1 Maggio: la condizione dei lavoratori palestinesi in Israele

Pubblicato:
29 Apr 2015
Photo by Ron Amir, 2012, from a series depicting the lives of Palestinians working in Israel.

 Sintesi personale
Un paio di settimane fa abbiamo parlato con un certo numero di lavoratori palestinesi che vivono solo poche decine di chilometri da dove lavorano in Israele, ma per la difficoltà di raggiungere il loro posto di lavoro  vi restano per tutta la settimana, lontano dalle  loro famiglie e  dall' ambiente domestico. Un lavoratore ci ha detto: " Mi sento come  in una piccola prigione ".

In occasione della Giornata internazionale dei lavoratori, il primo maggio, pensare ai lavoratori che sono i più invisibili di tutti: i palestinesi.Pensare  alle decine di migliaia di persone che hanno un permesso di lavoro, ma devono trascorrere ore umilianti a un checkpoint affollato, persone per le quali ogni momento della loro routine quotidiana è parte di una lotta per la sopravvivenza In tali condizioni   protestare per una retribuzione equa, un orario di lavoro ragionevole e una pensione  futura non è altro che una chimera lontana.

Questa realtà è una diretta conseguenza della politica delle autorità israeliane che impediscono lo sviluppo di un'economia palestinese indipendente. Il lavoro in Israele è l'unica opzione disponibile per molti palestinesi  e i loro  diritti  vengono violati   prima di raggiungere il loro posto di lavoro. Le autorità israeliane, responsabili per la maggior parte di queste violazioni, sono ben consapevoli di questa realtà, ma non fanno nulla per cambiarla.

TestimonianzePhoto by Ron Amir, 2012, from a series depicting the lives of Palestinians working in Israel.

1 In mancanza di un permesso di lavoro israeliano, AH rimane confinato per settimane nel  cantiere in cui lavora:

 " Io vivo a Al-Fawar in Cisgiordania, a sud della città di Hebron. Lavoro nell'edilizia  in Israele, nella città di Beersheba. E 'difficile per un uomo della mia età ottenere un permesso di lavoro in Israele, così a volte devo correre il rischio ed entrare senza permesso. A volte  la polizia mi cattura e mi arresta.Così per  lunghi periodi di tempo devo dormire dove lavoro. A vote  i militari  sparano a chi  cerca  di entrare in Israele. Entrare illegalmente in Israele non è cosa facile. E 'molto pericoloso e incredibilmente stressante. È anche costoso . La maggior parte di noi dorme in loco, sul posto di lavoro. Alcuni lavoratori non  vanno a casa da  tre mesi.Dormo in un edificio che stiamo costruendo  su un materasso sul pavimento. Ho paura di essere scoperto dalla polizia e di essere arrestato. Chiedo  ai lavoratori che  hanno  i permessi di  comprarmi  cibo e altre cose. Mi sento   in una piccola prigione.  Guadagno circa 300 shekel [circa. USD 75] al giorno  molto più di quanto  guadagnerei a Hebron,se si è così fortunati  di trovare lavoro Dormo in condizioni non idonee per gli esseri umani. Non c'è elettricità nel palazzo e ho solo una coperta e un materasso  e ,naturalmente, nesssun tipo di assicurazione. Sono sempre in ansia e non riesco a smettere di preoccuparmi . A volte arriva la polizia al cantiere e  noi corriamo a nasconderci  in altri edifici. E 'successo anche oggi.Circa due mesi fa  mi hanno scoperto e sono rimasto  in prigione per due mesi. Spero davvero di mettermi in proprio, un giorno, in modo da poter vivere senza   stress e preoccupazione. 

AH  ha 37 anni, è celibe e vive a Al-Fawar Campo profughi, distretto di Hebron. , ha dato la sua testimonianza per telefono il 20 aprile 2015 a Musa Abu Hashhash, B'Tselem ricercatore nel distretto di Hebron. Tarqumya Checkpoint, 9 June 2013. Photo: Haaretz.

2    Vivo nel villaggio di Beit Ula, che si trova nel distretto di Hebron [Cisgiordania]. Lavoro come stuccatore nella città di Beersheba, Israele. Ho una laurea in infermieristica, ma ho deciso di lavorare in Israele perché posso fare molti più soldi lì. Mi sono impegnato un anno fa e io voglio sposarmi presto e mettere su famiglia. Io preferisco dormire nel mio posto di lavoro, nonostante le condizioni difficili, piuttosto che sopportare ogni mattina il calvario del viaggio estenuante da casa, attraverso il posto di blocco,  al mio posto di lavoro.Ogni Domenica vado a Tarqumya Checkpoint intorno 04:00 e aspetto  con migliaia di altri lavoratori, molti gli spintoni   per raggiungere il punto di controllo che si apre verso le 05:00 A quel punto il calvario inizia :  controlli umilianti e perquisizioni. Mi manca molto la mia famiglia e la mia fidanzata. So che è molto duro anche  per loro.Le condizioni di lavoro  sono dure . Faccio circa 250 shekel [circa. USD65] al giorno per dieci ore. Dormo in condizioni non idonee  in cantiere. Tutto quello che ho è un materasso sul pavimento e una coperta. Non c'è riscaldamento o servizi  igienici di base. In inverno ho molto freddo e in estate il caldo è terribile, ma non c'è altra scelta.

