Zeev Sternhell : Per la maggior parte degli israeliani, un regime coloniale è preferibile





Zeev Sternhell To most Israelis, a colonial regime is preferable

Sintesi personale

Il problema fondamentale della società israeliana sta nel fatto che la prima fase della guerra di indipendenza si è conclusa  solo nel 1966 con l'abolizione del regime militare nelle zone arabe. La seconda fase è iniziata subito dopo  nel giugno 1967.
 Il regime di emergenza nei primi  due decenni dopo l'indipendenza ha impedito l'introduzione di una costituzione e  ha creato abitudini vergognose nel governo   e il passaggio a un   regime di occupazione dei territori 
Dopo il primo ministro Levi Eshkol e la  modesta liberalizzazione nel 1963, sembrava che  i giorni della conquista della terra  fosse finito ,ma  la guerra dei sei giorni ha alimentato il nazionalismo e gradualmente ha sviluppato  il particolarismo tribale che  poteva essere domato dai principi universali della democrazia.
E' vero che il Sionismo del partito laburista e  dei suoi antecedenti non era molto meno radicale di quello  dei revisionisti di destra   anche senza lo slogan :  "le due rive del Giordano,",ma  c'  era ancora la possibilità che il partito avrebbe riconosciuto che gli obiettivi del sionismo erano stati raggiunti all'interno dei confini esistenti. Anche  questa piccola scintilla di normalizzazione è stata cancellata dalla grande vittoria del '67.
  Dopo il 1967 l'  élite sociale e politica della sinistra per 10 anni al potere poteva  fare i conti con l'occupazione, ma l'unica cosa che ha fatto sono state le proposte ,a metà folli,  del trio Yigal Allon, Moshe Dayan e Shimon Peres.
Queste erano  basate  su l'annessione di ampie fasce del territorio  della Cisgiordania come parte della partizione   tra Giordania e Israele. Dayan aveva una idea più "originale": i  palestinesi sarebbero vissuti  sotto il governo israeliano come cittadini giordani, con diritto di voto in questo paese.
E così la questione di chi governerà non ha un vero significato. Per la maggior parte degli israeliani  un regime coloniale è preferibile e  le categorie svantaggiate sono disposte a sacrificare volentieri i loro interessi economici sull'altare della superiorità nazionale ebraica.
Questa è la realtà che il partito laburista si rifiuta ad affrontare per paura di perdere la metà dei suoi elettori. Quindi, tutte le dichiarazioni circa i due stati non valgono nulla senza la reale volontà politica di ritirarsi dalla maggior parte dei territori occupati.
Il problema si trova in profondità all'interno della società israeliana. Dopo quasi mezzo secolo di controllo  dei  territori, la maggior parte degli israeliani vedono il regime coloniale come qualcosa di scontato e l'invalidazione dei diritti dei palestinesi come parte dell'ordine naturale delle cose.
La segregazione degli autobus è stato un test interessante che riflette la realtà.

Commenti

Post popolari in questo blog

Israele scompare dalla mappa: diplomatici palestinesi censurati a Londra

Richard Silverstein : La mano nascosta di Netanyahu aleggia su Al Aqsa Pogrom

Dominique Vidal : perchè questa omertà su quanto accade a Gerusalemme Est?

Bradley Burston : La Giornata di Gerusalemme mi ricorda: gli estremisti e i fanatici di Israele non sono il mio popolo ebraico