Amira Hass. Arrestare la demolizione di Sussia sarà l'eccezione, non la regola


HAARETZ.COM | Di Amira Hass

Sintesi personale 

Gli Stati Uniti e l'Europa nei giorni scorsi hanno protestato per la demolizione del villggio di "Sussia."  La tentazione di essere ottimisti è grande. La paura di delusione (e la gioia dei nemici della logica) sono ancora maggiori.
. Sussia è diventato un simbolo. Questa è  la trappola.
I ministri degli esteri europei conoscono il nome di questo villaggio nel sud di Hebron Hills, come se si trattasse di un sobborgo sulla strada per l'aeroporto di Bruxelles. Il portavoce del Dipartimento di Stato americano  cita il nome  come se avesse bevuto il caffè in una delle sue  tende . L'invito ad Israele di non sradicare Sussia   è specificamente incluso nelle conclusioni della riunione mensile di questa settimana del Consiglio Esteri dell'Ue. Il portavoce del Dipartimento di Stato ha anche detto che la demolizione avrebbe fissato uno standard dannoso per lo spostamento e la confisca delle terre,ma  già 20 anni  fa  Israele aveva stabilito lo standard per sradicare e distruggere le comunità palestinesi in Cisgiordania  al culmine del "processo di pace".
Quanti documenti  duri da parte dell'Unione europea abbiamo letto in questi ultimi anni? Con i  finanziamenti europei modesti  vari servizi sono forniti a decine di migliaia di palestinesi residenti dell'Area C (il 60% della Cisgiordania ) : acqua, strutture prefabbricate, pannelli solari di riscaldamento. L'Unione Europea  interviene con prudenti contributi in quanto ritiene  questa area   una parte inseparabile del futuro Stato palestinese  ed Israele non capisce  che solo il flusso di carità europea impedisce il peggioramento del crescente disastro umanitario.
Il villaggio di  Sussia è diventato un simbolo, insieme con i suoi abitanti coraggiosi e ostinati (supportati da molti anni da organizzazioni israeliane, come  Ta'ayush e Rabbini per i Diritti Umani),  alla fine potrebbe essere non demolito  e grande sarà la soddisfazione dei  Ministeri degli esteri occidentali. Tuttavia i bulldozer israeliani tranquillamente continueranno   a  distruggere  vite e case in altre comunità palestinesi, non meno coraggiose e testarde,ma  solo meno noto.  Oppure Israele deciderà il braccio di ferro  e demolirà Sussia
E cosa faranno l'Europa e gli Stati Uniti ?  Gli Stati Uniti cesseranno la cooperazione   sulla sicurezza con Israele? L'Europa richiamerà i suoi ambasciatori e chiuderà i suoi aeroporti ai  turisti israeliani?
Forse le dichiarazioni  su Sussia mostrano  non solo un cambiamento di approccio ,ma  che la pazienza occidentale, anche quella degli Stati Uniti,  si sta erodendo per il piromane israeliano.Solo  che il ritmo del cambiamento e l'erosione   sono  molto più lenti del fuoco.

Amira Hass : Halting demolition of Palestinian village will be the exception, not the rule

Commenti

Post popolari in questo blog

AMIRA HASS: I VOLONTARI PALESTINESI AIUTANO I RACCOGLITORI DI OLIVE IN MODI CHE L’AUTORITÀ PALESTINESE NON PUÒ ADEMPIERE

RABBI PESACH LERNER, fondatore di Eretz Hakodesh : chi sono i veri sionisti negli ebrei della diaspora?