Yonatan Shapira : Ero "parte di una organizzazione terroristica"

Israel’s policy of “targeted assassinations” prompted Yonatan Shapira to ask why he was serving in its military.
electronicintifada.net
Sintesi personale
 
 Yonatan Shapira è nato in una base militare israeliana . Suo  padre partecipò alla  guerra di ottobre del 1973 . Trent'anni dopo, dodici dei quali utilizzati come pilota dell'aeronautica, Shapira nel  2003, ha scritto una lettera , impegnandosi a non sorvolare nè la  Cisgiordania nè la Striscia di Gaza .
Shapira è tra i pochi israeliani che supporta il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) contro Israele. Inoltre è stato attaccato dai militari israeliani per aver tentato di  rompere l'assedio di Gaza.

Ryan Rodrick Beiler: Cosa ha significato per te   crescere in una famiglia di militari?
Yonatan Shapira: L'educazione che ho ricevuto era di pace,  di uguaglianza , di libertà e impregnata di valori socialisti : la cura per l'altro, la cura per i poveri,  ma al tempo stesso di negligenza  verso la Palestina. Mentre a scuola imparavo tutto ciò, l'esercito israeliano era impegnato nell'occupazione , negli espropri di terre, negli insediamenti , nei  massacri, nella deportazione di attivisti palestinesi.
Ma non sapevo queste cose. Ho veramente creduto di  difendere il mio paese. Volevo essere come mio padre. Volevo essere un pilota .  Sono diventato un pilota di elicottero e ho partecipato a missioni di soccorso e di trasporto commando.
RRB: Quando hai iniziato a mettere in discussione le azioni dei militari?
YS: Ho capito qualcosa era marcio quando il governo israeliano ha iniziato quello che è stato chiamato il "policy assassinio" nel 2001-2003.La resistenza palestinese non è riuscito a portare la liberazione e i più estremi atteggiamenti hanno avuto luogo, come ad esempio attentati suicidi e altre forme di [] lotta armata. Il governo ha pensato di assassinare tutti quelli che avevano a che  fare con la resistenza armata.
I piloti furono inviati con missili a sparare sulle macchine di queste persone . In principio  venivano colpiti    fuori dalle città, poi nelle città  e infine  anche  nel bel mezzo del mercato o nella loro casa di notte con tutta la famiglia intorno.
Nel luglio 2002 la casa di Salah Shehadeh, capo del braccio armato di Hamas a Gaza, è stata bombardata nel bel mezzo della notte con un F-16   . Una bomba da una tonnellata uccise  una quindicina di persone, la maggior parte dei quali bambini  e circa 150   rimasero feriti. Per me era  un attacco terroristico  e io facevo  parte di una organizzazione terroristica.
Il comandante della forza aerea precisò che tutto  era stato fatto alla perfezione  e i piloti potevano dormire sonni tranquilli :  quando qualcuno dice che si può dormire bene la notte, forse è il momento di svegliarsi e cominciare a pensare.Io  e alcuni amici,  abbiamo deciso di fare qualcosa. E 'stato come un parto per noi. Abbiamo finito un capitolo della nostra vita e  siamo diventati  pacifisti, attivisti per i diritti umani, attivisti per la libertà. Agli occhi di molti siamo diventati traditori.. Nel 1982 ci sono stati molti che  hanno rifiutato di partecipare alla guerra in Libano e sono stati inviati in prigione. Un altro gruppo, nel 2002 era  disposto  ad andare in prigione invece di fare servizio di riserva in Cisgiordania e a Gaza.
Più di recente 43 soldati della unità chiamata 8200 hanno dichiarato  di non essere  disposti a partecipare a queste azioni criminali.
Ci vuole un sacco di coraggio per fare una cosa del genere quando si ha diciotto anni. Non ho avuto questo coraggio. Non ho avuto queste informazioni. Mi ci sono voluti dodici anni nell' 'aviazione per capire, ma era necessario fare un altro passo : diventare parte della soluzione . Abbiamo pensato di 
incontrare gli ex-combattenti palestinesi e di trovare un terreno comune. Nel 2005-2006 abbiamo creato  un'organizzazione chiamata Combattenti per la Pace. E 'stata una delle esperienze più significative che abbia mai avuto in vita mia  l'  entrare in una stanza con persone che prima  avrebbero potuto ucciderti  e  tu avresti potuto uccidere  Improvvisamente ci si siede in una stanza e si parla della tua storia , della tua famiglia e degli  amici. Quando si lascia la stanza sei una persona diversa. Il "noi" e il "loro"  non posssono esistere più. Ci siamo resi conto che siamo in realtà molto più simili   che diversi E 'stata una cosa molto importante per noi, per i palestinesi e per gli israeliani. Più tardi, tuttavia, mi sono reso conto che il quadro era problematico perché non è un conflitto di parti uguali. Non è che ci sono due paesi che lottano tra di loro. E 'una lotta coloniale tra  colonizzatore e colonizzato.
RRB: Qual è il tuo ruolo di attivista israeliano, quando le due parti non sono uguali?
YS:   diventare un refuser, un obiettore di coscienza è un grande passo. Poi ti rendi conto che non si tratta di te. .La mia vita  è bella rispetto alle persone che vengono massacrate a Gaza. Il passo successivo per me  è  stato rendersi conto che abbiamo bisogno di unire la  realtà alla lotta per la liberazione.
RRB: il  dialogo può  ancora essere una forza di liberazione?
YS: Sto cercando di non lasciar andare  via questo strumento, perché sento che si tratta di uno strumento che crea  sempre più attivisti. E abbiamo bisogno di più attivisti,ma  dobbiamo fare in modo che il contesto evidenzi  lo squilibrio di potere e la realtà sul terreno. Io davvero credo che a questo punto il dialogo potrebbe essere uno strumento legittimo nel contesto Israeliano-Palestinese solo se vi è un programma radicale sovversivo che viene concordato da tutti .
Se  bambini israeliani  entrano nell'esercito e i bambini palestinesi in carcere per aver partecipato a una manifestazione  non hai fatto nulla, hai solo  aiutato, soprattutto gli israeliani, a sentirsi un po 'meglio, così come i donatori europei o americani.
Ora stiamo toccando la questione della normalizzazione . Stiamo cercando di collaborare con i nostri partner palestinesi ( entro i confini del 1948 ) per non diventare strumenti per il mainstream israeliano nel sentirsi bene con l'occupazione. E 'un processo delicato, ma abbiamo un ordine del giorno chiaro. Cerchiamo di alzare voce per fare in modo che le questioni fondamentali di ingiustizia, come la  Nakba , siano presenti e  ciò ha un effetto sorprendente.
RRB: Lei parla di normalizzazione, ma c'è chi dice che ogni collaborazione con gli israeliani - anche  con gli attivisti , è una forma di normalizzazione.
YS: Alcuni palestinesi non vogliono avere alcun contatto con gli israeliani perché tutto è normalizzazione, quindi non si può lottare insieme. Okay, posso vivere con questo. E posso capire da dove proviene questo pensiero . Riesco a vedere il dolore. Riesco a vedere la rabbia.
Vi è anche una base filosofica che io rispetto. È possibile leggere Steve Biko e Frantz Fanon: i bianchi non potranno mai capire che cosa i neri stanno attraversando e ogni partecipazione alla lotta è dovuta al tentativo in parte di alleviare i loro sentimenti di colpa e , così, danneggiarla.
Queste sono preoccupazioni valide. Tutto ha i  pro e  i contro e vedo i pro della lotta unitaria. 
RRB: Qual è il tuo rapporto con il movimento BDS?
YS: Io sono un membro di Boicottaggio from Within - costituito da persone provenienti dalla società israeliana che sostiene il boicottaggio come gli  attivisti bianchi in Sud Africa hanno sostenuto il boicottaggio contro l'apartheid . Non è un grande gruppo, ma questo è il seme della futura convivenza. Ora  è meglio parlare  di co-resistenza  nel lottare insieme. Facciamo resistenza alle politiche di apartheid. Facciamo resistenza alla politica del razzismo insieme e allora possiamo coesistere.
Guardo le linee guida del movimento BDS  e mi sento totalmente a mio agio. Hanno tre obiettivi principali:  porre fine all'apartheid per i palestinesi entro i confini del 1948,  terminare il controllo su Gaza e la Cisgiordania  e  promuovere il diritto al ritorno dei milioni di profughi palestinesi in tutto il mondo.
  L 'occupazione è un  male, dovrebbe finire. Non devi essere un radicale israeliano per sostenerlo,ma il diritto al ritorno tocca la nozione stessa di stato ebraico. Anche per un israeliano molto progressista è qualcosa di duro, si  deve passare attraverso uno sforzo emotivo per rendersi conto che avere la pace e la libertà con qualcuno vale più di ogni altra cosa .
RRB: Ci sono segnali di speranza?
YS: Anche se faccio  cose come  partecipare alla flottiglia per Gaza e pagare ciò  con  un paio di giorni di carcere, è sorprendente quante volte in strada incontro qualcuno che mi abbraccia e mi  dice  grazie. Noi rappresentiamo  ciò che la gente pensa, anche se non è radicalizzata  Quindi non  siamo  solo un piccolo gruppo di persone folli.
  Se si va nei campus oggi degli Stati Uniti l'atmosfera è completamente diversa rispetto a dieci anni fa. .Molti degli attivisti dei comitati Palestina sono studenti ebrei. I loro genitori   sostengono l' AIPAC e le lobby ebraiche di destra, ma la seconda generazione è con i palestinesi  e  lavorano insieme fianco a fianco
   come Jewish Voice for Peace  Essi rappresentano il futuro e la nuova generazione di ebrei negli Stati Uniti.
Il movimento BDS non aspetta i politici. Milioni di persone in Europa, negli Stati Uniti, nel resto del mondo ci sostengono. Forse rispetto agli ebrei israeliani  sono ancora una minoranza, ma nel complesso, in tutto il mondo, vi è una crescente sostegno. Il boicottaggio  non è contro gli ebrei , non è contro gli israeliani. E 'per il futuro dell'esistenza reciproca in questo pezzo di terra. E per la questione di uno stato o di due stati ,c'è già uno stato. L'unica domanda è se resterà un apartheid Stato o  diventerà  un luogo uguale per tutti.
Ryan Rodrick Beiler è un fotoreporter freelance e membro del collettivo Activestills. Ha vissuto in Palestina 2010-2014. Ora vive a Oslo, in Norvegia.

Commenti