Peter Beinart: Obama sta sbagliando nell'assimilare l'antisionismo con l' antisemitismo

Peter Beinart: What Obama got wrong about anti-Zionism and anti-Semitism

SINTESI PERSONALE
Nel  2008 Barack Obama ha detto a  Jeffrey Goldberg che "il mio  essere un amico di Israele, significa  dire la verità."   Ha messo in guardia  ( anche se meno rigidamente di alcuni ex ministri israeliani) che il controllo  permanentemente della Cisgiordania pone  in pericolo la democrazia israeliana e la legittimità di Israele nel mondo,ma  ha anche dovuto affrontare una campagna, guidata dai suoi nemici repubblicani , tacitamente aiutati  dal primo ministro Benjamin Netanyahu, che lo rappresentavano come   ostile allo Stato ebraico  e anche al popolo ebraico. E il suo sforzo di contrastare quella campagna che minaccia il suo potenziale accordo nucleare con l'Iran,  ha ostacolato  l' affrontare realmente la verità.
Barack Obama è stato molto bravo nel raccontare agli  ebrei americani quello che vogliono sentire. Purtroppo non tutto quello che ha detto corrisponde al vero .Per lui l'anti-sionismo e antisemitismo sono la stessa cosa.
All'interno degli Stati Uniti  l'antisionismo  è in crescita, principalmente attraverso il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni che sfidano  non solo il controllo israeliano della Cisgiordania, ma l'idea stessa di uno stato ebraico  in quanto nega l' uguaglianza  ai palestinesi anche all'interno di Israele  L'establishment ebraico americano ha risposto chiamando questo  crescente antisionismo antisemita . In sostanza, approvando tale analisi, Obama guadagna l'assenso   dei leader ebrei americani   mentre cerca di convincerli a sostenere ilnegoziato con l' Iran.
Ma l'analisi di Obama è sbagliata. Sì, l'antisemitismo è in aumento in Europa e forse negli Stati Uniti. Sì, molti antisemiti sono anche antisionisti,ma  l'antisemitismo e l'anti-sionismo non sono la stessa cosa  e, da questo punto di vista,  Obama non sta facendo agli ebrei americani nessun favore,ma li sta aiutando ad  eludere la realtà che devono comprendere  per aiutare Israele a sopravvivere.
Concettualmente l'antisionismo e l'  antisemitismo sono chiaramente distinti . Praticamente tutti i palestinesi sono antisionisti. Dopo tutto il sionismo è un movimento di liberazione nazionale ebraico che  ai palestinesi  ha causato grande sofferenza,ma questo non fa di tutti i palestinesi degli anti-semiti.
Prendiamo il caso di Salim Joubran, un cittadino palestinese di Israele  che lavora nella  Corte Suprema. Joubran non è chiaramente  un antisemita  ma  rifiuta di cantare "Hatikva,". Come molti importanti israeliani palestinesi  probabilmente preferirebbero  che Israele diventasse un paese che non privilegia gli ebrei nelle sue politiche o simboli pubblici. In altre parole è un anti-sionista, senza essere un antisemita.
C'è anche una lunga storia di antisionismo tra gli ebrei. Il movimento ortodosso era una volta in gran parte antisionista perché i leader ortodossi ritenevano  di violare la legge ebraica se si ripristinava la sovranità ebraica prima dei tempi messianici. Il Bund 
ha sostenuto il socialismo  piuttosto che un ritorno alla terra d'Israele e godeva ampio sostegno sia nell'  Europa orientale  che negli Stati Uniti nei primi anni del 20 ° secolo.
Negli Stati Uniti negli ultimi anni  questo pre-esistente antisionismo ha acquisito nuovo slancio soprattutto a causa delle azioni di governo di Israele. Sovvenzionare  la  massiccia crescita degli insediamenti , vuol dire  pubblicamente opporsi    a uno Stato palestinese entro i confini del 1967, Netanyahu ha convinto un numero crescente di americani che la soluzione dei due Stati è morta e che uno stato laico tra il fiume e il mare è l'unica scelta per la  sinistra. Per demonizzare i cittadini palestinesi di Israele  ha promulgato  leggi discriminatorie contro di loro, Netanyahu e l'ex ministro degli esteri Avigdor Lieberman hanno alimentato il crescente dibattito americano : Israele può essere uno stato ebraico e una democrazia liberale  allo stesso tempo.?
Il New York Times pubblica ora regolarmente articoli di opinione   sul sionismo e  gli attivisti BDS hanno usato questo dibattito per   diffondere la loro  causa . Come il leader BDS Omar Barghouti ha dichiarato alla fine dello scorso anno alla Columbia University: "Dobbiamo dare credito a Netanyahu. Senza di lui non saremmo potuti arrivare a questo punto. "
Sono alcune delle persone che aderiscono a questo movimento antisemtiti ? Certamente,ma   confondere i due  termini , come ha fatto implicitamente Obama, trascura il fatto che una percentuale sproporzionata dei nuovi anti-sionisti sono ebrei. Jewish Voices for Peace che sostiene BDS e accoglie antisionisti senza essere ufficialmente  antisionista, è passata da 600 membri del 2011 ai  9.000 di  oggi.

Quello a cui stiamo assistendo tra alcuni giovani ebrei americani è una sorta di neo-Bundismo, una identità ebraica costruita non intorno al sionismo, ma attorno ai valori della sinistra militante.
E nel campus, questi ebrei di sinistra stanno facendo causa comune con i palestinesi anti-sionisti e con un numero crescente di attivisti afro-americani, latino americani , LGBT e femministe  che vedono il sionismo incompatibile con i principi egualitari

Come sionista liberale  che si oppone BDS e ancora crede in uno stato ebraico democratico accanto a uno  stato palestinese democratico, tutto questo mi preoccupa molto,ma definire  l'antisionismo come   antisemitismo è esattamente il modo sbagliato per combatterlo.
Dove il vero antisemitismo esiste  deve essere combattuto ferocemente,ma  il crescente movimento  anti-sionismo nei campus americani non deriva primariamente dall'  antisemitismo.
Sì, Israele soffre di un doppio standard. Gli attivisti anti-sionisti non sono altrettanto indignati per gli abusi commessi dai regimi post-coloniali come l'Arabia Saudita, l'Egitto e l'Iran,ma  questo scaturisce perchè  l'attivismo  di sinistra è sempre più indignato per gli  abusi occidentali rispetto a quelli non occidentali. Lo stesso tipo di sinistra che ora protesta contro  Israele più  che contro  l' Arabia Saudita , è stato  quella che ha protestato  contro il Sudafrica dell'apartheid  più che contro  Idi Amin, contro  la guerra in Iraq più  che contro  Saddam Hussein,contro  le politiche economiche della Banca Mondiale più che contro la  Corea del Nord.
E 'impossibile capire  l'antipatia  verso  Israele  in alcuni ambienti della sinistra americana o l'adulazione della destra americana senza riconoscere che gli americani vedono Israele come un paese occidentale.
Antisionismo è in crescita perché i palestinesi stanno convincendo la  sinistra che Israele è un Paese occidentale che, con il sostegno americano, opprime sistematicamente la non-occidentale Palestina
C'è solo modo per contrastare efficacemente tale argomento: porre fine all'oppressione sistematica che Netanyahu ha radicato  e portare Israele più vicina ai principi di "libertà, giustizia e pace" sanciti  nella sua dichiarazione di indipendenza.
   Gli ebrei americani hanno bisogno  di  quello che Obama  ha promesso nel 2008: dire la verità sulle conseguenze della politica israeliana. Sette anni più tardi, una delle conseguenze, è l' aumento dell'  'antisionismo nei campus americani. Contrastarlo definendolo antisemitismo è un buon modo per garantire che esso  continui a crescere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri