Ben Lynfield : L'estrema destra di Israele cerca di paralizzare i gruppi per i diritti umani che controllano gli abusi del governo e dell'esercito nei Territori Occupati



http://www.independent.co.uk/…/israels-far-right-seeks-to-c…

 Sintesi personale

Pressioni sul  primo ministro Benjamin Netanyahu si sono intensificate  per paralizzare ,tramite leggi,  i gruppi israeliani per i diritti umani che  denunciano quanto avviene   nei territori occupati da parte dell'IDF e  del Governo. 
Il disegno di legge, presentato da Yinon Magal, un membro della Knesset del partito di estrema destra    " Casa Ebraica" ,minerebbe il finanziamento  estero delle organizzazioni per i diritti umani,
In base alla legge  se un'organizzazione riceve più di 50.000 dollari (32.000 £) in un anno da governi stranieri, dovrebbe pagare una tassa del 37 per cento su tali donazioni. Il disegno di legge prevede inoltre che i ministeri del governo e i membri dell'esercito  dovrebbero astenersi dal cooperare con tali  organizzazioni non governative
"I governi stranieri  donano  decine di milioni di dollari alle organizzazioni che agiscono contro la politica del governo israeliano  calunniando Israele e il suo esercito . Tutto questo deve finire ", ha detto il sig Magal a The Independent .
"Questi governi possono dire quello che vogliono, ma quando spendono tutti questi soldi per cambiare la politica determinata dalla scelta democratica dei cittadini di Israele ,dobbiamo mettervi fine. Siamo una democrazia consolidata e dobbiamo preservarla da coloro che vorrebbero distruggerla dal di fuori. ''
Matan Peleg  , della organizzazione di destra Im Tirzu  sostiene il progetto di legge  definendo le organizzazioni israeliane per i diritti umani : "agenti stranieri a tutti gli effetti"
Le organizzazioni per i diritti umani di Israele sono state fondamentali per portare alla luce gli abusi del governo israeliano.Il lavoro   di  B'Tselem e di  Breaking The Silence è stato citato nel rapporto pubblicato  dalla commissione d'inchiesta delle Nazioni Unite  sulla guerra della scorsa estate nella Striscia di Gaza,

Il leader di Casa Ebraica ,Naftali Bennett , ha precisato che il disegno di legge può essere visto come una risposta al ruolo di B'tselem e Breaking the Silence-nel rapporto delle Nazioni Unite. Commentatori liberali hanno evidenziato che  questa proposta è il riflesso di un governo che ha un inadeguato rispetto delle minoranze, dei diritti umani o del dissenso.
  Non a caso il ministro della Giustizia ,Ayelet Shaked,  vuole limitare il potere della Corte suprema, tradizionalmente   molto attenta  a difendere le libertà civili  e non a caso il  ministro della Cultura ,Miri Regev ,vuole tagliare i finanziamenti per gli artisti  che offendono la sensibilità del pubblico .
  "Israele potrebbe perdere una parte molto significativa del suo carattere democratico e potrebbe diventare uno Stato che non è una democrazia piena nel senso occidentale '', evidenzia Leslie Susser, redattore politico di The Jerusalem Report .La posizione del primo ministro Benjamin Netanyahu sul disegno di legge "non è chiara", secondo il suo portavoce, Mark Regev.
Una organizzazione che sarebbe gravemente colpita dal disegno di legge è quella dei  Rabbini per i Diritti Umani (RHR), che hanno  ricevuto quasi 100.000 £ quest'anno da parte del governo britannico. Questa organizzazione è impegnata nei tribunali  nella difesa degli abitanti del villaggio di Susiya, a sud di Hebron, in Cisgiordania,  minacciati di espulsione imminente e di demolizione delle loro case da parte delle autorità militari israeliane.
"Opporsi a questo finanziamento è ostacolare il diritto dei palestinesi ad avvalersi del nostro ordinamento e questo mina la democrazia israeliana", ha detto Arik Ascherman, il direttore di RHR.
Rabbi Ascherman rileva che il disegno di legge  ignora le donazioni private straniere sulle quali  prosperano politici di destra e coloni :"Questo è un colpo basso contro il nostro finanziamento, lasciando intatto il loro,".
Yehuda Shaul, che dirige Breaking the Silence, riceve fondi da Norvegia, Olanda, Svezia, Danimarca e Svizzera, ha  commentato come  "molto triste" tale proposta .
"Siamo orgogliosi di ricevere finanziamenti da paesi democratici che sono amici di Israele.
 E 'molto triste che la nostra attuale leadership stia cercando di fare tutto il possibile per limitare la libertà di parola e gli spazi della società civile . "
Anche se la proposta di legge dell'onorevole Magal, o una variante di essa, non passerà , alla fine la sua ripercussione sarà ugualmente negativa . Sarit Michaeli, portavoce di B'tselem, "è devastante questa campagna contro le organizzazioni non governative  perchè all'opinione pubblica  è stato inviato questo messaggio:  'Devi combattere dall'interno i nemici che stanno danneggiando la nostra reputazione internazionale '. Il governo ha trovato un capro espiatorio  : i gruppi per i diritti umani  che riflettano  la realtà  e non la creano"

Commenti

Post popolari in questo blog

Gad Lerner : commento sulla vicenda del piccolo Eltan sequestrato dal nonno materno e ora in Israele

Sophia Goodfriend : Quando il discorso politico palestinese è "incitamento". Mohammad Kana'neh

Haaretz : Israeli Grandfather Absconded 6-year-old Survivor of Italy Cable Car Accident on Private Jet

Over 100 international law experts sign letter against West Bank annexation