Asmaa al-Ghoul : donne di Gaza che hanno scelto di togliersi il velo

 


 Sintesi personale

Due settimane fa  la giornalista e regista Razan Madhoon si è tolta il velo e ha postato la sua foto su Facebook. La mossa ha suscitato  forti commenti contro di lei e contro  il marito che ha appoggiato la sua decisione.

La decisione di Madhoon è stato uno shock per il pubblico di Gaza, dato l'aumento della religiosità. Le donne che indossano il velo o il niqab  sono sempre più frequenti .
Sheikh Abdel Aziz Aoude ha detto ad Al-Monitor, "La nostra società è sempre stata religiosa, indipendentemente se governata  da un partito islamico o no  . Forse la religiosità a Gaza è solo una  forma e non include reali indicazioni sociali e culturali "
Anche se può essere diffusa  l'opinione che Gaza è una società conservatrice , non si sa dove questa idea sia nata . La  società non era come ora negli anni 1960 e 1970 . La tendenza verso il conservatorismo è nata con la prima intifada nel 1987 e con  la nascita dell'Islam politico in Palestina, rappresentato da Hamas .
Attualmente la religiosità sembra essere tornata ai tempi pre-Hamas. E 'difficile dire se questo indica una propensione verso l'ateismo, anche se ci sono molti atei dichiarati nella Striscia di Gaza.
Scrittore islamico Ahmad Abu Ratima ha dichiarato ad Al-Monitor che la società di Gaza sta affrontando condizioni sociali ed economiche difficili. Le ripercussioni psicologiche  impediscono alle  persone di comportarsi normalmente, ecco perché e necessario  un discorso religioso  capace di  affrontare i  problemi sociali  .Ora i giovani  scelgono o uno estremismo religioso o una  completa negazione della religione e dell'esistenza di Dio.
Madhoon  racconta:  "Mia  figlia  di sei anni è tornata a casa piangendo,  quando le bambine della sua età a scuola le hanno detto che la sua mamma è un' infedele e brucerà."
Non si aspettava questo tipo di attacchi feroci. Ha letto commenti negativi su Facebook di decine di uomini e donne che non conosce,ma  anche notato che un gran numero di sostenitori la descrivono come onesta e coraggiosa. Lei ha spiegato .di  non voler tenere il velo solo per soddisfare la comunità di Gaza:  " Di recente ho letto molto  e ha scoperto che la questione del velo è oggetto di discusiione nella religione. Ho riflettuto su questo per un anno intero. Ho pensato che sarebbe stato meglio togliere il velo  fuori Gaza,ma sono arrivata alla conclusione che devo essere io stessa dentro e fuori da Gaza. "
Abu Ratima : "Penso che il velo  sia un simbolo e  un' identità. È vero, dobbiamo essere aperti alla cultura umana e accettare pensieri innovativi, ma non dobbiamo abbandonare la nostra identità o completamente scioglierci  in un'altra cultura.. La vera fede viene dal libero arbitrio e non teme l'apertura. Abbiamo bisogno di trasformare la religiosità da obbligo sociale  a una libera scelta .La  situazione politica blocca gli orizzonti  della gente.  Se Gaza si apre al mondo, l'ambiente che genera il radicalismo religioso   o l' 'ateismo scomparirebbe."
Un'  altra attivista della società civile di Gaza recentemente si è tolta il velo. Ha detto ad Al-Monitor a condizione di anonimato, "La rimozione del velo a Gaza non può essere  generalizzata  in quanto è una scelta personale. Tuttavia è diventata fonte di discussione  nella nostra società. Le persone si immischiano nelle scelte personali degli altri  e  giudicano  la fedeltà alla  identità palestinese e religiosa dal fatto se  si è velate o no . Il blocco e la mancanza di vera comunicazione con il mondo esterno ha  creato un prototipo rigoroso per le donne, anche se la diversità aveva caratterizzato il popolo palestinese prima alla situazione attuale.
Mi aspettavo che  la mia decisione  avrebbe determinato questo caos perché ho capito il sistema sociale nel quale sono vissuta per 25 anni! Sono stata criticata e sottoposta a  pressioni  e ad accuse pesanti   ".
Abu Ratima ritiene che sia normale   avere domande e dubbi nella ricerca di noi stessi e della nostra identità: "In questo caso l'estremismo religioso piuttosto che la  profondità spirituale costituisce una minaccia".
Sheikh Aoude ritiene che i pilastri dell'Islam siano il credo, l'azione, l'etica e il pensiero. Egli considera una persona religiosa  come un individuo obiettivo aperto a tutte le culture e crede che il pensiero  sia un dovere islamico che non debba essere criticato.Nessuno  può sostenere  di essere  l'unico  rappresentante legittimo  dell'Islam .
Madhoon  conclude :.
«Non mi vergogno  di quando portavo il velo, è una fase della mia vita che ha formato la mia personalità. Anche se  ora alcune persone potrebbero vedere ciò come contraddittorio,il mio  spirito non è cambiato ".

Commenti

Post popolari in questo blog

Gad Lerner : commento sulla vicenda del piccolo Eltan sequestrato dal nonno materno e ora in Israele

Sophia Goodfriend : Quando il discorso politico palestinese è "incitamento". Mohammad Kana'neh

Haaretz : Israeli Grandfather Absconded 6-year-old Survivor of Italy Cable Car Accident on Private Jet

Over 100 international law experts sign letter against West Bank annexation