Gideon Levy: La situazione del lavoratore palestinese



Sintesi personale
Israeliani li vedono e non  li vedono . Non abbiamo idea di quello che sopportano e non ci importa. Le persone che costruiscono le nostre case e le nostre strade hanno lasciato le loro case circa  alle 02:00 di notte . Torneranno in serata dopo una lunga, estenuante giornata di lavoro, quasi 24 ore di duro lavoro, duro viaggio e umiliazione.  Mentre alcuni israeliani  vanno a lavorare  con gli occhi annebbiati, perché il loro bambino li ha svegliati due o tre volte durante la notte, queste persone non conoscono il giorno o la notte.
Si dividono in fortunati e sfortunati. Poche  decine di migliaia hanno permessi di lavoro per Israele - 47.350 a marzo  e qualche decina di migliaia vi entra senza permessi. Quelli con permessi di viaggio fanno questa Via Dolorosa ogni notte; coloro che si intrufolano  rimarranno  in cantiere per due o tre settimane, passando lunghe  notti fredde  con la paura di essere scoperti. Sono i clandestini. Se catturati saranno trattati come animali . Dopo alcune ore di discussione verranno scaricati sul lato opposto del posto di controllo, come spazzatura. A volte saranno arrestati o multati. Torneranno. Non hanno scelta. Alcuni pagano con la vita per questo viaggio in cerca di lavoro.
Vengono in Israele a causa della povertà e della disoccupazione della Cisgiordania,  il risultato diretto della chiusura e dell'occupazione imposto da Israele. Le loro condizioni di vita e di lavoro sono peggiori anche di quelle dei lavoratori di una fabbrica in Estremo Oriente : possono  almeno addormentarsi in una macchina,  molti sono vicino alla fabbrica e non ci sono "illegali". E 'dubbio che i lavoratori cinesi siano umiliati come i loro omologhi palestinesi lo  sono, anche se i palestinesi sono pagati molto più.
Israele ha bisogno di loro e sa come sfruttare la loro debolezza. Essi pagano migliaia di shekel per makhers che organizzano un permesso di lavoro per loro ogni pochi mesi e sono disposti a subire qualsiasi difficoltà perché non hanno scelta. La scorsa settimana  circa 5.000 i palestinesi che lavorano in Israele hanno organizzato uno  sciopero" per protestare contro le condizioni intollerabili al checkpoint, ovest di Tul Karm,  in fase di ristrutturazione :  Irtah (Sha'ar Efraim). Le condizioni giorno sono  migliorate e sono tornati al lavoro  e all'umiliazione.
Ma non c'è solo Irtah . Ogni passaggio ha lo stesso sovraffollamento terribile , passaggi sbarrati che assomigliano  a scivoli  per bovini. Ci si fa strada con  spintoni, ci sono alcuni che svengono: l'unico contatto umano è costituito da voci invisibili . Ho visto con i miei occhi il Betlemme Checkpoint 300, e di nuovo la settimana scorsa su  Canale 1il  servizio televisivo di  Yoram Cohen. "Nessuno conosce il sistema come noi", ha detto Machsom Watch -Il sistema ha la funzione di  opprimere, umiliare e peggiorare le cose in modo che i soggetti abbiano sempre più  paura."
  Queste sono le persone con permesso di lavoro che hanno superato tutti i controlli di sicurezza, la maggior parte di loro è  relativamente anziana .
Questo è il modo in cui è notte dopo notte  il rituale della sicurezza giustifica tutto. E 'difficile capire come tutto questo non esploda. Come l'odio che si accumula durante la notte non esploda in violenza terribile : notte dopo notte  sopportare questo  e tacere,ma  la maggior parte degli israeliani non si preoccupa.
La prossima volta che un israeliano si astiene da acquistare scarpe da ginnastica o un cellulare prodotto in Asia, lui o lei dovrebbro  ricordare: il sweatshop più brutale è vicino alle loro case. Basta guardare una volta il volto triste del lavoratore  che costruisce la vostra casa; provare  a immaginare quello che ha passato e mettersi nei suoi panni. Anche lui è un essere umano.

Commenti

Post popolari in questo blog

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Sophia Goodfriend : Quando il discorso politico palestinese è "incitamento". Mohammad Kana'neh

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Combatants for Peace : portano l'acqua ai Palestinesi di Hebron, arrestati. Il teschio come simbolo dell'esercito Testimonianza di Mossi Raz