Gisha : libertà di movimento a merci e a persone a Gaza


 Sintesi personale
 L'enormità della distruzione, l'alto numero di morti e i  traumi causati dalla recente round di combattimenti a Gaza e in Israele evidenziano  che  la chiusura di Gaza, al di là della posizione etica , non è riuscita a raggiungere i suoi obiettivi. Gisha pubblica un nuovo documento chiedendo a Israele di porre fine alla chiusura e annullare la politica di separazione.
" Israele ha imposto restrizioni ai movimenti  dei civili  tra Gaza e la Cisgiordania, il divieto di commercializzazione delle merci da Gaza in  Israele e in Cisgiordania e restrizioni all' l'ingresso di materiali da costruzione . Queste restrizioni sono state apparentemente fondate su esigenze di sicurezza , ma hanno superato di gran lunga quello che era necessario per la sicurezza, violando i diritti della popolazione civile e danneggiando l'economia  di Gaza.
Israele ha il diritto e anzi il dovere di proteggere i suoi cittadini ,ma  non ogni restrizione è consentita. La chiusura di Gaza non fa distinzione tra civili e combattenti e viola i diritti e le esigenze di 1.760.000 residenti palestinesi della Striscia, la maggior parte dei quali sono bambini. La chiusura civile è incompatibile con gli obblighi di Israele ai sensi del diritto internazionale. E 'tempo che finisca.
Sollevamento della chiusura renderebbe possibile una vita normale  agli  studenti di Gaza  che potrebbero studiare nelle  università in Cisgiordania,  ai  lavoratori edili ,alle persone   che potrebbeo riunirsi con parenti che non hanno visto per anni,  agli uomini d'affari e alle donne permettendo loro di sviluppare le loro imprese e di accedere a opportunità professionali, agli agricoltori che potrebbero vender i loro prodotti e provvedere alle loro famiglie. Migliorare le condizioni per la popolazione civile di Gaza non   compromette le esigenze di sicurezza di Israele. Al contrario, nel lungo periodo, è l'unico modo per raggiungere una sicurezza sostenibile nella regione.
Israele deve abbandonare la " politica di separazione " che divide Gaza e la Cisgiordania e nega l'accesso  alle   due parti del territorio palestinese. Fatte salve le misure di sicurezza adeguate, si deve  permettere  il transito  dei prodotti da Gaza al  mercati in Israele e in Cisgiordania  e consentire ai residenti di Gaza, nei settori pubblico e privato allo stesso modo,l'acquisto di materiali da costruzione.
Nelle ultime settimane, sia i funzionari israeliani che stranieri di alto livello, tra cui il capo di stato maggiore israeliano Benny Gantz (ebraico), hanno convenuto che Israele ha l'obbligo di consentire la ricostruzione  e  lo sviluppo di  Gaza.  
Per leggere l'intero documento clicca qui  qui .


Commenti

Post popolari in questo blog

Gad Lerner : commento sulla vicenda del piccolo Eltan sequestrato dal nonno materno e ora in Israele

Sophia Goodfriend : Quando il discorso politico palestinese è "incitamento". Mohammad Kana'neh

Haaretz : Israeli Grandfather Absconded 6-year-old Survivor of Italy Cable Car Accident on Private Jet

Over 100 international law experts sign letter against West Bank annexation