Anna Foa Luce


La notizia che migliaia di persone siano scese in piazza a Sousse per manifestare contro il terrorismo è di quelle che ti sembrano come se una luce apparisse in mezzo all’oscurità più fitta.
E pensi che allora non tutto è perduto. Quei tunisini, uomini e donne, che sono scesi in piazza nel luogo dove poco prima si era realizzato il massacro, cantando l’inno nazionale, hanno compiuto un gesto di coraggio che noi, dai nostri paesi democratici dove le manifestazioni sono senza rischi, non ci immaginiamo neppure. Queste persone ci dicono che la rivoluzione in Tunisia ha messo davvero in moto un processo di democratizzazione. Che il cammino verso la democrazia è possibile ovunque, anche in paesi musulmani. E che noi non dobbiamo abbandonarli, perchè la loro sorte è la nostra sorte.


Anna Foa

(29 giugno 2015)

Commenti

Post popolari in questo blog

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri