Moni Ovadia al Festival della Filosofia di Cagliari

 
 
Il Circolo dei lettori di Elmas promuove la cultura di diffusione del libro. Organizza la Festa dei lettori, presentazioni di libri, consigli per la lettura, incontri pubblici di lettura
equilibrielmas.it
 
 
 Il Festival della Filosofia, che si è tenuto a Cagliari dal 15 al 17 maggio, aveva come tema “L’infinito fratricidio, capire il male: storia, memoria, catarsi” . Il tema generale dell’edizione 2015 aveva come specchio teatrale “Incendi” di Wajdi Mouawad drammaturgo, regista, attore, in fuga dalla guerra civile libanese, esiliato a Parigi nel 1968 e poi in Canada, che trova nel teatro la sua dolorosa catarsi. L’uso critico della memoria e la conoscenza della storia, un’informazione non edulcorata per un’opinione pubblica che, dopo la caduta delle ideologie e il trionfo del pensiero unico liberista, pare intorpidita nell’indifferenza, costituiscono una prima catarsi per capire le guerre, tutte le guerre e in particolare quelle “fratricidi” che hanno segnato l’umanità fin dalle origini. Il festival è stato declinato nei diversi dialoghi tra i protagonisti, filosofi, letterati, storici, giornalisti. In continuità con un recente dibattito a Elmas sulla questione palestinese (presentazione del libro di Marco Sini “Pace, Shalom, Salam. Israele e Palestina, diario di viaggio e altre annotazioni”) abbiamo scelto come dialogo da proporre ai lettori del sito di “Equilibri” quello tra Luca Foschi, giornalista sardo, corrispondente di guerra nelle zone calde del medi oriente, e Moni Ovadia, avente come titolo “L’Europa, i conflitti, i migranti”. Moni Ovadia, bollato spregiativamente dagli israeliani vicini al governo Netanyahu come ebreo antisemita, non ha fatto sconti: ha denunciato con forza le responsabilità degli USA in medioriente, l’impotenza del Diritto internazionale asservito alla logica delle grandi potenze, l’irresponsabile politica dell’attuale governo israeliano nei confronti del popolo palestinese e dei suoi diritti, l’ignavia della sinistra israeliana ed europea, l’uso strumentale della Shoah per coprire la falsa coscienza degli europei e degli stessi israeliani. Grazie alle sollecitazioni e riflessioni di Luca Foschi il dialogo si è allargato a temi più generali, quali i pericoli dell’informazione e il nichilismo che si nasconde in Internet, o più drammaticamente attuali, come la tragedia dei migranti nel mondo e nel Mediterraneo, fino alle responsabilità delle nazioni nel fare i conti con la propria storia. Insomma: un dialogo come esempio di passione e impegno civile, oggi più che mai necessari.
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Israele scompare dalla mappa: diplomatici palestinesi censurati a Londra

Richard Silverstein : La mano nascosta di Netanyahu aleggia su Al Aqsa Pogrom

Dominique Vidal : perchè questa omertà su quanto accade a Gerusalemme Est?

Bradley Burston : La Giornata di Gerusalemme mi ricorda: gli estremisti e i fanatici di Israele non sono il mio popolo ebraico