Bradley Burston: No, Gesù non sarebbe stato un colono ebreo. Sarebbe stato un rabbino per i diritti umani




Bradley Burston : No, Jesus was not a Jewish settler. He was a rabbi for human rights

Sintesi personale

Se Gesù fosse vivo oggi in Terra Santa dove potremmo cercarlo?
Sollevo la questione  dopo l'intervento di  Oren , un membro della   Knesset   in Christian Allies Caucus:   se Gesù fosse  vivo oggi, sarebbe stato visto come un colono ebreo in Cisgiordania.    Infatti Oren ha detto in un discorso citato dal Jerusalem Post .
  "Gesù, Maria e Giovanni Battista sarebbero  oggi  considerati coloni ebrei a Betlemme. La nostra missione sacra è garantire che  lo  Stato ebraico rimanga forte ed amato."

Io credo che se Gesù vivesse qui, si sentirebbe a casa con noi. Non comodamente . Niente affatto in pace  ,ma a suo agio.
Sarebbe un uomo  nato in una Terra Santa  dominata dalla  violenza, dalla  ribellione ,dall'ingiustizia e dalla corruzione della occupazione.
Sarebbe un uomo  cresciuto in una Terra Santa dominata dall' umiliazione, dal disordine , dal  malgoverno , dalla  distruzione di proprietà , dal  furto legale, dalla disgregazione familiare forzata ,    dal  sangue versato , dal carcere  senza processo, dalle  paure brucianti  , dalla  religiosità fasulla e dall'occupazione .
Dove   dovremmo cercare un uomo del genere?
Si potrebbe cercare il rabbino del Discorso della Montagna. Si potrebbe cercare il credente che predica la dottrina radicale della non-violenza.
In questi giorni si potrebbe aspettare di trovarlo a Susya.
Non  nell' insediamento ebraico  fondato negli anni '80, ma nel vecchio  villaggio palestinese.Qui le  persone sono sfrattate dalle loro case, spogliate delle loro terre, aggredite fisicamente da parte   di giovani coloni,  costrette  a reinsediarsi  in un altro  luogo, minacciate dall'imminente  demolizione  delle loro casa  e dall'  espulsione di massa  secondo i dettami dei leader dei coloni . Dettami eseguiti  dai funzionari di occupazione che li servono.
Gesù sarebbe  nel villaggio palestinese di Susya , perché non  sarebbe stato un colono ebreo,ma un rabbino per i diritti umani.
Gesù  lavorerebbe  con gli abitanti del villaggio , resterebbe in piedi  davanti  alle autorità che hanno giurato di demolire il villaggio nonostante tutto ,  nonostante  gli avvertimenti del Dipartimento di Stato americano e il coinvolgimento  di tutti i 28 Stati membri dell'UE con consolati a Gerusalemme.
Sarebbe in piedi davanti a  Eli Ben-Dahan, lo stesso Ben Dahan che una volta descrisse i  palestinesi come "bestie disumane ".
Gesù risponderebbe  con grazia , passione e  concretamente alle affermazioni  diBen Dahan e  di  Oren  che lo ha descritto come un colono : 
"Non c'è mai stato un villaggio arabo chiamato Susya," Ben Dahan, ha detto. "Questo è un  subdolo stratagemma opportunistico  da parte di gruppi di sinistra per prendere in consegna l'Area C con la costruzione di strutture permanenti",  L'area C corrisponde al  60 per cento della Cisgiordania  totalmente sotto il controllo militare e civile di Israele  Ai  palestinesi sono regolarmente negati i permessi di costruzione, anche se hanno vissuto sulla loro terra per generazioni e hanno la documentazione della proprietà della terra.
Gesù  porgerebbe l'altra guancia invece del detto occhio per occhio e amerebbe il prossimo  e starebbe a Susya   con B'Tselem, con Breaking the Silence, con Adalah, con tutti quelli che sono contro l'occupazione , con  i  Combattenti per la pace, con Ta'ayush, con Peace Now.
E, forse, soprattutto, con  i  Rabbini per i Diritti Umani

Commenti

Post popolari in questo blog

Ahmad Tibi : Ho cancellato il mio tweet, ma Israele è giustamente sospettato di aver ucciso bambini

Akiva Eldar : L'Europa ha rinunciato ai palestinesi

Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili

Alex Kane and Mari Cohen ( Jewish Currents ) : L'offensiva israeliana a Gaza: una spiegazione- Una operazione che ha ucciso decine di palestinesi.