Preparo i pasti con gli altri lavoratori per risparmiare denaro.
MD, 24 anni, di Beit Ula nel distretto di Hebron, è fidanzato ha dato la sua testimonianza per telefono il 20 aprile 2015 per Musa Abu Hashhash, B'Tselem  ricercatore nel distretto di Hebron.

3   Photo by Ron Amir, 2012, from a series depicting the lives of Palestinians working in Israel. 

Io vivo a Hebron con mia moglie e tre figli. Il nostro figlio maggiore ha sette anni. Ho un permesso di lavoro in Israele nella manutenzione e nella posa di condotte di acqua nella città di Ashdod.
Preferisco dormire nel mio posto di lavoro per tutta la settimana, da Domenica a Giovedi. E 'davvero dura per me e per la mia famiglia ..
La domenica  lascio a casa alle 03:00 e arrivo a Meitar Checkpoint, a sud di Hebron, alle 4:00. C'è già  una lunga fila di migliaia di lavoratori. Ognuno spinge e grida . In inverno ho   davvero  freddo. Il checkpoint apre alle 05:00 e  siamo sottoposti un controllo molto accurato. A volte alcuni di noi sono inviati in un'altra stanza dove  c'è il metal detector. Siamo molto spaventati da quella macchina perché alcune persone dicono che è dannosa  per la salute, ma non abbiamo scelta. Dopo tutte le verifiche mi ci vuole un'altra ora per recarmi al lavoro.

.
'O.Kh., 37, di Hebron, è sposato e ha tre figli. Ha  dato la sua testimonianza per telefono il 20 aprile 2015 per Musa Abu Hashhash, B'Tselem  ricercatore nel distretto di Hebron.

Palestinian workers run through gap in Separation Barrier, southern West Bank. Photo: ‘Ammar ‘Awad, Reuters, 6 July 2013. Click on photo to enlarge 

Io vivo a Beit Ula nel distretto di Hebron in Cisgiordania  e lavoro nella città di Beersheba in Israele. Io non ho un permesso di lavoro. Sono fidanzato da oltre un anno, ma non possiamo sposarci perché non ho soldi. Ecco perché ho deciso di entrare in Israele per lavorare pur non avendo un permesso. Io lavoro in condizioni molto difficili e ho sempre paura che la polizia mi arresti come è già capitato.  So che è molto pericoloso, ma non ho scelta. Non ci sono posti di lavoro   dove vivo. Devo lavorare per risparmiare soldi così posso sposarmi e mettere su famiglia, e anche aiutare i miei genitori,i fratelli e le  sorelle.
Sono stato lontano da casa per più di due mesi e posso stare in Israele un altro mese  e sento la mancanza della mia famiglia e della mia fidanzata  . Non ho scelto questa strada. Non ho scelta.
Mi avvicino  a un buco nella recinzione della barriera di separazione  al confine con Israele. Aspetto per ore, fino a quando non mi sento sicuro . Recito anche le preghiere quando sono sulla strada con l'autista beduina che guida  senza prudenza e aumenta la mia paura  E 'un viaggio molto pericoloso  ecco perché rimango in cantiere il più a lungo possibile.
Continuo a sentir parlare di operai che la polizia ha catturato nei pressi del confine. Ho sentito che sparano ai lavoratori  e alcuni sono stati addirittura uccisi. Sono ansioso non solo quando io attraverso il confine, ma anche sul lavoro. Continuo a controllare per vedere se ci sono poliziotti in giro. So che spesso arrivano nei cantieri, alla ricerca di lavoratori palestinesi illegali. Arrivano di giorno e di notte. Fuggo  e mi nascondo nelle vicinanze.Di notte  dormo con gli occhi aperti, perché sono nervoso e spaventato.
Tutto quello che ho è un materasso e una coperta. Mi sposto da un luogo all'altro  per sicurezza. Di notte  copro le finestre con teli di plastica, perché  c'è molto freddo. Non ho  accendo il fuoco, in modo da non attirare l'attenzione della polizia.
Non lascio mai l'area del cantiere. Mi sento come se fossi in una prigione per mia scelta.Preparo cibo con gli altri lavoratori e chiedo agli amici con i permessi di comprarmi generi alimentari. Non ci sono  servizi igienici, lavandino o doccia  o elettricità. Non ho scelta..
Ogni mattina ringrazio Dio perchè ho   trascorso  un'altra notte senza essere arrestato. Continuo a ripetermi che questa sofferenza è la mia unica opzione.
 
J.'A., 27, di Beit Ula nel distretto di Hebron è fidanzato. Mentre era al suo posto di lavoro in Israele, ha dato la sua testimonianza per telefono il 20 aprile 2015 per Musa Abu Hashhash, B'Tselem campo ricercatore nel distretto di Hebron.

International Workers’ Day: The most invisible workers of all

Commenti

Post popolari in questo blog

Gad Lerner : commento sulla vicenda del piccolo Eltan sequestrato dal nonno materno e ora in Israele

Sophia Goodfriend : Quando il discorso politico palestinese è "incitamento". Mohammad Kana'neh

Haaretz : Israeli Grandfather Absconded 6-year-old Survivor of Italy Cable Car Accident on Private Jet

Over 100 international law experts sign letter against West Bank annexation