Donne palestinesi riprendono l'occupazione con videocamere



Negli ultimi anni  le donne palestinesi provenienti da tutti i ceti sociali hanno preso parte ad un progetto video per documentare le violazioni dei diritti umani sotto l'occupazione. In onore della Giornata internazionale della donna, una di loro racconta la sua storia.
Sintesi personale
 Manal Ja'bri
Il mio nome è Manal Ja'bri, ho 38 anni di età e ho sette figli, di età compresa tra i  9 e i 18 anni, e io sono l'unica a lavorare nella mia famiglia. Sono cresciuta in una casa vicino l'insediamento  di Kiryat Arba. I coloni hanno bruciato la  casa della mia famiglia .  Uno dei problemi nella società palestinese è che le persone non distinguono tra israeliani, ebrei e coloni - sono tutti coloni per noi. Anch'io la pensavo nello stesso modo, ma nel corso degli anni ho imparato a capire la differenza.
Tre anni fa ho letto che  B'Tselem, un'organizzazione israeliana finalizzata a documentare le violazioni dei diritti umani nei territori occupati, cercava ricercatori   in Cisgiordania e a Gerusalemme Est, dove le tensioni sono alte e gli scontri sono all'ordine del giorno, per utilizzare telecamere   e documentare le  violazioni israeliane.  Il filmato evidenzia all'opinione pubblica israeliana e internazionale la realtà della vita sotto l'occupazione.
Quando ho iniziato a lavorare per B'Tselem sono stato spesso criticata dai palestinesi   in quanto lavoravo per un'organizzazione israeliana. Col tempo, però, i palestinesi hanno imparato a fidarsi di B'Tselem, perché sanno che le nostre telecamere sono là fuori per salvaguardare i loro diritti umani. Oggi, io sono responsabile del progetto video di B'Tselem e mi sento più fiera, più forte e più sicura di me 
'Atta Najar, Salam Najar e Mi'ad Najar controllare le telecamere e confronta filmati in Hebron. (Foto: B'Tselem)
'Atta Najar, Salam Najar e Mi'ad Najar controllano  le telecamere e confrontano i filmati. (Foto: B'Tselem)
I miei figli   sono stati criticati a scuola dai loro amici perché "la madre lavora con gli ebrei." La mia  famiglia non approvava il mio lavoro, sostenendo che "è un lavoro da uomo". Eppure, col passare del tempo, tutti si sono resi conto che lavoravo per il loro bene e la mia famiglia ha visto come sono stata in grado di sostenere i miei figli.
Il mio telefono squilla non-stop: le vittime chiamano per segnalare abusi,  volontari chiamano per segnalare gli incidenti che hanno filmate, giornalisti e attivisti per i diritti umani provenienti da altre organizzazioni chiamano per chiedere informazioni su eventi specifici,  giovani uomini e donne chiamano e chiedono di entrare nel progetto video.  Con una macchina fotografica in una mano e le carte degli altri, inizio la mia corsa  quotidiana da checkpoint a checkpoint. Il lavoro ha orari insoliti, tanto che spesso torno a casa a tarda notte o deve uscire  per documentare gli abusi  a  tarda notte.
Molte volte i soldati e i  coloni imprecano contro di me, a volte io sono attaccata e arrestata. L'umiliazione di essere arrestata e il  trattamento che subiamo  da parte dei soldati è spesso molto difficile da affrontare.
Oggi, oltre al sostegno della mia famiglia, ho anche il sostegno dei miei colleghi. Questo mi ha reso quello che sono ora: un modello agli occhi delle donne volontarie  del progetto video. Sono molto orgogliosa di queste donne  che sono diventate molto più forte e sicure di sé.
Abbiamo introdotto una nuova cultura nella nostra società conservatrice, una cultura in cui le donne stanno coraggiosamente  affrontando con le loro macchine fotografiche soldati e posti di blocco. I soldati   si stanno abituando a questa vista, la presenza della fotocamera  li calma, impedendo in tal modo la violenza potenziale.   Penso che il mio lavoro   sia un modo per combattere l'occupazione, documentando e filmando   quanto accade .
In questa giornata internazionale della donna, vorrei una vita migliore per le donne palestinesi, molte delle quali sono state uccise in episodi di violenza domestica .
Vorrei che  fossimo in grado di camminare liberamente senza bisogno di una macchina fotografica per difenderci o per documentare le umiliazioni dell'occupazione.
Vorrei iniziare a utilizzare le telecamere per mostrare la bellezza della nostra natura e città.
Vorrei una vita dignitosa  per tutte le donne di tutto il mondo e per le loro famiglie   e per i loro  bambini.
Women behind the lens: Palestinians filming the occupation | +972 Magazine

Commenti

Post popolari in questo blog

Gideon Levy : Nessun cambiamento a Gerusalemme o a Gaza

Gerusalemme : Il parlamentare Ofer Cassif - l'unico membro ebreo della Lista Unita "i giudeo-nazisti urlano "Muhammad è morto", "Morte agli arabi" e "Che il tuo villaggio bruci".

ENTSAR ABU JAHAL :iniziati I campi estivi per i bambini di Gaza traumatizzati dalla guerra

Approvata la Marcia delle Bandiere per Gerusalemme nonostante le minacce di Hamas