l'oscurità .
Proprio quella mattina,un autista di autobus Ruti Tehrani, un Ebreo di Israele, ha fatto esattamente la stessa cosa quando i passeggeri, temendo che fosse un terrorista , hanno chiesto con forza di far scendere un uomo anziano arabo.
Tehrani non ha seguito l'esempio dell' equipaggio dell' Aegean Airways, che si è inchinato alle  esigenze degli ebrei israeliani, facendo scendere due passeggeri arabi israeliani dall'aereo.
Invece ha chiesto all'uomo di lingua araba se aveva bisogno di aiuto. Ha poi dichiarato ai passeggeri che non aveva intenzione di espellere l'uomo dal suo autobus. Se uno dei passeggeri vuole scendere , ha aggiunto,è invitato a farlo: "Qui tutti sono uguali ebrei e arabi, non discrimino nessuno" ,
La compagnia di autobus ha definito la sua azione "un modello e un esempio."
Ruti Tehrani, ha lasciato le tenebre .
Alla fine fine della settimana un evento nella scuola vicina è riuscito a disabilitare del tutto la mia negatività.
Venerdì scorso nell'istituto scolastico di Bialik Rogozin a Tel Aviv si è tenuta una celebrazione congiunta di festività ebraiche, musulmane e cristiane, per gli allievi e i loro genitori che provenivano da 51 paesi, molti dei quali erano immigrati e rifugiati
Gli alunni hanno eseguito canti e balli dei vari continenti . Hanno cantato in ebraico e in arabo e in altre lingue a noi sconosciute .
"Dove il mondo si trova?" ha chiesto il preside della scuola Eli Nechama.
I ragazzi sapevano la risposta. "Qui." I bambini , gli insegnanti e i genitori rappresentano veramente un "meraviglioso Paese," senza le virgolette.
La settimana era iniziata con l'oscurità Un palestinese aveva ucciso due ebrei e un arabo. Tutti e quattro erano israeliani. Sabato scorso un ragazzo ha allestito un podio sulla scena del delitto. e rivolgendosi ai cittadini palestinesi del Paese, ha detto che chi voleva essere israeliano,lo doveva essere fino in fond.
I bambini di Bialik Rogozin ,  i bambini della parata di Natale, Ruti Tehrani sono una fonte di orgoglio. Un esempio di coraggio

Non vuole coraggio  a diffondere l'odio, pubblicare veleno su Facebook e Twitter. Ci vuole  coraggio,  a combattere l'odio con le sole armi  che bigotti ,  razzisti e fanatici politici non possono in definitiva sconfiggere. La vita stessa. Non è l' oscurità che richiede coraggio. E 'la luce.
Si tratta di un nuovo anno. Lasciate che Israele viva. Lasciate il buio .

Bradley Burston

Haaretz Correspondent

Nessun commento:

Posta un commento