Passa ai contenuti principali

Nella diaspora ebraica aumenta il disagio verso Israele



Raphael AhrenWorld Jewry becoming ever more uncomfortable with Israel, major study finds 

Most Diaspora Jews don’t believe current government is sincere in quest for peace; feel entitled to a say in country’s security policy, new JPPI research highlight   timesofisrael.com
Raphael Ahren



Sintesi personale
L'ebraismo mondiale  trova sempre più difficile sostenere Israele a causa del  permanente conflitto con i palestinesi
La tendenza sta erodendo il sostegno della diaspora per lo Stato ebraico, avverte il rapporto del  Policy Institute think tank, che sarà pubblicato ufficialmente la prossima settimana.
Mentre la maggior parte degli ebrei concorda con le necessità di Israele di difendersi legittimamente  con le guerre e ritiene che  il suo esercito rispetti  elevati standard morali, vi è una crescente disagio per alcune politiche israeliane  secondo il rapporto di 100 pagine dal JPPI 
Gli ebrei della Diaspora non sono convinti che Israele stia facendo abbastanza per prevenire i conflitti militari e sono turbati per il numero di vittime civili, anche se in genere la colpa  viene attribuita ai nemici di Israele . L'accusa di l'uso di "forza sproporzionata" rende difficile per questi ebrei  difendere le azioni israeliane,ma paradossalmente  sono delusi dal fatto che Israele non riesca a terminare le sue guerre con vittorie decisive.
"Molti ebrei  dubitano che Israele voglia veramente raggiungere un accordo di pace con i palestinesi, e pochi credono che stia facendo lo sforzo necessario per raggiungere un negoziato "secondo l'autore dello studio, Shmuel Rosner.
Shmuel Rosner (Courtesy)
Shmuel Rosner (per gentile concessione)
"Un senso di crisi è emerso  in molte comunità ebraiche per quanto riguarda i rapporti con Israele e sta diventando sempre più difficile per loro di discutere di  Israele a causa delle dispute politiche aspre che questo determina . Questa difficoltà può portare l'esclusione di Israele dall'  agenda  della  comunità della diaspora,."
La relazione  coinvolge  membri delle comunità ebraiche  di nove paesi, tra  questi Stati Uniti, Francia, Australia, Canada, Sud Africa e Ungheria.
Quasi il 60 per cento degli intervistati ha dichiarato di pensare  che  l'attuale governo israeliano non stia facendo uno sforzo sincero per realizzare un accordo di pace con i palestinesi.
Circa il 46 per cento degli intervistati  è  d'accordo con l'affermazione che Israele non sta compiendo sufficienti sforzi diplomatici  per evitare un altro conflitto armato a Gaza (41% per i minori di 30). Allo stesso tempo il 92 per cento  ritiene che Israele abbia fatto quanto possibile per evitare vittime civili  durante la guerra di Gaza  (per quelli sotto i 30 anni il numero è 81%)
  La diaspora spesso pensa   che le azioni militari israeliane trasformi automaticamente gli ebrei  in ambasciatori per lo stato ebraico, anche se non vogliono questo. Sono pertanto percepiti come responsabili  e ciò  influisce negativamente nella loro relazione con i gentili. Il sostegno così verso Israele si sta minando ,sottolinea Rosner: 
Palestinians inspect the rubble of a destroyed shopping center after an Israeli airstrike overnight in the southern Gaza Strip city of Rafah, on August 24, 2014. (Abed Rahim Khatib/Flash90)
I palestinesi ispezionare le macerie di un centro commerciale distrutto dopo un attacco aereo israeliano nella città meridionale della Striscia di Gaza di Rafah, il 24 Agosto 2014. (Abed Rahim Khatib / Flash90)
"Questa erosione è naturale, quasi inevitabile, dato il carattere mutevole delle guerre di Israele. Alcuni ebrei della diaspora attribuiscono la responsabilità  ad Israele  sia per alcuni scontri militari  (a causa delle politiche   non finalizzate veramente a  un accordo di pace),  sia  per gli esiti della guerra  che non determinano nessuna   vittoria o  sconfitta . Diventa difficile per gli osservatori esterni identificarsi  con Israele. "
Inoltre, egli osserva, la diaspora è a disagio per le guerre recenti di Israele perché si combattono in un ambiente urbano  causando più vittime  tra i civili.
La relazione del JPPI si concentra anche su desiderio della diaspora ebraica di essere presa  in considerazione  sui grandi temi della sicurezza  : 
"Molti ebrei di tutto il mondo ritengono che essi hanno il diritto di esprimere un parere  e che questo parere sia preso in considerazione dallo  Stato d'Israele. Questo per diversi motivi :il  supporto della diaspora ebraica per Israele, il fatto che Israele  sia uno stato ebraico, l'impatto degli eventi sulla propria vita"

People wave Israeli flags as they take part in a demonstration supporting Israel on July 27, 2014, in Marseille, southeastern France. (photo credit: AFP PHOTO / BORIS HORVAT)


  manifestazione a sostegno di Israele il 27 luglio 2014, a Marsiglia, sud est della Francia. (Photo credit: AFP PHOTO / Boris Horvat)
Il 15 per cento degli ebrei israliani ha detto che "le questioni militari e di sicurezza"  richiedono una consultazione tra la leadership ebraica americana e quella israeliana .
Lo studio  raccomanda ai responsabili politici israeliani  di  "prestare maggiore attenzione alle possibili ricadute sulla diaspora  ebraica  delle azioni militari o di sicurezza  intraprese da Israle  . Inoltre  le posizioni dell'ebraismo mondiale dovrebbero essere  rappresentate nel processo decisionale del paese.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ahmad Tibi : Ho cancellato il mio tweet, ma Israele è giustamente sospettato di aver ucciso bambini

Akiva Eldar : L'Europa ha rinunciato ai palestinesi

Ben Caspit :Mentre continuano gli attacchi israeliani a Gaza, la Jihad islamica risponde con i missili

Alex Kane and Mari Cohen ( Jewish Currents ) : L'offensiva israeliana a Gaza: una spiegazione- Una operazione che ha ucciso decine di palestinesi.