Israele: "io non sto in piedi nel Giorno della Memoria, quando suonano le sirene"


 

 Sintesi personale

Quest'anno, da quando il ministro dell'Istruzione, Shay Piron ha deciso di insegnare ai miei figli l'Olocausto, non sto in piedi  quando suonano le sirene  commemorative per la prima volta nella mia vita. Mio figlio maggiore, 6 anni, mi ha chiesto  "Mamma, perché hanno ucciso tanti di noi durante la seconda guerra mondiale?" Anche  mio figlio ,   4 anni , tornato dalla  scuola materna mi ha posto domande simli  ,allora  ho guardato fuori dalla finestra le auto ferme in una fila ordinata e le persone in piedi accanto a loro . Ho esclamato: "al diavolo" e  ho continuato la pulizia della cucina.
Al diavolo il sistema di istruzione che ha per decenni utilizzato il ricordo dell'Olocausto per creare cittadini obbedienti e coltivare il militarismo sfrenato in loro. Mi ricordo che 23 anni fa, quando studiavo  in un liceo esclusivo a Ramat Hasharon, guardavo con meraviglia i battaglioni dei miei compagni di ritorno dalla Polonia che dicevano con  antipatia, "Never again. Dobbiamo essere forti. Quei maledetti polacchi. Quei maledetti tedeschi. Abbiamo bisogno di un forte esercito. "
Quante classi di studenti delle scuole superiori hanno subito questa kitsch indottrinamento nazionalistico e sono tornati  con la stessa conclusione? Introducendo l'educazione sull'Olocausto nella scuola materna, Piron non ha inventato nulla:  ha appena abbassato l'età in cui l'indottrinamento inizia  innestando un paio di traumi ai nostri figli.
Al diavolo il primo ministro Benjamin Netanyahu che per anni ha utilizzato l'Olocausto nel modo più cinico per diffamare l'ultimo acerrimo nemico  come l' Iran o Hamas, ma si rifiuta di accettare la dichiarazione storica del  presidente palestinese Mahmoud Abbas , sostenendo che è  un trucco politico. Al diavolo tutti i politici che hanno usato la memoria dell'Olocausto per negare a un altro popolo  diritti per decenni.
Al diavolo il ministro dell'Interno Gideon Sa'ar che il Giornodella memoria ha fatto un discorso infuocato contro l'antisemitismo, ma getta persone innocenti in prigione per un tempo illimitato, tra cui donne e bambini , solo per il colore della loro pelle.
Al diavolo il il ministro delle Finanze Yair Lapid, che usa questo giorno come una opportunità per le relazioni pubbliche a scapito dei sopravvissuti. Al diavolo tutti quelli che  ci convincono che noi  siamo sempre la vittima. Al diavolo la persecuzione delle organizzazioni per i diritti umani. Al diavolo anche il presidente Shimon Peres che è attento a dire  parole giuste a favore della pace e contro il razzismo, mentre il paese che rappresenta agisce in modo esattamente opposto.
E al diavolo tutte le "vergognose" immagini degli ultra-ortodossi e ebrei laici che non stanno  sull'attenti durante la sirena e hanno il coraggio di giocare a calcio o fare un barbecue alla vigilia del Giorno della Memoria. Come se qualcuno di noi avesse firmato un contratto  che ci obbliga a piangere durante un particolare minuto nazionale.
Mia madre è una sopravvissuto all'Olocausto. Non ho bisogno   di questo giorno per ricordare le storie della sua infanzia, che si è conclusa all'età di 5 anni, o di suo nonno, morto nella neve. Non ho bisogno delle loro sirena per sapere cosa ho imparato dall' 'Olocausto e ciò che io voglio insegnare ai miei figli: :  il razzismo e l'intolleranza sono pericolosi virus che possono infettare ogni democrazia e anche distruggerla e dobbiamo stare attenti a ogni leader che demonizza una diversa minoranza etnica.
  Io non sto in piedi il Giorno della Memoria. Invece, un po 'più tardi, ho chiamato mia madre. Quello era il mio minuto di silenzio.

Why I didn’t stand for the siren

Commenti

Post popolari in questo blog

Zuheir Dolah : ha 76 anni e resiste da anni al tentativo di confisca israeliana. La storia di Hayel Mahmoud Bisharat ,

Il prigioniero Zakaria El Zebedi invia un messaggio tramite i suoi avvocati agli israeliani: ′′ Da Facebook ( in ebraico e inglese)

Yuval Harar : Esame per Yom Kippur, giustizia e fedeltà tribale, etica e interesse

Alberto Negri: L’«anglosfera» fa fuori anche Fincantieri